MEMORIA E RISORSA PER UNA NUOVA CITTADINANZA A PARTIRE DAL MERIDIONE D’ITALIA.

CONVEGNO SU DON LORENZO MILANI (1923-1967)

La PONTIFICIA FACOLTÀ TEOLOGICA DELL’ITALIA MERIDIONALE Giovedì 22 Marzo 2007 (ore 9.00 - 18.00) organizza un Convegno per celebrare il quarantesimo anniversario della morte di don Milani.
5 marzo 2007
Matteo Della Torre (Casa per la nonviolenza - Associazione di ispirazione gandhiana.)
Fonte: Il grido dei poveri, mensile di riflessione nonviolenta.

"Ricchezza in Italia s’è sprecata e se ne spreca: non si può dire
che si sia fatta una politica di austerità in un paese che importa calciatori
al prezzo di cento milioni l’uno e che ha tutti i porticcioli
ingombri di panfili lussuosi.
S’è contentata la povera gente con una strana politica di lavori
pubblici (strana perché non legata seriamente ai problemi dello
sviluppo, ma invece ai problemi del clientelismo elettorale). Si è placata
la povera gente con l’estensione della pensione, complice in
questo anche i sindacati che trovano più comodo ottenere dagli amici
al potere una legge il cui costo sarà poi distribuito sul medio ceto [...]
piuttosto che lottare per ottenere una più precisa ed efficace determinazione
dei modi di impiego del risparmio".
(Lorenzo Milani, Esperienze Pastorali, LEF, Firenze 1958, 437; 461-462).

Giovedì 22 Marzo 2007 (ore 9.00 - 18.00)

9.00 Apertura lavori
Giuseppe Manca (vicepreside PFTIM)
Gaetano Arfè (Università di Firenze)
Coordina: Antonio Ianniello (PFTIM sez. san Luigi)
9.15 “Lorenzo Milani.
Un bilancio storiografico a quarant’anni dalla morte”
Giuseppe Battelli (Università di Trieste)
10.00 Dibattito
10.45 Pausa
11.05 Tavola Rotonda: “Lorenzo Milani nella Chiesa e nella
società italiana”
Intervengono:
Maurizio Di Giacomo (giornalista - Roma)
Antonio Mastantuono (PFTIM sez. san Luigi)
Sergio Tanzarella (PFTIM sez. san Luigi)
12.05 Dibattito
12.45 Pausa
Coordina: Anna Carfora (PFTIM sez. san Luigi)
14,15 “Il Mezzogiorno tra dominio criminale e liberazione”
Umberto Santino
(Centro siciliano documentazione “Giuseppe Impastato”)
15,00 Dibattito
15,45 Pausa
16,00 Tavola Rotonda: “«Da bestie si può diventare uomini e
da uomini si può diventare santi. Ma da bestie santi
d’un passo solo non si può diventare»
(L. Milani, Esperienze Pastorali, 326)”
Intervengono
Rocco D’Ambrosio
(Facoltà Teologica della Puglia - Molfetta)
Giorgio Marcello (Università della Calabria - Cosenza)
Cosimo Scordato (Facoltà Teologica di Sicilia - Palermo)
Fabrizio Valletti S.I. (Centro Hurtado - Napoli)
17,20 Dibattito
con il Patrocinio di:
Comune di Napoli, Provincia di Napoli, Assessorato all’Università
e alla Ricerca Scientifica della Regione Campania.

Allegati

Articoli correlati

  • Gli orrori di Piacenza
    Pace
    Un appello

    Gli orrori di Piacenza

    Gli orrori commessi da alcuni carabinieri a Piacenza confermano una volta di piu' la necessita' e l'urgenza che tutte le persone appartenenti alle forze dell'ordine siano formate alla nonviolenza.
    25 luglio 2020 - Peppe Sini
  • Piazza Tien An Men e la ribellione nonviolenta dei giovani cinesi
    Storia della Pace
    Oggi ricorre l'anniversario della repressione del 4 giugno 1989

    Piazza Tien An Men e la ribellione nonviolenta dei giovani cinesi

    Gli eroi nella fotografia del carro armato sono due: il personaggio sconosciuto che rischiò la sua vita piazzandosi davanti al carro armato e il pilota che si rifiutò di falciare il suo compatriota, fermando l'intera colonna
    4 giugno 2020 - Redazione PeaceLink
  • Il gesto antirazzista con un ginocchio a terra fu pensato dal giocatore di football Kaepernick
    Pace
    Suscitò l'ira di Trump

    Il gesto antirazzista con un ginocchio a terra fu pensato dal giocatore di football Kaepernick

    Trump disse: "Sarebbe bellissimo vedere i proprietari delle squadre dire: portate quel figlio di puttana fuori dal campo, fuori, è licenziato". In questi giorni quel gesto è stato replicato da alcuni poliziotti e da vari giocatori di calcio
    3 giugno 2020 - Redazione PeaceLink
  • Dobbiamo potenziare la difesa civile, non armata e nonviolenta
    Pace
    Se vogliamo difendere la Repubblica

    Dobbiamo potenziare la difesa civile, non armata e nonviolenta

    I simboli della "difesa della Patria" oggi sono le mascherine, i guanti, il disinfettante; simboli di tutela della vita, della salute dei piu' deboli e fragili. Gli strumenti militari, invece, cacciabombardieri, blindati e corazzate non sono serviti a fermare il virus, non ci hanno difeso.
    2 giugno 2020 - Mao Valpiana
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.36 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)