Pace

Lista Pace

Archivio pubblico

Tra le cause delle morti non naturali il 30,1% è dovuto a ferite per armi

Domani referendum in Brasile sulle armi da fuoco

In occasione del primo referendum del Brasile, il 23 ottobre gli elettori del paese sudamericano saranno infatti chiamati a votare per la proibizione o meno del commercio di armi da fuoco.
22 ottobre 2005

"Il commercio di armi da fuoco dovrà essere proibito in Brasile?", questa la domanda del referendum a cui i cittadini brasiliani saranno chiamati a rispondere il prossimo 23 ottobre.

La circolazione delle armi costituisce un grave problema per il paese. Dati allarmanti sono riportati dalle fonti statistiche: 18 milioni le armi da fuoco in commercio; tra le cause delle morti non naturali il 30,1% è dovuto a ferite per armi; nel 2004, 38 mila persone sono state uccise; tre bambini ogni giorno vengono feriti; la spesa di sanità pubblica per feriti di armi nel 2002 ammontava a 135 milioni di Real.

La drammaticità degli eventi già in passato aveva spinto il governo ad attuare regole più ferree alla circolazione delle armi. Nel dicembre del 2003 è stata promulgata una legge, la legge n.10826, che prevede un maggior controllo sulle armi e nel luglio del 2004 si è dato inizio al "disarmo volontario": è previsto un compenso di 300 Real a chi consegna le armi, i possessori poi non saranno interrogati su come e dove hanno acquistato l'arma.

Ora un nuovo passo, che sembra porre un taglio netto al problema. La scelta o meno della proibizione del commercio di armi è delegata al popolo. Per la prima volta in Brasile si userà lo strumento principe di democrazia diretta, il referendum. Si attende con ansia l'esito.

Note: Il sito del referendum
http://www.referendosim.com.br

Per approfondimenti:

Rete Italiana per il Disarmo (Controllarmi)
http://www.disarmo.org/rete/indices/index_2073.html

La nonviolenza è in cammino (newsletter)
http://lists.peacelink.it/nonviolenza
Peppe Sini in queste settimane, con tale newsletter, ha svolto una intensa attività di informazione, coinvolgimento e sensibilizzazione.

Articoli correlati

  • Il Brasile sospeso tra fascismo e democrazia
    Latina
    Nelle presidenziali del 2 ottobre il paese spera in Lula per uscire dall’incubo bolsonarista

    Il Brasile sospeso tra fascismo e democrazia

    Cresce la violenza politica da parte dei sostenitori di Bolsonaro
    21 settembre 2022 - David Lifodi
  • Quando c’era Lula…
    Latina
    Dal sogno dei grandi eventi a Bolsonaro

    Quando c’era Lula…

    Ivan Grozny Compasso ripercorre la storia del Brasile dal Mondiale di calcio (2014) e dalle Olimpiadi (2016), su cui avevano scommesso Lula e Dilma Rousseff, fino all’incubo bolsonarista
    10 agosto 2022 - David Lifodi
  • Brasile: Lula guarda al centro e si allea con Alckmin
    Latina
    In vista delle presidenziali del 2 ottobre

    Brasile: Lula guarda al centro e si allea con Alckmin

    Intanto sono già iniziate e le provocazioni e le fake news del bolsonarismo per mantenere il Messia Nero al Planalto
    6 aprile 2022 - David Lifodi
  • L’ America latina di fronte al conflitto Russia-Ucraina
    Latina
    Ricercatori e giornalisti si interrogano sulle ripercussioni della guerra in Sudamerica

    L’ America latina di fronte al conflitto Russia-Ucraina

    A prevalere, nel sostegno all’una o all’altra parte in causa, sono ragioni strategiche, di sopravvivenza, o di posizionamento verso gli Stati uniti
    17 marzo 2022 - David Lifodi
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.44 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)