Latina

Le Taser possono causare la morte

Argentina: il governo di Buenos Aires acquista pistole paralizzanti per la Polizia Metropolitana

Producono scariche elettriche in grado di immobilizzare le persone
29 gennaio 2010
David Lifodi

I maligni dicono che serviranno per reprimere le proteste sociali, le associazioni che si occupano di diritti umani promettono che porteranno il caso fino Nazioni Unite: di certo l'acquisto delle pistole Taser deciso dal Ministro de Seguridad della città di Buenos Aires Guillermo Montenegro ha sollevato polemiche. Le Taser andranno in dotazione alla Polizia Metropolitana, ma ciò che inquieta maggiormente sono le caratteristiche di queste armi, in grado di produrre scariche elettriche tali da immobilizzare le persone e non lasciare tracce .Inoltre le Taser possono causare sofferenze difficilmente sopportabili per chi è vittima dei loro proiettili e talvolta causano la morte delle vittime. Ce ne sarebbe abbastanza per bollare l'acquisto delle pistole come un'iniziativa del tutto sconsiderata nella capitale porteña governata dall'imprenditore Mauricio Macri, legato ai partiti della destra. Vere e proprie armi elettriche, le Taser sono messe al bando dalla Costituzione argentina. Il caso è stato portato a conoscenza dell'opinione pubblica grazie alla denuncia dell'Observatorio de Derechos Humanos di Buenos Aires e da Proyecto Sur ed è stata rilanciata dal quotidiano Pagina 12. Amnesty International ne ha già chiesto il divieto di utilizzo, ma Guillermo Montenegro sembra intenzionato ad andare per la sua strada. La risposta del ministro è sconcertante: "Tutte le armi se utilizzate malamente si trasformano in strumenti di tortura", ha spiegato, dichiarandosi fiducioso sulla capacità di autocontrollo della polizia nell'uso delle Taser. E ancora: "E' una stupidaggine definire queste pistole uno strumento di tortura". Le pistole paralizzanti immobilizzano, soprattutto non lasciano segni e di conseguenza nascondono le prove, sottolinea Amnesty International. Tra il 2001 e il 2008 l'utilizzo sconsiderato delle Taser ad opera della polizia ha causato, nei soli Stati Uniti, 334 morti e la stessa Convenzione contro la Tortura dell'Onu le ha definite uno strumento di tortura.
In una lettera inviata al ministro Guillermo Montenegro, i rappresentanti di Proyecto Sur chiedono un'indagine indipendente sulle armi tuttora utilizzate dalla Polizia Metropolitana e si dichiarano inoltre preoccupati per l'acquisto di ben 72 Taser nel solo mese di Gennaio, come riportato anche dal Boletín Oficial. Sempre Montenegro, interpellato da Pagina 12, ha cercato di giocare sul desiderio di sicurezza dei cittadini, insistendo molto sul fatto che servono a difendere la vita degli abitanti di Buenos Aires in situazioni eccezionali e garantendo che non saranno assolutamente utilizzate nelle manifestazioni. Le Taser possiedono una carica da 220 volt, difficile credere che non siano letali, e soprattutto restano ancora avvolti da una nebulosa le modalità d'uso secondo cui la Polizia Metropolitana sarà autorizzata a tirarle fuori
Per adesso il governatore Macri tace, nonostante anche su Facebook sia sorto un gruppo denominato "Taser? No Mauricio, gracias"

 

Note: Articolo realizzato da David Lifodi per www.peacelink.it
Il testo è liberamente utilizzabile a scopi non commerciali citando la fonte e l'autore.

Articoli correlati

  • PeaceLink: liberiamoci dalla guerra ovunque
    Disarmo
    Intervista a Rossana De Simone di PeaceLink

    PeaceLink: liberiamoci dalla guerra ovunque

    Dal collettivo studentesco alla fabbrica. Rossana De Simone racconta la sua esperienza di giovane lavoratrice e delegata sindacale
    14 ottobre 2020 - Laura Tussi
  • Stop alla vendita di bombe all'Arabia Saudita?  Non proprio.
    Disarmo
    Come leggere una notizia giornalistica criticamente – un caso studio.

    Stop alla vendita di bombe all'Arabia Saudita? Non proprio.

    Secondo gran parte dei mass media, il governo M5S/Lega avrebbe fatto votare, mercoledì scorso alla Camera dei Deputati, uno “stop alle esportazioni di armi ai sauditi per l'uso in Yemen”. In realtà, le cose non sono andate proprio così. Vediamo perché.
    1 luglio 2019 - Patrick Boylan
  • Basta videogiochi violenti e armi ai bambini!
    Consumo Critico
    Videogiochi violenti, nerf, armi giocattolo

    Basta videogiochi violenti e armi ai bambini!

    La dipendenza da videogiochi violenti cresce tra i giovanissimi, con rischi evidenti. Ma non basta: dalle armi gioco iperrealistiche, ai film d'orrore, ma cosa insegniamo ai nostri bambini?
    20 gennaio 2019 - Linda Maggiori
  • Tradimento di Stato
    Alex Zanotelli
    Armi

    Tradimento di Stato

    Mettiamoci insieme, credenti e non, per un impegno serio contro la folle corsa agli armamenti, soprattutto nucleari, foriera di nuove e micidiali guerre.
    1 gennaio 2019 - Alex Zanotelli
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.36 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)