Latina

Guatemala

Valle del Polochic: “Né la canna da zucchero, né la palma africana ci danno da mangiare”

Reportage sulla repressione scatenata nei territorio intorno allo zuccherificio Chabil Utzaj, recentemente acquistato dal colosso nicaraguense Grupo Pellas, a causa del conflitto agrario provocato dall’espansione delle mono coltivazioni.
17 maggio 2012
Giorgio Trucchi ALBA SUD/Rel-UITA

Foto G. Trucchi ALBA SUD/Rel-UITA

Un anno fa, il colosso nicaraguense Grupo Pellas ha assunto il controllo dell’impresa Chabil Utzaj nella valle del Polochic, Alta Verapaz, Guatemala. Soci di minoranza, venditori e affittanti di terreni, hanno “preparato il campo” sgomberando e lasciando in stato di abbandono centinaia di famiglie q’eqchi’s, che da varie generazioni vivevano lavorando queste terre fertili. Le loro vite sono ora in pericolo e la loro lotta viene criminalizzata.

In allegato il reportage completo

Versione originale in spagnolo http://www.albasud.org/blog/es/283/valle-del-polochic-ni-la-cana-de-azucar-ni-la-palma-africana-nos-alimentan
Versione in paper/PDF https://www.box.com/s/431d0656e82e50996034
Versione in italiano anche in  https://www.box.com/s/bdd768b3d2c17afac626

Allegati

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.36 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)