Latina

Brasile: condannato per lavoro schiavo ex-presidente della Camera

10 febbraio 2006
Diego Brugnoni (http://webrebelde.blogosfere.it)

Mentre Luiz Ignácio Lula ha ricordato ad Algeri, nella prima tappa del suo tour africano, che l'obiettivo comune è «convincere i grandi dirigenti del pianeta che è più economico ed efficace combattere la povertà e le ingiustizie piuttosto che costruire arsenali milionari che non riescono a fermare l'insicurezza», dal paese del presidente brasiliano arriva una bella notizia: il deputato di destra Inocêncio Gomes de Oliveira, appartenente al Partido Liberal, è stato condannato in appello per aver ridotto in condizioni di schiavitù numerosi lavoratori.

Nel marzo 2002, infatti, furono liberati 53 contadini nella fazenda "Caraíbas" di proprietà del medico ex-presidente della Camera: questi dovrà ora versare a ciascun contadino un risarcimento di 130 reales (pari a circa 40 euro) per ogni giorno di lavoro.
Un provvedimento che va ad aggiungersi alle lodevoli operazioni contro il lavoro-schiavo messe in atto dal Ministério Público do Trabalho: 219 in tre anni, il 170% in più rispetto al periodo 2000-2002.

Note: http://www.pgt.mpt.gov.br/noticias/2006/02/n062.html

Articoli correlati

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.36 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)