Dello “spalmare” i bambini

Per Colin Powell l'elezione di Barack Obama alla Presidenza degli Stati Uniti «sarà un segnale che elettrizzerà il mondo intero». Obama cercherà di costruire questa nuova figura dell’America avvicinandosi all’Europa e tornando a incontrare la sua cultura magnanima e accogliente: non più Guantanamo, non più Abu Ghraib, non più scontri di civiltà. Ma sarebbe una catastrofe se le parti si invertissero, e in questo ritorno gli Stati Uniti trovassero un’Europa matrigna, intollerante e razzista.
5 novembre 2008
Raniero La Valle

Barack Obama

Per impedire a tutti i costi l’elezione di Barack Obama a presidente degli Stati Uniti, la destra oltranzista americana ha cercato di far passare il candidato democratico per un musulmano amico dei terroristi, diffondendo tra l’altro 28 milioni di copie di un video che in tal modo lo colpisce. Esemplare è stata a questo proposito la replica di Colin Powell, l’ex segretario di Stato di Bush, che nel dichiarare il proprio appoggio ad Obama ha detto: «Mi dà fastidio quello che dicono alcuni repubblicani: “Obama è musulmano”. È cristiano, lo è sempre stato. Ma la vera risposta sarebbe: e anche se fosse musulmano? Non c’è niente di male a esserlo, questa è l’America». Questa è l’America; ma ancora di più si potrebbe dire: questo è il mondo moderno e civile.
Su Obama cominciano a nascere molte speranze. Un afro-americano alla presidenza degli Stati Uniti!
Forse non così i padri fondatori, cristiani bianchi e puritani com’erano, si erano immaginati quella «città sul monte» che avevano inteso costruire. Per Colin Powell, «sarà un segnale che elettrizzerà il mondo intero».
Secondo gli osservatori più intelligenti Obama cercherà di costruire questa nuova figura dell’America avvicinandosi all’Europa e tornando a incontrare la sua cultura magnanima e accogliente: non più Guantanamo, non più Abu Ghraib, non più scontri di civiltà. Ma sarebbe una catastrofe se le parti si invertissero, e in questo ritorno gli Stati Uniti trovassero un’Europa matrigna, intollerante e razzista. Proprio così sarebbe l’Italia se vi prendesse piede la cultura professata dalla sua attuale maggioranza di governo, quale si è espressa nella mozione per la discriminazione nelle scuole fatta approvare dalla Lega. Molti altri guai si profilano per la scuola italiana, e contro una tale politica scolastica è in atto una mobilitazione in tutto il Paese, di cui non occorre qui ripetere le ragioni. Ma una cosa va notata: che per giustificare l’idea di separare i bambini stranieri o «spalmarli» in più istituti, come dice l’on. Cota, al fine di preservare l’identità italiana, la Lega fa ricorso a una categoria identitaria – fatta di religione, cultura, lingua, usi, doveri, diritti e bandiera – che invece strenuamente nega nella sua politica generale, per giustificare il secessionismo in salsa federale e rivendicare la specificità, padana e non italiana, delle popolazioni nordiste.
Ed è allora proprio alla Lega che va rivolta la domanda: ma di quale identità parlate quando pretendete che i bambini stranieri vi siano «integrati» per essere accolti? Forse che i bambini di lingua tedesca di Bolzano sono prima integrati nella cultura italiana? Forse che gli ebrei devono essere integrati nell’identità cristiana dell’Italia e dell’Europa, per poter essere considerati a pieno titolo cittadini italiani ed europei? Forse che il papa tedesco doveva farsi ribattezzare nel Tevere per fare il vescovo di Roma?
In realtà ciò che questa fazione pretende dagli stranieri in Italia non è l’integrazione, che armonizza i diversi, ma è l’omologazione che impone il modello dominante e cancella tutte le differenze. La definizione più agghiacciante di questa ideologia c’era già nel libro di Tremonti  La paura e la speranza: «L’inclusione degli “altri” in Europa può proseguire solo se gli “altri” cessano di essere “altri” e diventano “noi”». Gli altri devono «rinunciare alla propria identità», noi dobbiamo imporre i nostri valori non perché debbano o possano «essere necessariamente valori universali», ma perché sono «definiti come tali da “noi” e per “noi”», e passano «necessariamente attraverso una “rivendicazione di potere”».
Qui si va oltre la scuola. Il libro di Tremonti scontava l’arrivo della crisi capitalistica globale (donde la «paura»), che poi effettivamente è sopraggiunta, non certo perché abbiamo perduto o non abbiamo difeso la nostra soggettività, ma perché ci hanno tradito i nostri denari e abbiamo perduto i nostri profitti. Ma ciò che è veramente pauroso è che la risposta alla crisi sia l’arroccamento nelle propria presunta identità e nei propri particolari valori, per combattere contro tutti gli altri che non siano «noi» e che non diventino «noi».
Questa è l’ideologia da battere, se l’America e l’Europa insieme vogliono ancora essere strumenti di civiltà nel mondo che viene.

Articoli correlati

  • Per sconfiggere la guerra, dimostriamo che un altro mondo è possibile
    Pace
    Eirenefest: non solo una fiera di libri, ma soprattutto un ambito di convergenza

    Per sconfiggere la guerra, dimostriamo che un altro mondo è possibile

    Mancano pochi giorni al via del primo Festival del Libro per la Pace e la Nonviolenza, un mega evento che si terrà a Roma dal 2 al 5 giugno prossimi: un tentativo di sfidare le radici della guerra - egoismo, violenza, sopraffazione - coltivando, tutti insieme, una convergenza di valori opposti.
    22 maggio 2022 - Olivier Turquet
  • Resistenza nonviolenta in Ucraina e proteste contro la guerra in Russia
    Conflitti
    Le alternative alla guerra

    Resistenza nonviolenta in Ucraina e proteste contro la guerra in Russia

    Ai tanti civili che portano avanti coraggiosamente una resistenza non armata, si affiancano quelle di migliaia di cittadini e cittadine russi contrari all’invasione dell’Ucraina che continuano a manifestare, con gravi rischi per la loro incolumità, contro la guerra.
    8 marzo 2022 - Domenico Massano
  • Festival del Libro per la Pace e la Nonviolenza
    Cultura
    A Roma a San Lorenzo il Primo Festival del Libro per la Pace e la Nonviolenza

    Festival del Libro per la Pace e la Nonviolenza

    Quattro giorni di presentazioni di libri, incontri, film, workshops, stands a cura di numerose realtà italiane e non solo per aprire dialoghi e confronti su diritti, Mediterraneo e migranti, Obiezione di Coscienza, disarmo nucleare, educazione alla nonviolenza, cultura di pace
    17 gennaio 2022 - Laura Tussi
  • I Giardini di Pace e Memoria
    Pace
    Un ponte Alife e Teano con il Gemellaggio dei Giardini dei Diritti Umani e della Nonviolenza

    I Giardini di Pace e Memoria

    Giornata internazionale dei Diritti Infanzia e Adolescenza e Giornata nazionale dell'Albero è avvenuto il Gemellaggio tra il "Giardino dei cinque Continenti e della Nonviolenza di Scampia" ed il "Giardino della Pace, della Memoria e del Creato, presidio di Pace, di Nonviolenza e di legalità"
    23 novembre 2021 - Laura Tussi
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.44 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)