Disarmo

RSS logo

Mailing-list Disarmo

< Altre opzioni e info >

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009, 74100 Taranto
  • Conto Corrente Bancario c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink - IBAN: IT65 A050 1804 0000 0001 1154 580
Motore di ricerca in

Lista Disarmo

...

Articoli correlati

Comunicato stampa: 26 luglio 2004

Perizia di parte sulla "Sindrome di Quirra" dell'onorevole Cicu

27 luglio 2004 - Comitato sardo Gettiamo le Basi

I dati, emersi fin dai primi mesi del 2001, parlano con drammatica chiarezza: Poligono Interforze Salto di Quirra, 11 militari colpiti dal cancro; Quirra, frazione di Villaputzu, 150 abitanti, 20 persone divorate da tumori al sistema emolinfatico, Escalaplano, 2.600 abitanti, 12 bambini nati con gravi alterazioni genetiche. Sono ancora imprecisati i numeri della strage negli altri paesi confinanti con l'immensa area militare, ancora non quantificati i numerosi casi di aborti spontanei e feti malformati tra gli animali.

Non spetta a Gettiamo le Basi individuare per quale motivo nelle zone coinvolte dai giochi di guerra del poligono si muore di leucemia e si nasce con alterazioni genetiche. Da anni esplicitiamo i nostri sospetti che vanno dal "normale" inquinamento da poligono, rilevato in numerose aree militari sparse nel pianeta (uranio, arsenico, piombo, cadmio, mercurio,
zinco, idrocarburi ecc. ), all'elettrosmog degli imponenti impianti radar e dei sistemi missile-antimissile Hawk e Samp, ai nuovi e sconosciti materiali oggetto di esercitazioni e sperimentazioni da parte delle Forze Armate e delle multinazionali delle armi, affittuarie in pianta stabile del poligono. Da anni chiediamo di sapere dove l'Italia ha smaltito, ammesso che abbia
smaltito e non illegalmente stoccato come hanno fatto gli Stati Uniti, le armi chimico biologiche messe al
bando con i Trattati internazionali del 1972.

Pur prendendo momentaneamente per buono il risultato della perizia di parte prodotta dal ministero della Difesa, appare del tutto evidente che nulla è stato chiarito. Il buio regna sovrano sulle cause della "sindrome di Quirra-Escalaplano".
Un'unica nota positiva: parrebbe che finalmente persino gli Esperti e le Autorità competenti abbiano scoperto l'acqua calda, cioè che l'arsenico, come i medici ben sanno da secoli, non provoca né le alterazioni genetiche né i tumori al sistema
emolinfatico che stanno sterminando militari e civili.

Condividiamo le belle enunciazioni di principio del ministro alla Difesa, Antonio Martino: "E' interesse della Difesa che gli episodi vengano chiariti in modo soddisfacente altrimenti la nostra credibilità verrebbe intaccata".
Queste parole sono state pronunciate nel marzo 2002. Oggi dopo due anni, due lunghi anni scanditi da un tragico stillicidio di malattia e morte, il ministero alla Difesa presenta una perizia di parte che escluderebbe una delle cause sospette ventilate, il sottosegretario Cicu con precipitosità sospetta si affretta a dichiarare che non c'è nessun inquinamento, autoassolve il ministero alla Difesa e scarica eventuali altre indagini alla ASL. Si ripete la sceneggiata del marzo 2002, in un rimpallo senza fine di ambiti di competenza e responsabilità la patata bollente viene di nuovo rinviata alla Asl 8, artefice del famoso flop dell'arsenico a lungo entusiasticamente sostenuto dal Sottosegretario. Come un disco incantato l'onorevole Cicu ripete le solite dichiarazioni di buoni intenti date in pasto all'opinione pubblica da ormai tre anni: "Il rispetto della salute e dell'ambiente è un obiettivo prioritario della Difesa e questo va dimostrato con atti certi, concreti e inoppugnabili che accertino la verità nell'interesse e per la tranquillità dei cittadini di Quirra e dei militari (1/3/2002). E' giusto continuare ad approfondire. Mi impegno perchè si diano ai cittadini tutte le risposte che attendono da anni (26/7/04)".
Basta con le promesse di verità e chiarezza! Basta con le indagini infinite che non indagano!
Fino a quando non sia stata trovata una ragionevole e convincente spiegazione della "Sindrome di Quirra-Escalaplano", in base al buon senso e in base all'elementare principio di precauzione, s'impone l'immediata sospensione di tutte le attività del poligono della morte Salto di Quirra.

Comitato sardo Gettiamo le Basi
tel 070823498 3386132753

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.13 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)