Pace

RSS logo

Mailing-list Pace

< Altre opzioni e info >

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009, 74100 Taranto
  • Conto Corrente Bancario c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink - IBAN: IT65 A050 1804 0000 0001 1154 580
Motore di ricerca in

Lista Pace

...

    Produrre, appropriarsi, dominare: alle radici del nuovo apartheid globale

    Agonia e vocazione dell’Occidente

    L’ultimo libro di Raniero La Valle
    15 aprile 2005 - Luca Kocci

    Una attenta analisi e una acuta riflessione sulla guerra che, partendo dalla contingenza del nostro tempo, arriva ad indagarne le più profonde radici antropologiche, economiche e giuridiche. È quello che riesce a fare, “con passione e rigore argomentativo” – come scrive Ottavo Di Grazia nella prefazione – Raniero La Valle nel suo ultimo libro, appena arrivato nelle librerie e nelle botteghe del commercio equo e solidale: Agonia e vocazione dell’Occidente (Altreconomia – Terre di Mezzo editore, Milano, 2005, pp.108, 8 euro).

    Raniero La Valle Agonia e vocazione dell'occidente

    Se la vocazione dell’Occidente, inscritta nella Dichiarazione universale dei diritti dell’uomo prodotta all’indomani della conclusione del conflitto che ha lacerato il mondo, è una “vocazione all’inclusione”, al contrario la sua agonia è il tradimento di questa stessa vocazione: la “rottura dell’unità del mondo” di cui la “guerra preventiva e perpetua di Bush [...] è l’ultima disperata scelta della globalizzazione capitalistica nel momento in cui, fallito il suo progetto di unificazione del mondo all’insegna delle ‘magnifiche sorti e progressive’, deve prendere le armi per rimpiazzare la mancata egemonia col dominio e per difendere la dura selettività del mercato totale”.

    Un tradimento che va contro la modernità e contro lo stesso Occidente, in una sorta di suicidio, inaugurando la stagione della “guerra globale e infinita”, analizzata da La Valle fin dalle sue origini più remote, andando a scovare i fondamenti e il “principio” del pensiero di guerra attraverso il lungo cammino del pensiero occidentale, da Eraclito a Freud. Per poi ritornare alla contemporaneità, al post-1989, che invece di aprire un’epoca di pace e di giustizia – come molti osservatori, al tempo, ipotizzavano – recupera la guerra, “richiamata dal suo esilio, eticamente riscattata e di nuovo adornata e agghindata come una sposa”.

    Fino alla nascita della “guerra preventiva”, teorizzata nel settembre 2002 nel documento The national security strategy of Usa – che La Valle legge e interpreta come “il manifesto del nuovo Impero” – e praticata da Bush e dai neocon, che sempre più assomigliano a teocon, banditori di un nuovo pensiero apocalittico e secolarizzato in cui anche Dio viene arruolato nelle armate dell’esercito del Bene: “Quello che è accaduto, che sta accadendo, è che il mondo intero si sta trasformando in una ‘fiammeggiante apocalisse’ [...] perché Bush, dopo l’11 settembre, interpreta il mondo e la storia di oggi come il teatro dello scontro tra due mondi, l’uno destinato a vincere, l’altro destinato a perire. La lotta tra il Bene e il Male predicata dalla Casa bianca, la guerra contro il terrorismo, lo scontro di civiltà, progettato dai professori di Harward, e quindi la rottura dell’unità umana in mondi irriducibilmente contrapposti e nemici, sono i nomi e le traduzioni politiche di questa visione gnostica, apocalittica e manichea che si è insediata sul più alto trono del mondo. Con una differenza, però, rispetto all’apocalittica classica. Che qui si tratta di un’apocalittica secolarizzata, destinata a realizzarsi non alla fine dei tempi, ma in questo nostro tempo, qui ed ora, ed è quindi dentro la storia di oggi che un mondo viene rifiutato, nella migliore delle ipotesi abbandonato tra i detriti, ed è qui ed ora che la rottura dell’unità del genere umano si consuma”.

    Note:

    Il libro è in vendita nelle Botteghe del commercio equo e solidale e nelle librerie. Oppure può essere richiesto all’editore: Altreconomia Edizioni, tel. 0248953031-2, e-mail segreteria@altreconomia.it , sito internet http://www.altreconomia.it.

    PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.8 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)