Latina

Colombia: la Comunidad de Paz ancora nel mirino dei paramilitari

Ma la solidarietà sta crescendo anche a livello europeo
7 gennaio 2018
di Nelly Bocchi

internet

Nel comunicato del 1 gennaio 2018, proveniente dalla Comunidad de Paz de San Josè Apartadò, si legge che il governatore di Antioquia ha asserito, durante una conferenza stampa, che i 2 paramilitari trattenuti dalla Comunidad e poi consegnati alle forze dell’ordine (*) ma subito messi in libertà, in realtà erano ”ragazzotti” che nulla avevano a che fare con i paramilitari, anzi uno era il barbiere della Comunidad. Tutto ciò è assolutamente falso, scrive la Comunidad:  ”ciò che sostiene il Governatore non ci sorprende, inquadra perfettamente la politica che il governo ha sempre mantenuto e mantiene nei nostri confronti, tutte le nostre denunce sono considerate menzogne. Il Ministro della Difesa a cui arrivano le nostre denunce risponde invariabilmente che ciò che denunciamo non è mai successo, che nella nostra zona non c’è esercito e tantomeno paramilitari, anzi i paramilitari non esistono”.

La macchina del fango lavora a pieno ritmo!

Il commando dei 4 paramilitari ha detto che porteranno a buon fine l’assassinio di German e lo sfollamento dell’intera Comunidad, “è solo questione di tempo”.

La Comunidad però continua con coraggio e determinazione i suoi impegni quotidiani e i leaders (Gildardo, German, Jesus Emilio, Brigida) con il loro spirito positivo e gioioso – nonostante tutto – cercano di infondere un po’ di serenità a tutti, in questo periodo (che come mi ha ripetuto ieri Gildardo) sembra il tragico 2005.

Gli accompagnanti internazionali – soprattutto Operazione Colomba ma anche PBI e FOR – sono sempre al loro fianco, visibili sia all’interno che all’esterno della Comunidad. Anche le riunioni di questi eroici nostri “concittadini” (**) sono perennemente presidiate dagli accompagnanti, come anche il lavoro del cacao, che si svolge proprio nel luogo dell’attentato a German.

Dal 29 dicembre molte realtà europee – politiche e non – hanno manifestato la loro vicinanza a questi coraggiosi contadini attraverso lettere e comunicati:

  • un comunicato di denuncia di Operazione Colomba; lo stesso hanno fatto PBI e FOR
  • “Azione Urgente” – sottoscritta da diverse associazioni, Comuni, realtà europee solidali con la Comunidad – inviata da Colombiavive
  • comunicato da parte del gruppo interparlamentare italiano per la Colombia, presieduto dall’onorevole Giovanna Martelli e diretto al presidente Mattarella e al ministro Alfano
  • comunicato del viceministro Giro al governo colombiano di ferma denuncia riguardo a ciò che sta avvenendo nella Comunidad
  • denuncia del gruppo GUE/NGL (del Parlamento europeo) indirizzata a Ferderica Mogherini
  • denuncia del membro del Congresso Usa Keith Ellison rivolta all’ambasciatore colombiano in Usa
  • condanna di Todd Howlan, alto commissariato ONU per i Diritti Umani
  • lettere di denuncia di vari sindaci di città europee dove la Comunidad ha ricevuto la cittadinanza onoraria, indirizzate ai rispettivi ambasciatori in Colombia.

(*) la vicenda è raccontata qui: Colombia: attentato a German Graciano

(**) alcune città – come Fidenza dove abita Nelly Bocchi – hanno concesso la cittadinanza onoraria agli esponenti della Comunidad de Paz de San Josè Apartadò.

Articoli correlati

  • Colombia: cresce il numero di morti, feriti e desaparecidos
    Latina
    Il presidente Duque militarizza il paese e utilizza il pugno di ferro

    Colombia: cresce il numero di morti, feriti e desaparecidos

    Eppure il levantamiento non si ferma, frutto di una protesta contro le disuguaglianze sociali figlie del duqueuribismo, ma non solo
    4 giugno 2021 - David Lifodi
  • Le Ande in rivolta
    Latina
    In Colombia la resistenza continua nonostante la repressione di Stato e una situazione allarmante

    Le Ande in rivolta

    In Cile le elezioni del 15-16 maggio hanno dimostrato che il pinochettismo può essere sconfitto e in Perù, in vista del ballottaggio presidenziale del 6 giugno, l’oligarchia trema per i sondaggi che assegnano la vittoria al maestro rurale Pedro Castillo.
    26 maggio 2021 - David Lifodi
  • Colombia: terrorismo di stato
    Latina
    Continua la violenta repressione contro le proteste che proseguono dal 28 aprile scorso

    Colombia: terrorismo di stato

    Il nuovo levantamiento era iniziato contro la riforma tributaria imposta, e poi ritirata, dal presidente Duque
    18 maggio 2021 - David Lifodi
  • Il  Tribunale permanente dei popoli giudicherà lo Stato colombiano per genocidio
    Latina
    Gran parte degli omicidi commessi avviene per mano della polizia

    Il Tribunale permanente dei popoli giudicherà lo Stato colombiano per genocidio

    Sotto la presidenza di Iván Duque sono stati uccisi 167 leader indigeni
    22 gennaio 2021 - David Lifodi
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)