Non acquistare prodotti con il codice a barre n. 729

Non possiamo guardare le immagini di tutto quello che sta accadendo in Palestina e far finta di nulla. Non possiamo più riporre speranze nell'operato dei nostri governi o nelle istituzioni mondiali. La risposta, pacifista e nonviolenta, che noi occidentali possiamo lanciare contro le bombe di Israele. Non acquistare più prodotti il cui codice a barre inizia con il numero 729.
16 gennaio 2009
Lucia D’augelli (Casa per la nonviolenza, associazione di ispirazione gandhiana.)

Non possiamo guardare le immagini di tutto quello che sta accadendo in Palestina e far finta di nulla.
Non possiamo piangere sulle foto dei bimbi uccisi dalle bombe israeliane e rimandare a domani la possibilità di fare "qualcosa".
Non possiamo scendere in piazza, sventolare bandiere, arrabbiarci e sentire così di aver assolto al nostro compito di esseri umani.
Non possiamo più riporre speranze nell'operato dei nostri governi o nelle istituzioni mondiali.
E' fin troppo evidente che i rapporti economici e politici di molte nazioni intessuti con Israele, rappresentino un forte deterrente per una richiesta di "cessate il fuoco".
E' depositata nella coscienza di ognuno di noi la possibilità di concretizzare l'aiuto per questa popolazione condannata allo sterminio. Possiamo iniziare una battaglia personale semplicemente boicottando tutti i prodotti importati da Israele. A molti può sembrare una strategia inutile e dispersiva, in realtà già negli anni passati una iniziativa simile, unita al ritiro di investimenti e alla cessazione di ogni rapporto commerciale, ha accellerato la fine dell'aparthed in Sudafrica.
Questa è la risposta, pacifista e nonviolenta, che noi occidentali possiamo lanciare contro le bombe di Israele. Non acquistare più prodotti il cui codice a barre inizia con il numero 729.
Nessuna guerra è legittimata, nessuna giustificazione pùo assolvere i crimini perpetratti ai danni di civili inermi e disarmati. Un gesto di protesta, come il boicotaggio contro un paese criminale, è un atto dovuto per tutti quei bimbi che non potranno più essere stretti al petto delle loro madri, per tutti quei bimbi che non potranno più addormentarsi senza avere paura e terrore per il loro domani.

Lucia D'Augelli
Casa per la nonviolenza
San Severo (FG)

Articoli correlati

  • "Luca Attanasio non è morto invano"
    Kimbau
    Testimonianza di Chiara Castellani per Luca Attanasio

    "Luca Attanasio non è morto invano"

    La dottoressa Chiara Castellani, medico missionario nella Repubblica democratica del Congo parla dell’ambasciatore Luca Attanasio di cui era amica
    27 marzo 2021 - Umberto Rondi
  • Che cosa è la nonviolenza e come può essere efficace
    Pace
    Video e documentazione

    Che cosa è la nonviolenza e come può essere efficace

    Si dice che l'azione nonviolenta sia debole o che rifiuti il conflitto. Al contrario, l'azione nonviolenta apre e gestisce i conflitti. Cammina nel conflitto, sfida l'ingiustizia e lavora per il cambiamento. Assume su di sè dolore o situazioni spiacevoli senza infliggerli ad altri.
    Redazione PeaceLink
  • La violenza non è il mio destino
    Cultura
    La prima legge innovativa sulla violenza sessuale è la numero 66 del febbraio 1996

    La violenza non è il mio destino

    La storia di vita di Tiziana Di Ruscio, vittima di violenza, sopravvissuta al femminicidio, narrata in questo libro di drammatica verità, rasenta però l’incredibile e l'indicibile.
    Libro in tutte le librerie dal 4 Marzo 2021
    20 febbraio 2021 - Laura Tussi
  • Scuola. Le classi di accoglienza
    Sociale
    La scuola e la popolazione multiculturale

    Scuola. Le classi di accoglienza

    L’Educazione per una Cittadinanza Globale a partire dalle Classi di accoglienza
    6 febbraio 2021 - Laura Tussi
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)