Latina

Secondo un parlamentare inquisito il Pt avrebbe pagato alcuni deputati per convincerli a votare a favore del governo

Brasile: al Forum mondiale contro la corruzione il governo Lula viene accusato di arricchimento illecito

Il Pt smentisce le accuse, mentre l'opposizione cerca di far crollare la popolarità di Lula in vista delle presidenziali del 2006
9 giugno 2005
David Lifodi
Fonte: www.misna.org
Il Corriere della Sera: "Governo Lula sott'accusa: stipendia i deputati perché votino a comando"

Non si è aperto sotto una buona stella il 4° "Forum mondiale sulla lotta alla corruzione" che si sta svolgendo in questi giorni a Brasilia. Nato con la peculiarità di essere il primo aperto alla società civile (dopo quelli di Washington, L'Aja e Seul), e aperto da un discorso del presidente Lula in cui è stata proclamata l'adesione del Brasile alla Convenzione Onu contro la corruzione, il forum in realtà è finito sotto i riflettori per l'accusa rivolta proprio all'esecutivo attualmente in carica di "arricchimento illecito".
Il presunto meccanismo di corruzione in cui sarebbe coinvolto il partito di Lula (Pt) presenta almeno due punti oscuri. La denuncia, pubblicata dal quotidiano Folha de Sao Paulo, avviene proprio mentre Lula sta introducendo formalmente nella legislazione brasiliana il reato di "arricchimento illecito". Inoltre le accuse provengono da Roberto Jefferson, parlamentare a sua volta coinvolto in un giro di tangenti al suo partito (il Partido Trabalhista Brasileiro, facente parte della maggioranza di governo) da parte delle Poste brasiliane.
Le rivelazioni della Folha de Sao Paulo parlano di un meccanismo di corruzione tutto interno al Pt, che avrebbe pagato alcuni deputati per convincerli a votare a favore del governo. I deputati coinvolti, che secondo l'accusa di Jefferson avrebbero ricevuto un somma di circa diecimila euro al mese dal tesoriere del Pt, appartengono al partito liberale e a quello progressista, entrambi alleati di Lula in Parlamento. Addirittura Jefferson è arrivato a sostenere che la tattica del Pt è quella "di stipendiare i deputati perché votino a comando", riuscendo così a scatenare una vera e propria bufera politica in Brasile. La pratica, ha continuato Jefferson, sarebbe durata fino a gennaio e cessata appena ne era stato informato il presidente Lula.
In seguito alle dichiarazioni di Jefferson il Parlamento ha istituito una commissione d'inchiesta, mentre il presidente del Pt Genoino ha definito la storia come priva di qualsiasi fondamento. In questo contesto si è furbescamente inserita l'opposizione, che, pur dovendo ancora scegliere un candidato in vista delle elezioni del 2006, potrebbe approfittare di questo duro colpo all'immagine del governo Lula per cercare di erodere la sua popolarità.
Appare comunque scontato il tentativo di Lula di vincere le presidenziali del 2006 e riconfermarsi presidente del paese, anche perché la popolarità dell'ex leader sindacale per adesso non è stata scalfita.

Note: Articolo realizzato da David Lifodi per www.peacelink.it
Il testo e' liberamente utilizzabile a scopi non commerciali citando la fonte e l'autore.

Articoli correlati

  • Nota del Movimento Internazionale delle Vittime della Vale
    Legami di ferro
    Crolla diga di rifiuti minerari a Brumadinho

    Nota del Movimento Internazionale delle Vittime della Vale

    Indignazione per la nuova tragedia in Brasile, a soli tre anni dal crollo della diga di Mariana
    28 gennaio 2019 - Beatrice Ruscio
  • Il Brasile che verrà
    Latina
    Il 1 gennaio Jair Bolsonaro si insedia al Planalto

    Il Brasile che verrà

    L’odio del presidente contro indigeni e contadini e il suo disprezzo per i diritti civili, sociali e politici fanno temere il peggio per il paese
    30 dicembre 2018 - David Lifodi
  • Verità e giustizia per Marielle Franco
    Latina
    A 9 mesi dal suo omicidio lo Stato brasiliano continua a tacere

    Verità e giustizia per Marielle Franco

    Alla fiera Più libri più liberi di Roma la coraggiosa denuncia di Monica Tereza Benicio, compagna della donna, e della giornalista Fernanda Chaves
    12 dicembre 2018 - David Lifodi
  • Brasile: l’uomo nero ad un passo dal Planalto
    Latina
    Bolsonaro si presenta al ballottaggio del 28 ottobre con quasi il 20% dei consensi in più del petista Fernando Haddad

    Brasile: l’uomo nero ad un passo dal Planalto

    Festeggiano la bancada ruralista, i produttori delle armi e le elites bianche del paese. Per sovvertire i risultati del primo turno la strada è tutta in salita
    8 ottobre 2018 - David Lifodi
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.16 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)