Latina

Gli omicidi contro i dirigenti popolari avvengono quasi quotidianamente

Colombia senza pace

L'attentato ad una caserma di polizia di Bogotà del 17 gennaio scorso, attribuito all'Eln, non farà altro che aumentare la repressione
23 gennaio 2019
David Lifodi

Colombia senza pace

La Colombia vive in uno scenario di guerra non dichiarato, nonostante il premio Nobel attribuito in fretta e furia all'ex presidente Juan Manuel Santos. A testimoniarlo, il macabro elenco quotidiano di omicidi ai danni di leader indigeni e delle organizzazioni sindacali, ambientaliste e popolari, oltre all'attentato dello scorso 17 gennaio a Bogotà, quando un attacco kamikaze contro la Escuela de Policía General de Santander ha provocato almeno 10 morti e 65 feriti.


L'abbandono della lotta armata da parte delle Farc, la principale, ma non unica, forza guerrigliera del paese e la sua trasformazione in partito politico è servita allo Stato e all'opinione pubblica per far passare in secondo piano la guerra sporca contro i movimenti sociali colombiani, come se la guerriglia fosse l'unica causa della spirale di violenza che fin dalla seconda metà degli anni Quaranta insanguina il paese. Santos ha disatteso gran parte degli accordi di pace firmati con le Farc e la situazione non sembra essere destinata a migliorare granché con l'ultraconservatore Iván Duque, insediatosi da pochi mesi a Palacio Nariño e dietro al quale sembra nascondersi ancora l'ex presidente Álvaro Uribe.


Una cosa è comunque certa: l'attentato del 17 gennaio non giova né ai movimenti sociali né a tutti coloro che desiderano vivere in pace. Subito dopo l'esplosione dell'autobomba, il governo ha accusato di quanto accaduto l'Eln (Ejército de Liberación Nacional, la seconda guerriglia del paese) individuando nell'autista kamikaze, José Aldemar Rojas Rodríguez, un esponente di di spicco del fronte guerrigliero Domingo Lain. Se davvero fosse così, molti analisti politici hanno evidenziato come l'Eln, impegnato in un difficile dialogo a Cuba con il governo (finora poco fruttuoso soprattutto per colpa proprio dello Stato), abbia commesso un gravissimo errore, compiendo un deliberato atto di guerra di cui a pagarne la ritorsione saranno le organizzazioni sociali e politiche colombiane.


Duque giustificherà la repressione come un atto necessario e la guerra sporca di cui sono responsabili lo Stato colombiano e i gruppi paramilitari (ancora vicinissimi a Uribe e sicuri di aver garantita l'impunità) passerà ancora una volta in secondo piano. Poco importa se tra i principali artefici dell'accusa all'Eln si è palesato il magistrato Néstor Humberto Martínez, a sua volta indagato per corruzione e contro il quale, solo pochi giorni prima dell'attentato, migliaia di persone hanno chiesto le sue dimissioni.


Nel solo biennio 2017-2018 in Colombia sono stati assassinati 426 leader sociali e attivisti per i diritti umani e, in questi primi giorni di gennaio, i caduti sono già 11. Gli autori, e i loro mandanti, appartengono alle bande criminali (Bacrim) che agiscono per perpetrare il furto della terra alle comunità indigene e contadine e favorire le condizioni ideali per le fumigazioni di glifosato, la costruzione di miniere a cielo aperto e delle centrali idroelettriche. Quello che ogni giorno di più si va configurando come un vero e proprio piano di sterminio ai danni dei dirigenti popolari, vede la collaborazione delle forze armate (almeno fino agli anni Ottanta), degli squadroni paramilitari e dei cartelli della droga, fino all'attuale eliminazione, a ritmo quasi quotidiano, degli oppositori politici. Interpellati su questa mattanza, i vertici dello Stato finora hanno preferito innalzare una cortina di fumo, limitandosi ad asserire che le vittime non erano mai state oggetto di minacce.


