Latina

Brasile: Vaticano contro Daniela Mercury, lotta contro l'AIDS

26 novembre 2005
Gennaro Carotenuto


Confesso di essere parziale quando parlo di Daniela Mercury, la grande
bahiana, la regina del carnevale di Bahia. Ricordo un suo concerto
all'autodromo di Jacarepaguá a Río de Janeiro quando tenne 200.000
persone a ballare fino alle sei di mattina. E per chi mi conosce, non
succede che balli tanto spesso fino alle sei di mattina. Solo lei o
quasi (e Río, e il Brasile, e la compagnia, confesso) poteva trascinarmi.

Daniela Mercury, che si dichiara cattolica ed è impegnata da sempre con
il vescovato di Bahia, oltre che come Ambasciatrice dell'Unaids e
dell'Unicef, doveva essere la grande stella del concerto di Natale in
Vaticano.

Doveva essere perché il Vaticano ci ha ripensato. La colpa di Daniela
Mercury? Avere aderito come testimonial alla campagna del Ministero
della Sanità brasiliano per la lotta contro l'AIDS. In questa campagna
si promuove l'uso della "camisinha", il preservativo. Ce n'è abbastanza
per una scomunica. Una cattolica che dissente nel XXI secolo è una
cattolica scandalosa. La grande artista si è detta dispiaciuta ma ha
rivendicato il diritto a dissentire: "Per me il preservativo è uno
strumento di protezione della vita".

Sarà un caso ma una grande stella internazionale viene invitata per
tempo (anche con anni di anticipo) e le attività solidali di Daniela
Mercury sono pubbliche e conosciute. Non solo si colpisce una volta di
più irresponsabilmente la lotta all'AIDS, ma non può sfuggire che si
colpisce la chiesa cattolica di Bahia, e indirettamente quella di tutto
il Brasile. la più impegnata nel lavoro sociale e vicina da sempre al PT
di Luís Ignacio da Silva, detto Lula.

La svolta a destra (sic!) del nuovo papa può riportare il Vaticano
all'epoca della caccia alle streghe della prima metà del pontificato
wojtyliano quando proprio la chiesa brasiliana, la teologia della
liberazione, fu vittima di una guerra senza quartiere, isolata,
perseguitata, delegittimata, decapitata nei suoi pastori, ma non per
questo sconfitta nelle sue ragioni.

Articoli correlati

  • Nota del Movimento Internazionale delle Vittime della Vale
    Legami di ferro
    Crolla diga di rifiuti minerari a Brumadinho

    Nota del Movimento Internazionale delle Vittime della Vale

    Indignazione per la nuova tragedia in Brasile, a soli tre anni dal crollo della diga di Mariana
    28 gennaio 2019 - Beatrice Ruscio
  • Il Brasile che verrà
    Latina
    Il 1 gennaio Jair Bolsonaro si insedia al Planalto

    Il Brasile che verrà

    L’odio del presidente contro indigeni e contadini e il suo disprezzo per i diritti civili, sociali e politici fanno temere il peggio per il paese
    30 dicembre 2018 - David Lifodi
  • Verità e giustizia per Marielle Franco
    Latina
    A 9 mesi dal suo omicidio lo Stato brasiliano continua a tacere

    Verità e giustizia per Marielle Franco

    Alla fiera Più libri più liberi di Roma la coraggiosa denuncia di Monica Tereza Benicio, compagna della donna, e della giornalista Fernanda Chaves
    12 dicembre 2018 - David Lifodi
  • Brasile: l’uomo nero ad un passo dal Planalto
    Latina
    Bolsonaro si presenta al ballottaggio del 28 ottobre con quasi il 20% dei consensi in più del petista Fernando Haddad

    Brasile: l’uomo nero ad un passo dal Planalto

    Festeggiano la bancada ruralista, i produttori delle armi e le elites bianche del paese. Per sovvertire i risultati del primo turno la strada è tutta in salita
    8 ottobre 2018 - David Lifodi
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.19 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)