Disarmo

RSS logo

Mailing-list Disarmo

< Altre opzioni e info >

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009 - 74100 Taranto (TA)
  • Conto Corrente Bancario n. 115458 c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink (IBAN: IT05 B050 1802 4000 0000 0115 458)
Motore di ricerca in

Lista Disarmo

...

Articoli correlati

  • L'ONU adotta il divieto delle armi nucleari. Stati Uniti e altre potenze nucleari continuano il boicottaggio
    In realtà questi governi stanno finanziando nuove generazioni di armi nucleari

    L'ONU adotta il divieto delle armi nucleari. Stati Uniti e altre potenze nucleari continuano il boicottaggio

    per i paesi contrari al ‘Nuclear Ban’ solo con Trattato di non proliferazione (Tnp) è possibile arrivare ad un disarmo multilaterale
    23 agosto 2017 - Rossana De Simone
  • Nuclear Zero
    Dalla sofferenza di chi ha subìto le conseguenze dei test nucleari nel Pacifico, alla petizione per una condanna legale verso i possessori dell'atomica

    Nuclear Zero

    Il prestigioso "Sean MacBride Peace Prize" al governo e alla popolazione delle Isole Marshall per il coraggio nell'avere avviato la petizione di condanna alla Corte Internazionale di Giustizia
    5 gennaio 2015 - Roberto Del Bianco
Chi si ricorda dell'atollo di Bikini?

Nuclear Free and Independent Pacific Day

La Giornata per il Pacifico Indipendente e libero dal nucleare, nel ricordo del test atomico di 62 anni fa. Dalla Nuova Zelanda, dal Movimento pacifista Aotearoa, storia e dettagli quasi sconosciuti qui in Occidente
1 marzo 2016 - Roberto Del Bianco

L'atollo di Bikini

62 anni esatti dal test nucleare "Castle Bravo", l'esplosione della bomba all'idrogeno sull'atollo di Bikini. Un cratere profondo 200 piedi e largo un miglio ma per gli Stati Uniti solo uno tra le decine di test atomici che dal 1946 hanno devastato per dodici anni la superficie e il mare delle isole Marshall.

I popoli del Pacifico non dimenticano. E come farebbero, dato che i detriti radioattivi dell'esplosione si depositarono sull'isola di Rongelap a 100 miglia di distanza, e su Ultrick a 300 miglia, inquinando per gli anni a venire un'area di 7000 miglia quadrate - e le cui tracce radioattive vennero segnalate un po' in tutto il mondo?

Gli abitanti delle isole Marshall e di quell'area del Pacifico dovettero subire dal 1946 al 1958 gli effetti di 350 esplosioni atomiche provocate da Stati Uniti, Francia e Gran Bretagna, in una sorta di esperimento macabro per il "progresso" della supremazia nucleare dell'Occidente.

 

Leggiamo quanto Aotearoa dichiara nel suo comunicato:

La torre per il test nucleare sull'atollo di Bikini

"Il Nuclear free and Independent Pacific Day è un giorno per ricordare che continua ancora oggi l'arrogante mentalità coloniale che ha permesso e anzi incoraggiato l'orrore descritto in precedenza, e che il Pacifico non rimane né 'Nuclear free' né indipendente.
Il Pacifico è una delle regioni che viene e che continuerà ad essere più influenzato dai cambiamenti climatici e da fenomeni meteorologici estremi che stanno interessando le isole basse e i popoli del Pacifico che dipendono dalle risorse naturali per il cibo, vestiti e riparo, e su fonti d'acqua vulnerabili alla salinizzazione dovuta all'innalzamento del livello del mare. Eppure la stragrande maggioranza dei combustibili fossili e le emissioni di gas ad effetto serra non provengono dalle nazioni insulari del Pacifico.
Il Pacifico è anche una delle regioni più militarizzate del mondo, ma solo quattro nazioni insulari del Pacifico possiedono forze armate. La stragrande maggioranza della militarizzazione nel Pacifico proviene da fuori: basi militari, esercitazioni di addestramento militare e occupazione militare da parte delle forze armate di Indonesia, Francia e Stati Uniti in particolare, insieme ad Australia, Gran Bretagna, Cina, Nuova Zelanda, Russia e altri."

E il comunicato si conclude così:

"E' un giorno per celebrare il coraggio, la forza e la tenacia dei popoli indigeni del Pacifico che hanno mantenuto e ripreso il controllo delle loro vite, la lingua e le terre, per garantire i modi di vivere e di essere che, tramandati dai loro antenati, sono passati alle future generazioni. E' il giorno del vostro sostegno per continuare la lotta per un Pacifico libero e indipendente dalle armi nucleari, come affermato nell'8a Conferenza del Pacifico Denuclearizzato e Indipendente: 'No te parau tia, no te parau mau, no te tiamaraa, e tu, e tu' - Per la giustizia, per la verità e per l'indipendenza, svegliati, alzati!"


Il test nucleare "Bravo" e altre detonazioni sull'area del Pacifico

Note:

L'articolo originale è su https://www.facebook.com/PeaceMovementAotearoa/posts/989151224465580

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.6 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Posta elettronica certificata (PEC)