Pace

RSS logo

Mailing-list Pace

< Altre opzioni e info >

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009, 74100 Taranto
  • Conto Corrente Bancario c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink - IBAN: IT65 A050 1804 0000 0001 1154 580
Motore di ricerca in

Lista Pace

...

    L'altra faccia della "semplificazione"

    4 luglio 2005 - Nadia Redoglia

    Il D.L. 35/05, ormai legge, meglio conosciuto come D.L. per la competitività, all'art. 3 C. 2,3,4,5,6, prevede che non saranno più i Notai a detenere l'esclusiva sui passaggi di proprietà dei veicoli inferiori a 25.000 Euro, ma anche gli "sportelli telematici", l'ACI e, gratuitamente, i funzionari delle infrastrutture e dei trasporti. In un secondo tempo, altre categorie (?). Poiché la voltura dell'auto usata ha natura contrattuale non si potrà ricorrere ad autentica amministrativa, come per le istanze rivolte alla P.A. L'autenticante dovrà ricevere la firma in sua presenza,accertare l'identità del sottoscrittore, dunque trascriverne i dati per l'autentica. Difficilmente tutto questo potrà essere effettuato ove si prevede la gratuità.
    L'approvazione del piano d'azione recita "…le disposizioni concorrono tutte a conferire nuovo slancio e maggiore competitività al Paese..." e ancora "...tese a fornire agli Stati membri indirizzi omogenei per assicurare la crescita interna in coerenza con il contesto dell'Unione…" Andiamo a vedere se è proprio così vero.

    Attualmente l'autentica apposta su ogni dichiarazione di vendita di veicolo usato, garantisce l'esatta identità del venditore, e, in automatico, che il bene sia effettivamente di sua proprietà, nel rispetto ulteriore del diritto di famiglia. Il Notaio, proprio per la sua qualifica, non è sostituibile, dunque non può e non deve essere oggetto di competizione. La sua garanzia è un importante deterrente agli illeciti perpetrati nel nostro Paese che "vanta" un allarmante primato nel campo automobilistico, come sostenuto peraltro nella seduta del 22 Marzo scorso in 1^ Commissione ove il Sen. Turroni (verdi) ricordava che il notaio è un garante nell' ostacolare il commercio di auto rubate indicato dal Procuratore nazionale antimafia.

    Veniamo ai costi. Prendiamo un'utilitaria di minima cilindrata. L'operato notarile ammonta a Euro 18,06 lorde (tariffe ministeriali) di cui circa il 16% viene versato alla Cassa Nazionale. Le tasse e i balzelli per volturare (I.P.T. - peraltro aumentata di oltre il 20% a gennaio, ma ben ci si è guardati dal pubblicizzarlo -D.T.T. bolli, emolumenti) invece ammontano a Euro 253,48! C'è poi da aggiungere il costo dell'agenzia pari a circa Euro 20,00 (le più oneste). Per un totale di 291,54 Euro. La concessionaria auto di norma accolla però all'acquirente ben 350.

    L'attenta supervisione dell'On. Siniscalco, elogiata dal nostro Presidente del Consiglio, forse troppo attenta non è stata: saranno probabilmente oltre 3.500 i dipendenti degli studi notarili che nell'arco di 24 ore si sono visti depauperati non già del posto di lavoro, ma del lavoro stesso. Infatti questi impiegati non potranno essere ricollocati a meno che non si chieda loro di lavorare…gratis. Intervistando l'on. Grillotti, membro della 5^ Commissione Bilancio,questi ha dichiarato che il decreto prevede di aumentare il numero dei notai, dagli attuali uno ogni 8.000 abitanti si passerebbe a un notaio ogni 7.000. In questo modo si potrebbe auspicare che i dipendenti potrebbero dunque essere distribuiti. Qual è il senso di elevare il numero dei notai, seppoi... manca il lavoro? Da sempre questi dipendenti sono esclusivamente dediti alla repertorizzazione (la quantità di auto la richiede per ore), alle autentiche, all'apposizione di marche sulle pratiche auto, all'accoglienza del pubblico. Tutti stipendiati dai notai che ricavano i famosi 18,06 Euro per atto. Alla luce di quanto sopra appare quanto meno infelice, se non addirittura spudorata la frase "...indirizzi omogenei per assicurare la crescita interna in coerenza con il contesto dell'Unione..." Ma non è finita qui. Dal 1 giugno 2005 le marche da bollo sono passate da 11 Euro a 14,62! Per una voltura i bolli necessitano di 4 marche. Risultato: 3,62 euro per quattro "ammennicoli" in più, dunque 14.48 euro di aumento. Togliere ai ricchi (Notai forse?) per dare ai poveri (i futuri impiegati notarili che perderanno il posto di lavoro?!) non è proprio la "regola" del nostro Presidente del Consiglio, per quanto faccia in modo di apparire tale (apparire appunto)...

    Negli altri Paesi membri, volturare un'utilitaria costa poche decine di Euro: in Italia centinaia e, come dimostrato, non certo a causa del Notaio. Ancora una volta la frase tratta dall'antologia di "Spoon River" è di piena attualità. Recita bene la tua parte, in questo consiste l'onore.

    PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.8 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)