Sull'attentato alla Escuela de Cadetas del 17 gennaio, in molti hanno evidenziato come un fatto di queste dimensioni non avvennisse dall'epoca di Pablo Escobar. Tuttavia, l'immediata accusa formulata dallo Stato all'Eln, incolpato di essere il sicuro responsabile dell'attacco suicida, non solo ha congelato la già tortuosa strada verso una pace già ritenuta un miraggio, ma è servita a rafforzare il partito della guerra, che vanta tra i suoi più autorevoli rappresentanti la coppia Duque-Uribe, già apertamente contraria ai peraltro ambigui accordi di pace sui quali aveva insistito Juan Manuel Santos nell'evidente tentativo (del tutto personale) di passare come (presunto) uomo di pace.


Sugli autori dell'attentato restano comunque molti dubbi. Gli attentati esplosivi sono sempre stati una prerogativa dei narcos o delle organizzazioni paramilitari nate sulle ceneri delle (solo in parte) smobilitate Autodefensas Unidas de Colombia (Auc), dal Clan del Golfo alle Águilas Negras, che adesso prosperano sulla gravissima crisi economico-politico-sociale in cui versa il paese ed hanno ancora una volta il campo libero per poter scatenare la loro guerra contro i movimenti sociali e i partiti politici di sinistra. Peraltro, sono in molti a chiedersi se l'autobomba sia realmente un'azione terrorista dell'Eln o un falso postivo, in cui Uribe ai tempi della presidenza era un maestro, e quindi provocato dai paras o dallo stesso esercito colombiano allo scopo di seppellire definitivamente la pace.


L'Eln, che aveva accettato il cessate il fuoco bilaterale dal 23 dicembre al 3 gennaio scorso, si trova adesso sotto un fuoco incrociato di accuse, ma aldilà di scoprire i reali autori dell'attacco, lo Stato colombiano, una volta di più, si trova nella vantaggiosa posizione di poter negoziare la pace e la guerra sulla base dei propri interessi ed ha buon gioco nel criminalizzare i movimenti sociali. In un contesto in cui l'istituzione statale si conferma autoritaria (qualcuno ha parlato di democrazia genocida), le lotte di resistenza si radicalizzano e la concentrazione della ricchezza resta nelle mani di una ristretta minoranza, a rimetterci è quella Colombia popolare stanca di guerra e di violenza, ma costretta a fronteggiare, ancora una volta, l'uribismo tornato al potere ed incarnato dal presidente Duque.

Note: Articolo realizzato da David Lifodi per www.peacelink.it
Il testo è liberamente utilizzabile a scopi non commerciali citando la fonte e l'autore.

Articoli correlati

  • L’Agenda delle idee
    Cittadinanza
    A scuola con Agenda Onu 2030

    L’Agenda delle idee

    Progetti di sviluppo dell’educazione all’attivismo partecipativo in base agli obiettivi di Agenda Onu 2030
    5 dicembre 2020 - Laura Tussi
  • Teoremi di pace 
    Laboratorio di scrittura
    Fili concettuali e teoremi virtuali dei vissuti di pace

    Teoremi di pace 

    Con i miei scritti, imparo la relazione nell’azione educativa e di attivismo e di impegno civile, in rapporto con l'altro da me
    30 novembre 2020 - Laura Tussi
  • EquAgenda per la Pace e la Solidarietà
    Cultura
    Ecco la tua EquAgenda 2021!

    EquAgenda per la Pace e la Solidarietà

    Una produzione dell’associazione Ita-Nica e della cooperativa EquAzione della Comunità di base “le Piagge”
    28 novembre 2020 - Laura Tussi
  • Tempi di fraternità: pace per l’umanità 
    Cultura
    Un ambito culturale di impegno nel sito della rivista tempi di fraternità 

    Tempi di fraternità: pace per l’umanità 

    Un innovativo spazio di accoglienza all’interno del sito della rivista Tempi di Fraternità dal titolo emblematico Pace per l’umanità
    24 novembre 2020 - Laura Tussi
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.38 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)