Latina

Brasile: la campagna di Musibrasil per il referendum sul disarmo

2 ottobre 2005
Nello Margiotta

Peacelink appoggia la campagna dell' ASSOCIAZIONE CULTURALE RETE MUSIBRASIL
per dire al disarmo civile e si schiera per il divieto al commercio di armi da fuoco e munizioni in vista del referendum su questo tema che si terrà in Brasile. Chiede di sottoscrivere un appello che il 23 ottobre prossimo, giorno della consultazione, invierà ai seguenti soggetti istituzionali:

- Ambasciata del Brasile in Italia,
- Ambasciata italiana in Brasile,
- Presidenza della Repubblica del Brasile;
- Presidenza della Repubblica Italiana;
- Ministero della Giustizia;
- Ministero della Salute;
e ai più importanti referenti istituzionali e della società civile brasiliani particolarmente impegnati nella campagna per il disarmo.

Qui di seguito il testo dell'appello che vi chiediamo di sottoscrivere inviando un semplice messaggio a questo indirizzo e-mail: si_al_disarmo@musibrasil.net

A tutela della vostra privacy vi garantiamo riservatezza sul vostro indirizzo e-mail: invieremo soltanto nome cognome e città, che vi preghiamo di indicare.


Premesso che
- il Brasile è un paese in cui sono in circolazione più di 17 milioni di armi da fuoco, di cui soltanto il 10% appartengono alle forze armate e alle forze di polizia, mentre il resto è nelle mani di civili;
- ogni giorno in Brasile circa cento persone muoiono uccise da armi da fuoco;
- nel 2003 39.325 persone in Brasile sono morte uccise da armi da fuoco;
- le istituzioni brasiliane hanno promosso una campagna di disarmo volontario attraverso cui è stato chiesto ai cittadini in possesso di armi di consegnarle alle autorità affinché venissero distrutte;
- nel 2004, grazie a questa campagna di disarmo, più di 450mila armi da fuoco sono state tolte dalla circolazione, e per la prima volta in 13 anni il numero dei morti uccisi da armi da fuoco in Brasile è diminuito: rispetto ai dati del 2003 nel 2004 sono state salvate 3.234 vite umane;
- il 23 ottobre 2005 si svolgerà in Brasile il primo referendum della storia di quel Paese, referendum in cui ai cittadini sarà posto il quesito: "Il commercio di armi da fuoco e munizioni deve essere proibito in Brasile?"

l'associazione culturale "Rete Musibrasil", editrice del portale "Musibrasil" (www.musibrasil.net) e della omonima lista di discussione (it.groups.yahoo.com/group/musibrasil.net)

- esprime solidarietà all'impegno delle istituzioni e della società civile del Brasile per ridurre il numero delle vittime di uccisioni da armi da fuoco;
- esprime apprezzamento per la scelta di civiltà di chiedere ai cittadini di disarmarsi volontariamente e di decidere democraticamente ed umanitariamente di salvare quante più vite umane sia possibile;
- sollecita che l'esempio brasiliano si estenda quanto più possibile, e che anche altri paesi ed altre popolazioni scelgano la via del disarmo e del rispetto per la vita umana;
- auspica che l'intera umanità abbia un futuro di pace e convivenza, ed a tal fine si impegna a promuovere la cultura della pace, del dialogo, della solidarietà, della legalità, del disarmo, della nonviolenza;
- esprime un convinto e coerente «si'» alla difesa della vita di ogni essere umano, alla pace tra le persone e tra i popoli, alla sicurezza di tutti nel rispetto dei diritti umani di tutti gli esseri umani, alla legalità, al disarmo della società, alla civile convivenza

Articoli correlati

  • Brasile: finalmente Lula!
    Latina
    Adesso per il presidente si apre una partita non meno complessa di quelle affrontate finora

    Brasile: finalmente Lula!

    Con il 50,9% Lula ha sconfitto Jair Bolsonaro (49,1%) in un difficile ballottaggio. La costituzione di un composito fronte antifascista, composto anche da forze di destra non bolsonariste, ha permesso a Lula di tornare al Planalto e sconfiggere il Messia Nero.
    31 ottobre 2022 - David Lifodi
  • Il movimento brasiliano Sem terra
    Latina
    Una appassionata analisi del più grande movimento sociale latinoamericano

    Il movimento brasiliano Sem terra

    Nel suo libro Aldo Marchetti ripercorre la lunga lotta contadina contro il latifondo e le multinazionali
    14 ottobre 2022 - David Lifodi
  • Il Brasile sospeso tra fascismo e democrazia
    Latina
    Nelle presidenziali del 2 ottobre il paese spera in Lula per uscire dall’incubo bolsonarista

    Il Brasile sospeso tra fascismo e democrazia

    Cresce la violenza politica da parte dei sostenitori di Bolsonaro
    21 settembre 2022 - David Lifodi
  • Quando c’era Lula…
    Latina
    Dal sogno dei grandi eventi a Bolsonaro

    Quando c’era Lula…

    Ivan Grozny Compasso ripercorre la storia del Brasile dal Mondiale di calcio (2014) e dalle Olimpiadi (2016), su cui avevano scommesso Lula e Dilma Rousseff, fino all’incubo bolsonarista
    10 agosto 2022 - David Lifodi
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.44 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)