Latina

Brasile: Lula si appresta a militarizzare la triplice frontiera

La zona sara' controllata da aerei, pattuglie e da un centro di intelligence, per rispondere alle pressanti richieste degli USA
14 agosto 2004
Nello Margiotta
Fonte: Rebelion , Resumen Latinoamericano

Il governo di Lula si prepara a militarizzare la zona di confine con il Paraguay e l'Argentina in risposta alle pressioni del governo USA.
Quasi trecento agenti speciali, insieme a lance ad alta velocita' e ad aerei, controlleranno la zona considerata l'epicentro del contrabbando, del narcotraffico, della pirateria, del trafico d'armi e, benche' mai comprovato, possibile centro del terrorismo arabo.
A novermbre Lula inaugurera' un quartier generale delle forze armate a Foz do Iguaçú insieme ad una Unita' speciale che avra' il compito di pattugliare il lago formatosi per la costruzione della piu' grande centrale idroelettrrica del mondo, alla confluenza tra il Parana' e l' Itaipu'
Il contrabbando tra Paraguay e il Brasile e molto praticato e facile da attuare, come ha mostrato qualche settimana un programma della televisione brasiliana.
La mancanza di vigilanza ha alimentato per anni flussi illegali di ogni genere:armi argentine per la criminalita' brasiliana attraverso il Paraguay, e auto di lusso rubate in Brasile per il mercato parallelo estero.

A convincere Lula a creare una base modello di polizia di frontiera sono state le pressioni del governo USA per la presunta presenta di cellule del terrorismo arabo a Foz do Iguaçú , dove vive la piu' grande comunita' libanese fuori dal Libano; la Cia fece filtrare la notizia, mai confermata, che Osama Bin Laden si fosse recato nella zona della triplice frontiera prima del'attentato dll' 11 settembre, mentre la CNN rivelo' nel novembre dl 2002, che la zona brasiliana della triplice frontiera era frequentata da presunti dirigenti Hezbollah, e la zona era luogo di reclutamento di terroristi: le autorita' brasiliane hanno sempre risposto che non c'erano notizie di presenze terroristiche nella zona.

La centrale di vigilanza e di intelligence vuole quindi essere una risposta forte alle denuncie e alle minacce del govenro USA di penalizzare il Brasile, per non aver almeno evitato il flusso di materiale digitale piratato che avviene nella alla luce del sole

Articoli correlati

  • Brasile: il grido d’allarme degli indios
    Latina
    In occasione del Consiglio dei diritti umani dell’Onu

    Brasile: il grido d’allarme degli indios

    Il governo Bolsonaro si occupa solo degli interessi dei ruralistas
    8 luglio 2019 - David Lifodi
  • Nota del Movimento Internazionale delle Vittime della Vale
    Legami di ferro
    Crolla diga di rifiuti minerari a Brumadinho

    Nota del Movimento Internazionale delle Vittime della Vale

    Indignazione per la nuova tragedia in Brasile, a soli tre anni dal crollo della diga di Mariana
    28 gennaio 2019 - Beatrice Ruscio
  • Il Brasile che verrà
    Latina
    Il 1 gennaio Jair Bolsonaro si insedia al Planalto

    Il Brasile che verrà

    L’odio del presidente contro indigeni e contadini e il suo disprezzo per i diritti civili, sociali e politici fanno temere il peggio per il paese
    30 dicembre 2018 - David Lifodi
  • Verità e giustizia per Marielle Franco
    Latina
    A 9 mesi dal suo omicidio lo Stato brasiliano continua a tacere

    Verità e giustizia per Marielle Franco

    Alla fiera Più libri più liberi di Roma la coraggiosa denuncia di Monica Tereza Benicio, compagna della donna, e della giornalista Fernanda Chaves
    12 dicembre 2018 - David Lifodi
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.25 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)