Economia

Quelle parole erano impronunciabili

L'amministrazione Biden rifiuta la "guerra alla droga"

È importante che l’Office of National Drug Control Policy parli di 'riduzione del danno'", ha affermato un esperto di salute pubblica
8 novembre 2021
Dan Vegano
Tradotto da Ilaria Falvo per PeaceLink
Fonte: BuzzFeed.News - 02 agosto 2021

Una persona nei sobborghi di Los Angeles si prepara una dose di metanfetamina (giugno 2021)

L'amministrazione Biden sta insistendo per riformare le leggi nazionali sulla droga con la sua ultima mossa volta a prevenire le morti tra coloro che fanno uso di droghe illegali. Il nuovo approccio si concentra sulle cosiddette misure di "riduzione del danno" che promuovono l'uso sicuro di droghe rispetto all'astinenza e alla pena di reclusione.

Lunedì, l'Ufficio di politica nazionale per il controllo delle droghe ha annunciato una sovvenzione di 2,5 milioni di dollari per redigere delle norme modello che supportino tali programmi di riduzione del danno, che aumentino le opzioni di trattamento della droga e che riformino le pene che hanno danneggiato in particolar modo le persone di colore. È l’ultima volta che l’Ufficio federale per la politica sulle droghe prende le distanze dalla strategia di “Guerra alla droga” iniziata 50 anni fa durante l'amministrazione Nixon.

"Francamente, è piacevole notare che questo ufficio parli di aiutare le persone piuttosto che di punirle", ha affermato l'epidemiologo Traci Green, direttore de Opioid Policy Research Collaborative presso la Brandeis University. “Nel bene e nel male, le norme modello per le sostanze controllate hanno portato a dei cambiamenti in passato. Quindi credo che sia una mossa intelligente seguire questo percorso per riformare delle leggi che purtroppo dovrebbero essere modernizzate in molti paesi".

L'anno scorso, più di 93.000 persone sono morte per overdose negli Stati Uniti, il numero più alto di sempre. L'aumento è stato determinato in parte dall'isolamento sociale causato dalla pandemia, nonché dalla più ampia diffusione del Fentanil - una droga dalle 25 alle 40 volte più potente dell'eroina - nel mercato delle droghe illecite. La consapevolezza che i decessi per overdose siano in aumento, insieme alle segnalazioni di epidemie di HIV tra le persone che fanno uso di droghe nel West Virginia e Boston, hanno intensificato i tentativi di passare ad un approccio di riduzione del danno nella risposta federale al consumo di droga. In diretto contrasto, tuttavia, alcune città, come Charleston, West Virginia e Atlantic City, New Jersey, hanno recentemente chiuso i centri di scambio di siringhe, noti per ridurre i rischi di diffusione di malattie infettive tra coloro che fanno uso di droghe illecite.

L'annuncio della sovvenzione biennale segue i limiti di allentamento dell'ufficio dello Zar della droga sui farmaci che trattano la dipendenza da oppiacei e consente l'uso di fondi federali per finanziare strisce reattive in grado di rilevare il Fentanil nei farmaci. Ad aprile, la direttrice ad interim dell'ONDCP Regina LaBelle ha annunciato che 30 milioni di dollari di finanziamenti federali sarebbero stati inclusi nel pacchetto di aiuti per la pandemia per finanziare per la prima volta programmi di riduzione del danno, in particolare lo scambio di siringhe. E nel mese scorso, l'ONDCP ha collaborato con la Drug Enforcement Agency per porre fine a una moratoria decennale sull'uso di furgoni che erogavano metadone alle persone dipendenti dagli oppioidi, rendendo il trattamento accessibile nei luoghi senza cliniche e istituti penitenziari vicini.

"È fondamentale che l'Office of National Drug Control Policy parli di 'riduzione del danno', sia simbolicamente che nella realtà", ha affermato l'esperto di diritto della salute pubblica David Rosenbloom della Boston University School of Public Health. "Ricordo quando quelle parole erano impronunciabili." E non è stato molto tempo fa".

Alcune leggi statali punitive costringono le persone dipendenti da droghe che vengono arrestate a perdere immediatamente l'accesso all'assicurazione sul trattamento farmacologico. Il nuovo programma che annuncia norme modello sui farmaci dovrebbe mirare a tali approcci, ha affermato Rosenbloom.

"Questo è esattamente il momento sbagliato per far interrompere il trattamento farmacologico di queste persone", ha aggiunto. “Escono di prigione e, poiché sono fisicamente dipendenti, continuano ad usare fin da subito droghe e andare in overdose”.

Molte altre leggi vigenti trattano le overdosi come atti criminali piuttosto che come eventi sanitari, peggiorandone solo la crisi, ha affermato Green. Tali leggi rendono più difficile alle persone l'ottenimento di cure farmacologiche e mediche. "C'è davvero molto da fare per far sì che la riduzione del danno sia la risposta standard", ha affermato.

Ma decretare norme modello sulla droga è solo il primo passo. Resta da vedere se gli stati decideranno di adottarle. "La vera domanda è se avverrà lo slancio per trasformarle in vere leggi", ha dichiarato Green.

Tradotto da Ilaria Falvo, revisione di Giacomo Alessandroni per PeaceLink. Il testo è liberamente utilizzabile a scopi non commerciali citando la fonte (PeaceLink) e l'autore della traduzione.
N.d.T.: Titolo originale: The Biden Administration Is Rejecting “The War On Drugs” And Turning To “Harm Reduction”
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)