Disarmo

RSS logo

Mailing-list Disarmo

< Altre opzioni e info >

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009, 74100 Taranto
  • Conto Corrente Bancario c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink - IBAN: IT65 A050 1804 0000 0001 1154 580
Motore di ricerca in

Lista Disarmo

...

Articoli correlati

  • Noi analizziamo l'inquinamento e tu puoi aiutarci
    Basilicata

    Noi analizziamo l'inquinamento e tu puoi aiutarci

    Il tuo 5x1000 per Cova Contro
    27 aprile 2018 - Cova Contro
  • "L'Italia espelle diplomatici russi in servile ossequio alla fedeltà atlantica e sulla base di fake news!"
    Dal comunicato della Rete NoWar:

    "L'Italia espelle diplomatici russi in servile ossequio alla fedeltà atlantica e sulla base di fake news!"

    Con l'affare Skripal, la Gran Bretagna aizza la Guerra Fredda. Orchestra una grossolana montatura contro la Russia e poi, all'unisono, quasi tutti i paesi della NATO espellono “per solidarietà” oltre 100 diplomatici russi. Eppure la GB ha emesso un verdetto senza prove, senza inchiesta indipendente, senza far vedere i rilievi del laboratorio. Un linciaggio bell'e buono.
    31 marzo 2018 - Rete NoWar - Roma
  • Lo stato di salute della Puglia

    Analisi delle cause di decesso in Puglia

    Gli open data ed l'elaborazione statistica statistica hanno consentito questi risultati
    23 marzo 2018 - Antonello Russo
  • Approvata il 4 luglio 2017

    Puglia, mozione per il disarmo nucleare

    Il Consiglio Regionale della Puglia impegnano il Presidente della Regione e la Giunta regionale a richiedere al Governo nazionale di rispettare il Trattato di non proliferazione delle armi nucleari e, attenendosi a quanto da esso stabilito, a porre in essere iniziative finalizzate alla rimozione da parte degli Stati Uniti d’America di qualsiasi arma nucleare dal territorio italiano e alla loro rinuncia a installarvi i nuovi ordigni B61-12 e qualsivoglia altra arma nucleare.

Corre l'export di piccole armi

L'Italia si conferma il secondo Paese al mondo, dopo gli Stati Uniti, per l'esportazione di piccole armi.
21 luglio 2004 - Marco Ludovico
Fonte: Il Sole 24 Ore - 01 luglio 2004

Il dato emerge dall'ultimo rapporto internazionale sul settore, "Small Arm Survey 2004", presentato ufficialmente ieri a Ginevra e discusso in via preliminare il 24 giugno nella sede Onu di New York, in una riunione internazionale sulla "rintracciabilità" delle armi piccole eleggere.
Un concetto, quello della "rintracciabilità", che si fonda sulla marcatura, la registrazione dei dati e lo scambio di informazioni, e consente agli Stati di controllare la circolazione mondiale delle cosiddette Salw (small and lights weapons). La rintracciabilità, fin dall'estate del 2003, è stato un principio sostenuto dal ministro dell'Interno Pisanu ed è all'ordine del giorno del Dipartimento di Pubblica sicurezza. Secondo lo "Small Arm Survey", dunque, l'Italia, in base agli ultimi dati disponibili (2001) si attesta al secondo posto per valore di piccole armi esportate - pistole, carabine, fucili e fucili mitragliatori - con un ammontare di 298,7 milioni di dollari; per gli Usa la cifra è pari a 741,4 milioni mentre al terzo posto si trova il Belgio con 234 milioni.

Nel rapporto note positive per l'Italia giungono per quanto riguarda la trasparenza delle esportazioni: è decisamente ai primi posti da questo punto di vista.
Un dato molto negativo, invece, riguarda il cosiddetto brokering di armi fatto sul nostro territorio. Il dossier illustrato ieri a Ginevra mette all'indice una carenza legislativa che appare sorprendente: in sostanza, non rischia praticamente nulla un italiano - o un residente nel nostro Paese - che effettua, in Italia, intermediazioni nel commercio di armi, anche se sono illecite, se i traffici non avvengono o non attraversano il nostro Paese. Il caso più clamoroso, ricordato nel rapporto, riguarda Leonid Minin, un cittadino israeliano arrestato in Italia per droga. Nel corso delle indagini furono trovati moltissimi documenti che dimostravano la sua attività nel traffico illegale di armi in Africa, ma con una pronuncia definitiva la Cassazione ha sancito la non punibilità di Minin. Si tratta, tra l'altro, di una delle questioni di cui si sta occupando la commissione interministeriale per la revisione della disciplina delle armi e degli esplosivi, presieduta dal magistrato Giovanni Pioletti. Ma sembra che, nonostante le sollecitazioni dell'Interno e degli Esteri per varare norme restrittive sul brokering di armi, il dicastero della Giustizia abbia espresso una posizione "liberista" sulla questione.
Lo "Small Arm Survey", infine, ha reso noto che dopo la sconfitta di Saddam Hussein, dai sette agli otto milioni di armi leggere precedentemente in possesso delle forze di sicurezza sono finite in mano a privati. Ma il numero reale potrebbe essere molto più alto.

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.8 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)