Latina

Il Movimento Sem Terra lancia una campagna di disobbedienza civile

Brasile: Monsanto vieta la pubblicazione de "O Olho del Consumidor"

La piccola guida all'agroecologia era stata redatta dal Ministero dell'Agricoltura
30 luglio 2009
David Lifodi

I tentacoli dell'impresa multinazionale Monsanto sono riusciti a penetrare anche nelle stanze del Ministero dell'Agricoltura brasiliano. Imporre ai contadini l'obbligo della monocoltura della soia, oltre che contare su una agguerrita quanto potente lobby ruralista nelle istituzioni, evidentemente non sembrava ancora sufficiente a tutelare i propri interessi, per questo Monsanto ha deciso di intervenire con un'azione giudiziaria che vieta la divulgazione e la pubblicazione del libretto "O Olho del Consumidor". Realizzato dallo stesso Ministero dell’Agricoltura, la "colpa" di questo opuscolo sarebbe quella di contenere i princìpi basilari dell'agro-ecologia allo scopo di lanciare il Sistema Brasileiro de Avaliaçao de Conformidade Orgânica (Sisorg), una sorta di carta volta ad orientare, indirizzare e mettere in guardia i consumatori in merito alla coltivazione e all'acquisto dei prodotti transgenici. In particolare, è stato il contenuto della pagina 7 a far sobbalzare la Monsanto: accanto alle raffigurazioni stilizzate che caratterizzano tutto il libretto, si può leggere: "L'agricoltore organico non coltiva prodotti transgenici poichè metterebbe a rischio la varietà e la diversità delle specie che esistono in natura". E ancora: "i transegenici sono piante e animali su cui l'uomo immette geni di altre specie". "O Olho del Consumidor" era stato pubblicato in oltre 620mila copie al fine di coscientizzare ed indirizzare i brasiliani sulla via delle buone pratiche e dell'altraeconomia, ma il contenuto del libello già in fase di stampa non deve esser piaciuto agli stessi settori del Ministero dell'Agricoltura più vicini all'agronegozio, alle transazionali e più in generale a quella bancada ruralista che da sempre tutela i loro interessi. Inoltre, l'alleanza tra stato e lobby dell'agrobusiness, di fatto avallata dallo stesso governo brasiliano, non solo ha rappresentato un invito a nozze per quelle multinazionali quali la stessa Monsanto, Syngenta, Bayer e Cargill desiderose di appropriarsi di ampi appezzamenti di terreno spesso espropriati alle comunità locali e ai contadini, ma ha anche contribuito in maniera decisiva alla riduzione delle superfici coltivabili destinate alla produzione alimentare. In questo modo il Brasile ha certamente compiuto un passo significativo come potenza economica emergente, ma a danno dell'agricoltura familiare e dei piccoli contadini. Se ieri l'emergenza era la monocoltura della soia, oggi il pericolo maggiore è rappresentato dal mais transgenico, argomentano i rappresentanti brasiliani dei progetti di agricoltura alternativa. Se la coltivazione del miglio, al pari di quella della soia, ha costretto i contadini a pagare royalties salatissime a Syngenta, Monsanto e Bayer, i rischi derivanti dalla monocoltura del miglio sono maggiori per la sua facilità di contaminazione e incrocio con un numero di specie assai superiore rispetto alla soia stessa. Questi dati, riportati sul "Jornal da Ciencia" da Jean Marc von der Weid (economista e coordinatore di progetti agricoli distinti e diversi da quelli industriali) sono supportati dalla scelta del Messico, paese che ha mantenuto la sua apertura a tutte le coltivazioni trangeniche esclusa quella del miglio, probita in quanto detentrice di una maggiore possibilità di contaminazione. Dietro tutto questo starebbero le ragioni per cui il Brasile si è trasformato in un paese in cui si è diffusa la coltivazione clandestina di miglio, grave minaccia all'equilibrio agricolo e alla biosicurezza del paese. Per adesso il Movimento Sem Terra ha lanciato una campagna di disobbedienza al divieto di pubblicazione de "O Olho del Consumidor" che ha riscosso una grande partecipazione e ha registrato l'adesione di numerose realtà contadine: si può leggere, pubblicizzare e far girare l'opuscolo cliccando su http://www.aba-agroecologia.org.br/aba2/images/pdf/cartilha_ziraldo.pdf

Note: Articolo realizzato da David Lifodi per www.peacelink.it
Il testo è liberamente utilizzabile a scopi non commerciali citando la fonte e l'autore.

Articoli correlati

  • Nota del Movimento Internazionale delle Vittime della Vale
    Legami di ferro
    Crolla diga di rifiuti minerari a Brumadinho

    Nota del Movimento Internazionale delle Vittime della Vale

    Indignazione per la nuova tragedia in Brasile, a soli tre anni dal crollo della diga di Mariana
    28 gennaio 2019 - Beatrice Ruscio
  • Il Brasile che verrà
    Latina
    Il 1 gennaio Jair Bolsonaro si insedia al Planalto

    Il Brasile che verrà

    L’odio del presidente contro indigeni e contadini e il suo disprezzo per i diritti civili, sociali e politici fanno temere il peggio per il paese
    30 dicembre 2018 - David Lifodi
  • Verità e giustizia per Marielle Franco
    Latina
    A 9 mesi dal suo omicidio lo Stato brasiliano continua a tacere

    Verità e giustizia per Marielle Franco

    Alla fiera Più libri più liberi di Roma la coraggiosa denuncia di Monica Tereza Benicio, compagna della donna, e della giornalista Fernanda Chaves
    12 dicembre 2018 - David Lifodi
  • Brasile: l’uomo nero ad un passo dal Planalto
    Latina
    Bolsonaro si presenta al ballottaggio del 28 ottobre con quasi il 20% dei consensi in più del petista Fernando Haddad

    Brasile: l’uomo nero ad un passo dal Planalto

    Festeggiano la bancada ruralista, i produttori delle armi e le elites bianche del paese. Per sovvertire i risultati del primo turno la strada è tutta in salita
    8 ottobre 2018 - David Lifodi
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.19 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)