Latina

In difesa del popolo brasiliano !

4 settembre 2005
Grido degli esclusi
IN DIFESA DEL POPOLO BRASILIANO! Manifesto del 7 settembre - Cari amici e amiche del MST, La nazione brasiliana vive una grave e profonda crisi ed è in pericolo. Il pericolo che minaccia il nostro paese è frutto dell’instaurazione della politica neoliberista che favorisce soltanto il capitale finanziario, nazionale e internazionale, e le grandi corporazioni che si dedicano alle esportazioni. Questa politica aggrava sempre più la povertà, la disuguaglianza sociale e la miseria. Non meno di 27 milioni di lavoratori e lavoratrici (il 40% della popolazione attiva) sono disoccupati o inseriti nella economia informale, senza nessuna assicurazione sociale né rispetto dei diritti dei lavoratori. Circa 20 milioni di famiglie, ossia 82 milioni di persone povere, vivono con meno di due salari minimi mensili. Continuiamo ad essere ostaggio del più alto tasso di interesse del mondo, di un superavit primario che interessa soltanto ai banchieri e dell’ indebitamento estero, che esige frequenti aggiustamenti per rispondere alle richieste del capitale finanziario internazionale. Il governo si è piegato a queste esigenze dei banchieri e delle transnazionali, mantenendo politiche neoliberiste e questo lo rende incapace di mettere in atto politiche pubbliche a favore del popolo e di usare le risorse pubbliche per la Riforma Agraria, la sanità, l’educazione, i trasporti, la casa, i diritti umani e l’ambiente. Questo modello economico non può dare un futuro al nostro popolo! La società brasiliana è lacerata dalla disoccupazione, dalla povertà, fame, violenza e corruzione; questo produce in noi un sentimento di rivolta e in certi momenti ci lascia privi di speranza. Le recenti denunce di corruzione e la rivelazione dei metodi di fare politica dei partiti, che ingannano il popolo, hanno scatenato una grave crisi politica. Il popolo non crede più nella maggior parte dei politici e questi non sono legittimati a rappresentarlo. Il popolo brasiliano vive un misto di tristezza e delusione di fronte alla situazione del nostro paese. La nazione brasiliana non può continuare a vivere in questa impasse. Dobbiamo esigere cambiamenti profondi nell’economia e nella politica. Per esigere questi cambiamenti, abbiamo quattro grandi sfide: 1. Costruire un nuovo modello economico, che crei posti di lavoro, distribuisca il reddito e privilegi investimenti pubblici nelle aree sociali. 2. Un Programma di Emergenza con l’obiettivo del superamento della miseria, della povertà e della lotta alla disuguaglianza sociale. 3. Una Riforma politica profonda e radicale, che restituisca al popolo il diritto a decidere su tutte le questioni strategiche del nostro paese. 4. Sovranità nazionale: applicazione di politiche che garantiscano gli interessi del popolo brasiliano rispetto alla nostra economia, al territorio, alle ricchezze, alla biodiversità, alle imprese pubbliche, alla banca centrale, all’acqua, ai semi, al petrolio, al gas e alla politica estera. Di fronte a questo, invitiamo tutti e tutte a organizzarsi e mobilitarsi. Gridiamo in favore della giustizia, dell’etica, per il cambiamento della politica economica, per il superamento della povertà e della disuguaglianza sociale. Invitiamo tutti e tutte a promuovere attività e manifestazioni multiple e plurali; a rafforzare gli spazi di creatività e partecipazione popolare e a rilanciare il nostro patriottismo per un Brasile senza corruzione, senza esclusioni, libero e sovrano. BRASILE, IL CAMBIAMENTO E’ NELLE NOSTRE MANI! Via Campesina/Brasil; Grito dos Excluídos/as; CMS- Coordenação dos Movimentos Sociais; Rede Jubileu Sul/Brasil-Campanha Brasileira contra a ALCA; CRB - Conferência dos Religiosos do Brasil; 4ª SSB - Semana Social Brasileira; MMM - Marcha Mundial de Mulheres; CONIC - Conselho Nacional de Igrejas Cristãs do Brasil; CESE - Coordenadoria Ecumênica de Serviços; Fórum Nacional pela Reforma Agrária
Note: traduzione di Serena Romagnoli

Articoli correlati

  • Brasile: il cotone sporco di H&M e Zara
    Latina
    La ong inglese Earthsight, nel rapporto “Fashion Crimes” accusa i due colossi della moda

    Brasile: il cotone sporco di H&M e Zara

    H&M e Zara avrebbero realizzato capi di abbigliamento utilizzando tonnellate di cotone riconducibili a land grabbing, espropri delle terra e violenze.
    24 maggio 2024 - David Lifodi
  • Brasile: quell'imboscata contro i Sem terra
    Latina
    Ancora oggi quell'omicidio resta impunito

    Brasile: quell'imboscata contro i Sem terra

    Il 26 marzo 1998 Onalício Araújo Barros e Valentim Silva Serra, dirigenti dei senza terra, vennero uccisi dai fazendeiros a Parauapebas, stato del Pará, dopo esser stati attirati in una trappola.
    1 aprile 2024 - David Lifodi
  • I ruralistas spadroneggiano in Brasile
    Latina
    Il 21 gennaio scorso è stata uccisa la leader indigena María de Fátima Muniz

    I ruralistas spadroneggiano in Brasile

    Esponente della comunità pataxó hãhãhãi, nel sud dello stato di Bahía, la donna è stata assassinata a seguito di una spedizione della milizia paramilitare Invasão Zero con la complicità della polizia militare che non è intervenuta.
    8 marzo 2024 - David Lifodi
  • Sul Brasile incombono i militari
    Latina
    Nonostante la presidenza di Lula le Forze Armate continuano a godere della più completa impunità

    Sul Brasile incombono i militari

    A conferma di questo il Ministero della Difesa è nelle mani di José Múcio, che ha sempre sminuito l’assalto bolsonarista alle istituzioni dell’8 gennaio 2023.
    5 febbraio 2024 - David Lifodi
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.7.15 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)