Latina

Brasile: Finalmente terra! la storia di 13 famiglie di semtierra a cui finalmente viene riconosciuto il diritto alla proprieta' della terra

In Brasile sono ancora tanti i contadini che aspettano di vedere riconosciute le terre dove vivono e lavorano da decenni. Con l'arrivo di Lula al potere, le migliaia di Sem Terra brasiliani sperano che arrivi quanto prima una riforma agraria che tenga conto dei loro diritti. Ma intanto già qualcosa è cambiato. Tredici famiglie di Alto Rio Novo, nello stato di Espirito Santo, hanno firmato il contratto per la terra. Finalmente, dopo anni di disagi e lotte, vedono riconosciuto il loro diritto di proprietà. Stano Cuzzocrea, un volontario andato in Brasile per alcuni progetti di solidarietà, è stato tra loro durante la tanto agognata ratifica
25 febbraio 2004
Stano Cuzzocrea

25 febbraio 2004 - In Brasile, precisamente nel paese di Alto Rio Novo, nello stato dello Espirito Santo, si è verificato un esempio di democrazia diretta.
Attraverso qualche chilometro di strada sterrata, sorge una piccola casa immersa nel verde. La proprietà si chiama Beija flor, bacia fiore, e prende il nome da un uccello chiamato così.
Si trova fra le colline che circondano la città, in una vallata che incanta per la ricchezza della vegetazione, e induce a pensare ai grandi contrasti che affliggono questa terra.
E’ qui che tredici famiglie di contadini senza terra andranno a vivere da oggi. E’ il giorno dell’occupazione formale della terra, della firma del contratto. Ad aiutarli nel percorso burocratico che porta all’esproprio è un’associazione di volontari che non fa parte del più noto Movimento dei Sem Terra (Mst), né del Feates – equivalente sindacale del Mst nello Espirito Santo. Questa associazione si occupa di individuare la terra, di cercare le famiglie e di curare i rapporti con il governo brasiliano. In questo modo i senza terra non devono entrare in contatto diretto con il proprietario delle aree espropriate. E’ lo stato a parlare con il proprietario terriero mentre l’associazione fa da tramite.
Al nostro arrivo alcune delle famiglie sono già sul posto. I bambini, in tutto trentatre, giocano e si rincorrono nel terreno che circonda la casa. Fra gli adulti alcuni volti sono tesi ma sereni, altri molto rilassati.
Nel piazzale si stanno riunendo gli interessati. Alcuni uomini disposti in cerchio osservano quello che sarà il pozzo per l’acqua. Nel piazzale, riparate all'ombra di un grande albero, si trovano alcune tavole di legno adattate a panchine. E’ qui che si terrà la riunione per la firma del contratto.
Manca ancora qualcuno all’appello. Arriva con un po’ di ritardo, sul retro di un grande camion azzurro.
Ora l’attesa è concentrata sull’arrivo del rappresentante dell’Istituto nazionale per la colonizzazione e la riforma agraria (Incra). Arriva da una strada secondaria, su una grossa jeep. A bordo, due uomini e l’autista.

Quello che sembra essere il capo, inizia a fare un lunga serie di domande al rappresentante delle famiglie che gli si è avvicinato. L’uomo sul retro è armato di pistola e fucile.

La preoccupazione torna per qualche istante fra questa gente che ha dovuto superare la paura dell’esproprio di una delle terre del prefetto della città. Finito il dettagliato interrogatorio, gli uomini vanno via senza nemmeno identificarsi. "Forse una pattuglia inviata da qualche curioso per raccogliere informazioni", commentano.

Pochi minuti dopo, la riunione ha inizio. Il coordinatore delle famiglie insieme a Jasy, che rappresenta l’associazione, e la persona inviata dall’Incra, spiegano cosa comporta quella firma.

C’è grande attenzione durante la lettura del contratto. Ogni famiglia riceverà sette ettari di terreno, i lotti saranno divisi e sorteggiati. Il governo fornirà loro un prestito a fondo perduto per la costruzione della casa. Il contratto prevede l’impossibilità di cedere il terreno a terzi per un certo numero di anni, l’impegno a rispettare le dimensioni minime per la costruzione della casa e l’impegno degli insedianti a produrre e lavorare personalmente la terra per almeno tre mesi. Finita la lettura del contratto si inizia con le firme. E’ il rappresentante dell’Incra a chiamare i capi famiglia uno per uno. Questi andranno a firmare il contratto usando come appoggio una piccola sedia di legno. Il momento è di grande importanza per queste persone, finalmente la possibilità di iniziare una vita diversa diventa concreta. Mentre si procede nelle operazioni burocratiche, uno degli uomini, assistito dal figlio, inizia a pensare ai festeggiamenti sistemando i mattoni e il carbone per il churrasco.

Articoli correlati

  • Nota del Movimento Internazionale delle Vittime della Vale
    Legami di ferro
    Crolla diga di rifiuti minerari a Brumadinho

    Nota del Movimento Internazionale delle Vittime della Vale

    Indignazione per la nuova tragedia in Brasile, a soli tre anni dal crollo della diga di Mariana
    28 gennaio 2019 - Beatrice Ruscio
  • Il Brasile che verrà
    Latina
    Il 1 gennaio Jair Bolsonaro si insedia al Planalto

    Il Brasile che verrà

    L’odio del presidente contro indigeni e contadini e il suo disprezzo per i diritti civili, sociali e politici fanno temere il peggio per il paese
    30 dicembre 2018 - David Lifodi
  • Verità e giustizia per Marielle Franco
    Latina
    A 9 mesi dal suo omicidio lo Stato brasiliano continua a tacere

    Verità e giustizia per Marielle Franco

    Alla fiera Più libri più liberi di Roma la coraggiosa denuncia di Monica Tereza Benicio, compagna della donna, e della giornalista Fernanda Chaves
    12 dicembre 2018 - David Lifodi
  • Brasile: l’uomo nero ad un passo dal Planalto
    Latina
    Bolsonaro si presenta al ballottaggio del 28 ottobre con quasi il 20% dei consensi in più del petista Fernando Haddad

    Brasile: l’uomo nero ad un passo dal Planalto

    Festeggiano la bancada ruralista, i produttori delle armi e le elites bianche del paese. Per sovvertire i risultati del primo turno la strada è tutta in salita
    8 ottobre 2018 - David Lifodi
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.16 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)