Latina

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • c.c.p. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009 - 74100 Taranto (TA)
  • conto corrente bancario n. 115458 c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink (IBAN: IT05 B050 1802 4000 0000 0115 458)
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

    "Ripartiamo da qui, sempre in lotta"

    Concluso il 23° Incontro del Forum di Sao Paulo
    Unità, antimperialismo, anticolonialismo e una piattaforma politica da sinistra
    26 luglio 2017 - Giorgio Trucchi

    Conclusione del 23 Forum di Sao Paulo in Nicaragua

    Con la lettura della  Dichiarazione finale "Nuestra America en Pie de Lucha" si è concluso la settimana scorsa il 23° Incontro del Forum di Sao Paulo.

    "Dopo più di cinque secoli di dominazione e lotta indigena e popolare per l’emancipazione, per la prima volta nella storia dell’America Latina e dei Caraibi, i popoli sono riusciti a ottenere importanti risultati sociali e politici, tra cui il controllo di spazi istituzionali che offrono la formidabile opportunità e l’enorme sfida di sviluppare processi rivoluzionari di trasformazione o comunque una riforma sociale progressista”, si legge nella parte iniziale del documento approvato all’unanimità da più di 300 delegate e delegati provenienti da 22 nazioni della regione.

    Processi che – come spiega il documento – stanno affrontando i “feroci attacchi provenienti dall’imperialismo, dalle destre e dalle forze oligarchiche al loro servizio”, per questo è necessario creare “una piattaforma politica da sinistra”, per raggruppare le forze progressiste, creare un fronte comune continentale antimperialista e rilanciare i processi di integrazione latinoamericana e caraibica.

    Il documento Consenso de Nuestra America rappresenterà lo strumento privilegiato per il dibattito, la consultazione e l’elaborazione di strategie comuni dei popoli in lotta.

    "Dobbiamo far crescere e rafforzare l’unità delle forze progressiste e rivoluzionare all’interno di ogni paese e a livello continentale, compiere un salto di qualità nei nostri meccanismi organizzativi, che ci permetta di definire una strategia e dei programmi comuni a tutte le forze di sinistra del continente”.

    Altri obiettivi incorporati nella Dichiarazione sono la creazione di un nuovo modello politico, economico e sociale all’interno del quale i cittadini possano decidere le politiche pubbliche, prendere decisioni, definire un quadro d’azione per le autorità elette e verificare il loro adempimento, inoltre la creazione di un fronte culturale e comunicativo antiegemonico.

    Sono state anche approvate diverse risoluzioni, tra queste il rifiuto alla guerra non convenzionale e di ampio spettro, economica e mediatica, contro il Venezuela – il Forum si è dichiarato in stato di allerta e in sessione permanente –, il sostegno al processo di pace in Colombia e la condanna della strategia dell’estrema destra per boicottarlo.

    José Ramón Balaguer (PCC), Mónica Valente (PT), Jacinto Suárez (FSLN)

    È stata inoltre presa una netta posizione di rifiuto contro la persecuzione giuridica nei confronti dell’ex presidente brasiliano Luiz Inácio Lula da Silva, si è ratificato il sostegno alla rivoluzione cubana e si è condannato “l’ignobile e disumano” blocco commerciale, economico e finanziario imposto dagli Stati Uniti.

    Il 23° Incontro del Forum di Sao Paulo si è anche solidarizzato con i governi di El Salvador e Nicaragua soggetti a violenti e ripetuti tentativi di destabilizzazione.

    "Questo spazio di dibattito e consultazione della sinistra latinoamericana e caraibica esce rafforzato da questo nuovo incontro. Siamo la prova vivente che è possibile governare con un altro tipo di progetto. Un progetto che stimola il vero sviluppo, l’inclusione sociale e il benessere per tutti e che rappresenta un’alternativa reale al progetto neoliberista fomentato dagli organismi finanziari internazionali.

    Contiamo con risultati importanti e con un’eredità significativa per i popoli e per l’umanità. Queste giornate di intenso dibattito e di ricerca di consenso e unità ci riempiono di forza, determinazione e allegria. Per continuare a lottare e resistere contro gli attacchi e costruire le vittorie di cui abbiamo bisogno. Ripartiamo da qui, sempre in lotta” ha detto Monica Valente, segretaria esecutiva del Forum, durante l’atto di chiusura.


    Fonte originale (+ foto): LINyM

    Note:

    Traduzione: Giampaolo Rocchi

    PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.4 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Posta elettronica certificata (PEC)