Latina

Missionari Comboniani del Nordest del Brasile appoggiano il Disarmo

30 settembre 2005
Fonte: Adital

ADITAL - Mancando meno di un mese al Referendum del 23 ottobre, che deciderà sulla fine della commercializzazione di armi da fuoco e di munizioni in Brasile, i manifesti in favore del Disarmo si moltiplicano. Adesso, chi manifesta pubblicamente il suo appoggio alla Campagna per il Disarmo è il gruppo di Missionari Comboniani del Nordest, la zona piú povera del Brasile.

Secondo il documento divulgato dai Comboniani, insieme a diverse entità sociali, il commercio di armi da fuoco e di munizioni deve essere proibito nel Paese. Del resto è già comprovato che, in Brasile, le armi da fuoco uccidono più che gli incidenti automobilistici, AIDS o qualsiasi altra malattia o causa esterna. “Tutti gli anni sono quasi 40 mila le persone morte con armi da fuoco in Brasile! E’ una vera guerra civile!”, dice il testo del manifesto.

Considerando che la Giustizia e la Pace sono parti integranti della pratica evangelizzatrice di Gesù Cristo e dell’attività missionaria del loro fondatore San Daniele Comboni, i Missionari Comboniani del Nordest e le entità che con loro collaborano, difendono l’immediato disarmo e la fine della vendita di armi e munizioni in quanto credono che queste non garantiscono e non creano giustizia, sicurezza e prosperità al Brasile.

Segue il testo integrale

Manifesto dei Missionari Comboniani del Nordeste

La domanda del Referendum sarà:
“Il commercio di armi da fuoco e di munizioni deve essere proibito in Brasile?”

SI’! Il commercio di armi da fuoco e di munizioni deve essere proibito in Brasile. SUBITO! VOTIAMO 2

E’comprovato che, in Brasile, le armi da fuoco uccidono più che incidenti di transito, AIDS o qualsiasi altra malattia o causa esterna. Tutti gli anni sono quasi 40 mila le persone morte con armi da fuoco in Brasile! E’ una vera guerra civile!

Il 23 ottobre avremo l’opportunità di dire in che tipo di società vogliamo vivere. E’ un’opportunità unica per appoggiare e valorizzare il Referendum come un importante strumento di partecipazione e decisione popolare.

Quindi, i Missionari Comboniani del Nordest e le entità che con loro collaborano, considerando che la Giustizia e la Pace sono parti integranti della pratica evangelizzatrice di Gesù Cristo e dell’attività missionaria del loro fondatore San Daniele Comboni, difendono l’immediato disarmo e la fine della vendita di armi e munizioni perché credono che non sono queste che garantiscono e creano giustizia, sicurezza e prosperità nel nostro Paese.

Difendendo il disarmo vogliamo collaborare con tutti quelli che vogliono costruire una nuova cultura di pace, di dialogo e di rispetto dell’integrità fisica e morale delle persone in Brasile.

Per la fine della violenza istituzionale, della corruzione e dei sistemi economici e politici che alimentano le fabbriche della morte, DICIAMO SI’ ALLA VIT A E ALLA PACE! VOTA 2.

MISSIONARI COMBONIANI BRASILE-NORDEST - Associação Carlo Ubbiali; Centro de Apoio à Família – CAF; Centro da Juventude para a Paz – CEJUPAZ; Centro de Defesa da Vida e dos Direitos Humanos de Açailândia; Centro de Defesa da Vida e dos Direitos Humanos D. Oscar Romero; Centro de Defesa da Vida e dos Direitos Humanos Herbert de Souza; Centro Pastoral Afro Pe. Heitor Frisotti – CENPAH; Centro Afro de Promoção e Defesa da Vida Pe. Ezequiel Ramin – CAPDEVER; Fundação Casa da Juventude São Daniel Comboni; Instituto Ekos para a Equidade e a Justiça; Movimento de Saúde Mental Comunitária do Bom Jardim; Projeto Educativo “Mãos Dadas”.

Note: combo.ne@terra.com.br cejupaz@veloxmail.com.br

Altre informazioni sul referendum e disarmamento in: www.adital.com.br

traduzione di Ermanno Allegri

Articoli correlati

  • Nota del Movimento Internazionale delle Vittime della Vale
    Legami di ferro
    Crolla diga di rifiuti minerari a Brumadinho

    Nota del Movimento Internazionale delle Vittime della Vale

    Indignazione per la nuova tragedia in Brasile, a soli tre anni dal crollo della diga di Mariana
    28 gennaio 2019 - Beatrice Ruscio
  • Il Brasile che verrà
    Latina
    Il 1 gennaio Jair Bolsonaro si insedia al Planalto

    Il Brasile che verrà

    L’odio del presidente contro indigeni e contadini e il suo disprezzo per i diritti civili, sociali e politici fanno temere il peggio per il paese
    30 dicembre 2018 - David Lifodi
  • Verità e giustizia per Marielle Franco
    Latina
    A 9 mesi dal suo omicidio lo Stato brasiliano continua a tacere

    Verità e giustizia per Marielle Franco

    Alla fiera Più libri più liberi di Roma la coraggiosa denuncia di Monica Tereza Benicio, compagna della donna, e della giornalista Fernanda Chaves
    12 dicembre 2018 - David Lifodi
  • Brasile: l’uomo nero ad un passo dal Planalto
    Latina
    Bolsonaro si presenta al ballottaggio del 28 ottobre con quasi il 20% dei consensi in più del petista Fernando Haddad

    Brasile: l’uomo nero ad un passo dal Planalto

    Festeggiano la bancada ruralista, i produttori delle armi e le elites bianche del paese. Per sovvertire i risultati del primo turno la strada è tutta in salita
    8 ottobre 2018 - David Lifodi
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.19 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)