Latina

Missionari Comboniani del Nordest del Brasile appoggiano il Disarmo

30 settembre 2005
Fonte: Adital

ADITAL - Mancando meno di un mese al Referendum del 23 ottobre, che deciderà sulla fine della commercializzazione di armi da fuoco e di munizioni in Brasile, i manifesti in favore del Disarmo si moltiplicano. Adesso, chi manifesta pubblicamente il suo appoggio alla Campagna per il Disarmo è il gruppo di Missionari Comboniani del Nordest, la zona piú povera del Brasile.

Secondo il documento divulgato dai Comboniani, insieme a diverse entità sociali, il commercio di armi da fuoco e di munizioni deve essere proibito nel Paese. Del resto è già comprovato che, in Brasile, le armi da fuoco uccidono più che gli incidenti automobilistici, AIDS o qualsiasi altra malattia o causa esterna. “Tutti gli anni sono quasi 40 mila le persone morte con armi da fuoco in Brasile! E’ una vera guerra civile!”, dice il testo del manifesto.

Considerando che la Giustizia e la Pace sono parti integranti della pratica evangelizzatrice di Gesù Cristo e dell’attività missionaria del loro fondatore San Daniele Comboni, i Missionari Comboniani del Nordest e le entità che con loro collaborano, difendono l’immediato disarmo e la fine della vendita di armi e munizioni in quanto credono che queste non garantiscono e non creano giustizia, sicurezza e prosperità al Brasile.

Segue il testo integrale

Manifesto dei Missionari Comboniani del Nordeste

La domanda del Referendum sarà:
“Il commercio di armi da fuoco e di munizioni deve essere proibito in Brasile?”

SI’! Il commercio di armi da fuoco e di munizioni deve essere proibito in Brasile. SUBITO! VOTIAMO 2

E’comprovato che, in Brasile, le armi da fuoco uccidono più che incidenti di transito, AIDS o qualsiasi altra malattia o causa esterna. Tutti gli anni sono quasi 40 mila le persone morte con armi da fuoco in Brasile! E’ una vera guerra civile!

Il 23 ottobre avremo l’opportunità di dire in che tipo di società vogliamo vivere. E’ un’opportunità unica per appoggiare e valorizzare il Referendum come un importante strumento di partecipazione e decisione popolare.

Quindi, i Missionari Comboniani del Nordest e le entità che con loro collaborano, considerando che la Giustizia e la Pace sono parti integranti della pratica evangelizzatrice di Gesù Cristo e dell’attività missionaria del loro fondatore San Daniele Comboni, difendono l’immediato disarmo e la fine della vendita di armi e munizioni perché credono che non sono queste che garantiscono e creano giustizia, sicurezza e prosperità nel nostro Paese.

Difendendo il disarmo vogliamo collaborare con tutti quelli che vogliono costruire una nuova cultura di pace, di dialogo e di rispetto dell’integrità fisica e morale delle persone in Brasile.

Per la fine della violenza istituzionale, della corruzione e dei sistemi economici e politici che alimentano le fabbriche della morte, DICIAMO SI’ ALLA VIT A E ALLA PACE! VOTA 2.

MISSIONARI COMBONIANI BRASILE-NORDEST - Associação Carlo Ubbiali; Centro de Apoio à Família – CAF; Centro da Juventude para a Paz – CEJUPAZ; Centro de Defesa da Vida e dos Direitos Humanos de Açailândia; Centro de Defesa da Vida e dos Direitos Humanos D. Oscar Romero; Centro de Defesa da Vida e dos Direitos Humanos Herbert de Souza; Centro Pastoral Afro Pe. Heitor Frisotti – CENPAH; Centro Afro de Promoção e Defesa da Vida Pe. Ezequiel Ramin – CAPDEVER; Fundação Casa da Juventude São Daniel Comboni; Instituto Ekos para a Equidade e a Justiça; Movimento de Saúde Mental Comunitária do Bom Jardim; Projeto Educativo “Mãos Dadas”.

Note: combo.ne@terra.com.br cejupaz@veloxmail.com.br

Altre informazioni sul referendum e disarmamento in: www.adital.com.br

traduzione di Ermanno Allegri

Articoli correlati

  • Il Brasile sospeso tra fascismo e democrazia
    Latina
    Nelle presidenziali del 2 ottobre il paese spera in Lula per uscire dall’incubo bolsonarista

    Il Brasile sospeso tra fascismo e democrazia

    Cresce la violenza politica da parte dei sostenitori di Bolsonaro
    21 settembre 2022 - David Lifodi
  • Quando c’era Lula…
    Latina
    Dal sogno dei grandi eventi a Bolsonaro

    Quando c’era Lula…

    Ivan Grozny Compasso ripercorre la storia del Brasile dal Mondiale di calcio (2014) e dalle Olimpiadi (2016), su cui avevano scommesso Lula e Dilma Rousseff, fino all’incubo bolsonarista
    10 agosto 2022 - David Lifodi
  • Brasile: Lula guarda al centro e si allea con Alckmin
    Latina
    In vista delle presidenziali del 2 ottobre

    Brasile: Lula guarda al centro e si allea con Alckmin

    Intanto sono già iniziate e le provocazioni e le fake news del bolsonarismo per mantenere il Messia Nero al Planalto
    6 aprile 2022 - David Lifodi
  • L’ America latina di fronte al conflitto Russia-Ucraina
    Latina
    Ricercatori e giornalisti si interrogano sulle ripercussioni della guerra in Sudamerica

    L’ America latina di fronte al conflitto Russia-Ucraina

    A prevalere, nel sostegno all’una o all’altra parte in causa, sono ragioni strategiche, di sopravvivenza, o di posizionamento verso gli Stati uniti
    17 marzo 2022 - David Lifodi
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.44 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)