Latina

Brasile: intervista esclusiva a Carlos Luiz Susin segretario del I° Forum Mondiale della Teologia della Liberazione

22 gennaio 2005
Laura Fantozzi

ANCHE PER LA TEOLOGIA UN ALTRO MONDO E POSSIBILE

La solidarietà è la fonte e l'essenza della
liberazione individuale e collettiva. Libertá oggi piu
che mai significa rompere con uno stile consumistico e
passivo, che annulla la coscienza e la capacitá di
scelta
.

Con queste parole il primo Forum Mondiale
della Teologia della Liberazione, in corso a Portro
Alegre, è stato presentato da Carlos Luiz Susin,
segretario generale del Comitato organizzativo locale.

Nella solidarietá risiede il significato profondo
della vita di Cristo, che ha condiviso la natura
umana, che e stato al fianco di peccatori e
sofferenti, morto in croce condividendo il nostro
dolere e le nostre paure, risorto dopo tre giorni per
salvarci. La solidarietá e' predicata con forza anche
da altre religioni, in particolar modo dal buddismo,
da sempre, oggi piu che mai attraverso la vita e le
parole dell' attuale Dalai Lama, predica la
compassione come via per conseguire la salvezza del
pianeta terra e tutti i suoi abitanti

Carlos Luis Susin, quando è nata l' idea di
organizzare un Forum mondiale della teologia della
liberazione?

Dopo i clamori di Medellin e Puebla, dopo
gli anni sessanta e settanta, la TDL sembrava aver
perso il suo vigore, la sua forza.
Durante il WSF del 2003. L idea è nata da una
chiacchierata tra amici teologi a cui partecipava, tra
l'altro, anche Leonardo Boff. Si iniziava a respirare
un' aria nuova, una speranza piu' forte e allo stesso
tempo era sempre piu'evidente la necessitá di
approssimare la Teologia della liberazione di stampo
latino americano alle correnti teologiche che si
stavano sviluppando negli altri continenti.
Quali gli obiettivi di questo primo incontro?
Questo Forum é un' occasione per analizzare gli
attuali sviluppi della TDL. Nello specifico ci
soffermeremo a riflettere sull'immagine di Dio, e
sulla forma con cui il cristianesimo si presenta e
interagisce con il mondo contemporaneo
.

Come e' organizzato il Forum?

E' un incontro mondiale, mancano solo gli Australiani,
un incontro che cerca di rappresentare tutte le
correnti teologhe che lavorano sul concetto di
liberazione e di minoranza. Al fianco dei teologi
della liberazione africani, asiatici, europei,
canadesi, statunitensi, ci sono, ad esempio,
rappresentanti della teologia femminista, della
teologia qeer.
Nessuno e' qui per un' istituzione, una chiesa, un
'organizzazione, E un incontro tra persone, diverse e
simili allo stesso tempo, che riflettono e pregano,
cercando, assieme, nuove fonti di speranza.

E possibile tracciare a grandi linee i contorni e le
peculiaritá delle differenti teologie della
liberazione?

Beh, non e sufficiente un' intervista! In estrema
sintesi peró, potremmo dire che la TDL latinoamericana
e da sempre contraddistinta per il suo impegno
sociale, economico e politico, quella africana
sottolinea l' importanza dell' aspetto antropologico,
quella asiatica si sofferma sul valore iconico e
simbolico, quella europea e aperta al dialogo e al
confronto. In particolar modo l' Europa ha avuto un
ruolo fondamentale nell'organizzazione di questo
evento, é stata un supporto indispensabile, sia a
livello dell'organizzazione dei contenuti che di
finanziamenti (il 70% dei fondi è arrivato proprio dal
vecchio continente)
.

Quale il legame tra il WSF e il Forum della TDL?

In primo luogo si tratta di un legame ideologico;
lavoriamo tutti sotto lo stesso tetto, ovvero, volendo
essere un po' piu' formali, condividiamo lo stesso
obiettivo, la costruzione di un altro mondo, piu
solidale e unito. In secondo luogo tra i due forum
esiste un rapporto di reciprocità. offriremo le nostre
riflessioni come contributo concreto per la nascita di
un altro mondo, saranno i partecipanti al WSF a
definire l' importanza del nostro lavoro.

Articoli correlati

  • Nota del Movimento Internazionale delle Vittime della Vale
    Legami di ferro
    Crolla diga di rifiuti minerari a Brumadinho

    Nota del Movimento Internazionale delle Vittime della Vale

    Indignazione per la nuova tragedia in Brasile, a soli tre anni dal crollo della diga di Mariana
    28 gennaio 2019 - Beatrice Ruscio
  • Il Brasile che verrà
    Latina
    Il 1 gennaio Jair Bolsonaro si insedia al Planalto

    Il Brasile che verrà

    L’odio del presidente contro indigeni e contadini e il suo disprezzo per i diritti civili, sociali e politici fanno temere il peggio per il paese
    30 dicembre 2018 - David Lifodi
  • Verità e giustizia per Marielle Franco
    Latina
    A 9 mesi dal suo omicidio lo Stato brasiliano continua a tacere

    Verità e giustizia per Marielle Franco

    Alla fiera Più libri più liberi di Roma la coraggiosa denuncia di Monica Tereza Benicio, compagna della donna, e della giornalista Fernanda Chaves
    12 dicembre 2018 - David Lifodi
  • Brasile: l’uomo nero ad un passo dal Planalto
    Latina
    Bolsonaro si presenta al ballottaggio del 28 ottobre con quasi il 20% dei consensi in più del petista Fernando Haddad

    Brasile: l’uomo nero ad un passo dal Planalto

    Festeggiano la bancada ruralista, i produttori delle armi e le elites bianche del paese. Per sovvertire i risultati del primo turno la strada è tutta in salita
    8 ottobre 2018 - David Lifodi
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.19 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)