Latina

Un gruppo di ragazzini volenterosi combatte contro gli sprechi dell'acqua

Messico: i custodi dell'acqua

Sopravvivono costantemente con la paura, un giorno, di non avere più accesso all’acqua. Così hanno deciso di non aspettare passivamente quel giorno e si sono organizzati. Molti di loro sono ancora bambini, ma in certe regioni del Messico si fa in fretta a crescere e ad acquistare consapevolezza delle difficoltà della vita.
2 dicembre 2005
Alessandro Grandi
Fonte: Peacereporter

I guardiani dell'acqua. Questi ragazzini, ma fra loro c’è anche qualche adulto, hanno creato un gruppo chiamato ‘Guardianes del Agua’, grazie anche all’appoggio del Junta Municipal de Agua Potable y Alcantarillado de Culiacan, con lo scopo di sensibilizzare la popolazione sull’elevatissima dispersione dell'acqua e su un suo possibile uso razionale. I “guardiani dell’acqua” si preoccupano di preservare questa risorsa naturale, cercando anche di favorire la formazione di una coscienza sociale su questo problema. "Più di 5000 bambini “lavorano” a questo programma di sensibilizzazione della popolazione", sottolinea il sindaco, “perché il giorno che non ci sarà più acqua non avremo più la possibilità di vivere”. ragazzini partecipanti al progetto
I fatti. Sia durante l’orario scolastico che nel loro tempo libero, questi ragazzini, che fra le altre cose gestiscono anche uno spazio radiofonico, portano avanti nelle comunità del Paese le loro campagne contro gli sprechi dell’acqua. Come succede a Miguel Millan, un ragazzino di 13 anni molto sveglio, che nello stato di Sinaloa, andando di porta in porta, di comunità in comunità, e dialogando con le persone, spiega loro la necessità di usare l'acqua in maniera intelligente. “Il problema della scarsità di acqua si vive da diversi anni in questa regione del Messico – fa sapere Miguel – però grazie anche al programma del Japac, stiamo cercando di creare una nuova cultura a questo riguardo”. Il giovane Miguel, che è stato nel 2001 uno dei fondatori del gruppo, che adesso conta più di 4500 iscritti, spiega anche che i “Guardianes” realizzano le loro attività gratuitamente e volontariamente, con il solo scopo di sensibilizzare l'opinione pubblica.
Sostenuti anche dal presidente del consiglio comunale di Culiacan, anche lui dell'avviso che "in Messico non si può continuare a disperdere acqua, ma bisogna imparare a usarla".
Difficoltà. Non sempre però si riesce a rendere consapevole la popolazione dell’effettiva gravità del problema. Menefreghismo ed ignoranza, insieme ad una buona dose di resistenza, fanno sì che Miguel e i suoi compagni, in alcuni casi, ricevano da parte della popolazione un secco no alle loro richieste, come è successo poco tempo fa con una vicina di casa. "Lei stava lavando la sua automobile, e io le ho fatto notare che stava consumando un sacco di acqua – racconta Miguel - Per tutta riposta la signora mi ha invitato a farmi gli affari miei. Le ho spiegato bene quale fosse il motivo della mia visita e anche il programma municipale al quale prendevo parte. Poco a poco però la signora ha preso coscienza della situazione e adesso anche lei fa parte del nostro gruppo di guardiani". Ma non solo il piccolo Miguel ha avuto difficoltà nel diffondere l’idea del risparmio di acqua. Anche la bella e giovane Sofia dice di aver avuto tanti problemi, soprattutto a casa sua. “Combatto di continuo, a casa mia sento di avere tutti contro. Consumano molta acqua, ma quando lo faccio notare si arrabbiano con me”. il simbolo dell'associazione


Messaggi. La creazione di gruppi come i Guardiani e i Vigilantes non solo cerca di dare visibilità ad un programma di austerity sul consumo di acqua, ma cerca anche di essere utile per tutte le popolazioni dell’america latina, come tiene a sottolineare Irvin: “Tutte le persone del continente, siano giovani o meno giovani, devono prendere coscienza di quanta acqua possono risparmiare prima di utilizzarla, perché per avere un futuro bisogna iniziare a pensarci adesso”. Dello stesso avviso la giovane Marlene, che senza paura continua a convincere i suoi concittadini che devono badare molto di più al consumo di acqua. “Ad esempio non devono lavare le loro automobili o fare altre cose non necessarie che costringano a sprecare acqua in abbondanza. Devono invece pensare al futuro dei loro figli.” Anche secondo Miguel si deve pensare di più al futuro. "Proprio per questo" conclude "chiedo a tutta la popolazione dell’America Latina di unirsi alle lotte dei gruppi come il nostro”.





Articoli correlati

  • Nota del Movimento Internazionale delle Vittime della Vale
    Legami di ferro
    Crolla diga di rifiuti minerari a Brumadinho

    Nota del Movimento Internazionale delle Vittime della Vale

    Indignazione per la nuova tragedia in Brasile, a soli tre anni dal crollo della diga di Mariana
    28 gennaio 2019 - Beatrice Ruscio
  • Il Brasile che verrà
    Latina
    Il 1 gennaio Jair Bolsonaro si insedia al Planalto

    Il Brasile che verrà

    L’odio del presidente contro indigeni e contadini e il suo disprezzo per i diritti civili, sociali e politici fanno temere il peggio per il paese
    30 dicembre 2018 - David Lifodi
  • Verità e giustizia per Marielle Franco
    Latina
    A 9 mesi dal suo omicidio lo Stato brasiliano continua a tacere

    Verità e giustizia per Marielle Franco

    Alla fiera Più libri più liberi di Roma la coraggiosa denuncia di Monica Tereza Benicio, compagna della donna, e della giornalista Fernanda Chaves
    12 dicembre 2018 - David Lifodi
  • Brasile: l’uomo nero ad un passo dal Planalto
    Latina
    Bolsonaro si presenta al ballottaggio del 28 ottobre con quasi il 20% dei consensi in più del petista Fernando Haddad

    Brasile: l’uomo nero ad un passo dal Planalto

    Festeggiano la bancada ruralista, i produttori delle armi e le elites bianche del paese. Per sovvertire i risultati del primo turno la strada è tutta in salita
    8 ottobre 2018 - David Lifodi
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.19 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)