Non acquistare prodotti con il codice a barre n. 729

Non possiamo guardare le immagini di tutto quello che sta accadendo in Palestina e far finta di nulla. Non possiamo più riporre speranze nell'operato dei nostri governi o nelle istituzioni mondiali. La risposta, pacifista e nonviolenta, che noi occidentali possiamo lanciare contro le bombe di Israele. Non acquistare più prodotti il cui codice a barre inizia con il numero 729.
16 gennaio 2009
Lucia D’augelli (Casa per la nonviolenza, associazione di ispirazione gandhiana.)

Non possiamo guardare le immagini di tutto quello che sta accadendo in Palestina e far finta di nulla.
Non possiamo piangere sulle foto dei bimbi uccisi dalle bombe israeliane e rimandare a domani la possibilità di fare "qualcosa".
Non possiamo scendere in piazza, sventolare bandiere, arrabbiarci e sentire così di aver assolto al nostro compito di esseri umani.
Non possiamo più riporre speranze nell'operato dei nostri governi o nelle istituzioni mondiali.
E' fin troppo evidente che i rapporti economici e politici di molte nazioni intessuti con Israele, rappresentino un forte deterrente per una richiesta di "cessate il fuoco".
E' depositata nella coscienza di ognuno di noi la possibilità di concretizzare l'aiuto per questa popolazione condannata allo sterminio. Possiamo iniziare una battaglia personale semplicemente boicottando tutti i prodotti importati da Israele. A molti può sembrare una strategia inutile e dispersiva, in realtà già negli anni passati una iniziativa simile, unita al ritiro di investimenti e alla cessazione di ogni rapporto commerciale, ha accellerato la fine dell'aparthed in Sudafrica.
Questa è la risposta, pacifista e nonviolenta, che noi occidentali possiamo lanciare contro le bombe di Israele. Non acquistare più prodotti il cui codice a barre inizia con il numero 729.
Nessuna guerra è legittimata, nessuna giustificazione pùo assolvere i crimini perpetratti ai danni di civili inermi e disarmati. Un gesto di protesta, come il boicotaggio contro un paese criminale, è un atto dovuto per tutti quei bimbi che non potranno più essere stretti al petto delle loro madri, per tutti quei bimbi che non potranno più addormentarsi senza avere paura e terrore per il loro domani.

Lucia D'Augelli
Casa per la nonviolenza
San Severo (FG)

Articoli correlati

  • Gli orrori di Piacenza
    Pace
    Un appello

    Gli orrori di Piacenza

    Gli orrori commessi da alcuni carabinieri a Piacenza confermano una volta di piu' la necessita' e l'urgenza che tutte le persone appartenenti alle forze dell'ordine siano formate alla nonviolenza.
    25 luglio 2020 - Peppe Sini
  • Piazza Tien An Men e la ribellione nonviolenta dei giovani cinesi
    Storia della Pace
    Oggi ricorre l'anniversario della repressione del 4 giugno 1989

    Piazza Tien An Men e la ribellione nonviolenta dei giovani cinesi

    Gli eroi nella fotografia del carro armato sono due: il personaggio sconosciuto che rischiò la sua vita piazzandosi davanti al carro armato e il pilota che si rifiutò di falciare il suo compatriota, fermando l'intera colonna
    4 giugno 2020 - Redazione PeaceLink
  • Il gesto antirazzista con un ginocchio a terra fu pensato dal giocatore di football Kaepernick
    Pace
    Suscitò l'ira di Trump

    Il gesto antirazzista con un ginocchio a terra fu pensato dal giocatore di football Kaepernick

    Trump disse: "Sarebbe bellissimo vedere i proprietari delle squadre dire: portate quel figlio di puttana fuori dal campo, fuori, è licenziato". In questi giorni quel gesto è stato replicato da alcuni poliziotti e da vari giocatori di calcio
    3 giugno 2020 - Redazione PeaceLink
  • Dobbiamo potenziare la difesa civile, non armata e nonviolenta
    Pace
    Se vogliamo difendere la Repubblica

    Dobbiamo potenziare la difesa civile, non armata e nonviolenta

    I simboli della "difesa della Patria" oggi sono le mascherine, i guanti, il disinfettante; simboli di tutela della vita, della salute dei piu' deboli e fragili. Gli strumenti militari, invece, cacciabombardieri, blindati e corazzate non sono serviti a fermare il virus, non ci hanno difeso.
    2 giugno 2020 - Mao Valpiana
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.36 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)