Pace

RSS logo

Mailing-list Pace

< Altre opzioni e info >

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009, 74100 Taranto
  • Conto Corrente Bancario c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink - IBAN: IT65 A050 1804 0000 0001 1154 580
Motore di ricerca in

Lista Pace

...

    Recensione

    Danza mistica della pace sulla terra

    Biografia e tre articoli sulla pace, di Sirio Politi (1920-1988), decano dei preti operai italiani. - Il comandamento della pace - La teologia della pace - Pace, amore, Assoluto.
    5 gennaio 2008 - Enrico Peyretti

    Libri
    Danza mistica della pace sulla terra

    Sirio Politi, Paso doble per la pace, a cura di Maria Grazia Galimberti, Ed. Servitium (s.egidio@servitium.it), pp.130, € 12,00

    Un ballo a due, pieno di brio, è scelto dalla curatrice per intitolare questa raccolta di tre scritti sulla pace di Sirio Politi (1920-1988), a vent'anni dalla morte. Fu il decano dei preti operai italiani, a Viareggio. Chi lo conobbe e lo frequentò lo ritrova nella bella biografia scritta da Maria Grazia Galimberti, che visse nella sua comunità, attorno alla chiesetta del porto. Sirio fu anche presidente del Movimento Internazionale della Riconciliazione, una delle più antiche associazioni nonviolente, e si dimise per dissenso riguardo ai cappellani militari, per lui inaccettabili. Lavorò in un cantiere navale, poi come scaricatore del porto, poi come artigiano del ferro battuto. Fu uno dei riferimenti, con Turoldo, Balducci, Do, di chi cercava un rinnovamento evangelico. Questi forti spiriti, mai “scorporati”, si ritrovavano per istinto, e li vedevamo diversi e uguali come se volassero in formazione, con quel «bisogno di andare» degli uccelli migratori, diretti dove i loro occhi non vedevano, ma i loro cuori sentivano, e le loro parole ci scaldavano il cuore.
    Sirio aveva in camera, bloccata col saldatore su un quadretto appeso al muro, una pistola, condannata a non uccidere mai più. E mi scrisse su un foglietto che conservo sotto il vetro della scrivania: «Ama il tuo sogno, se pur ti tormenta», parole di D'Annunzio che faceva sue. Si vantava di aver sempre maneggiato la materia, e gli strumenti di lavoro: «prete dal martello in mano». Animò la lotta antinucleare, per amore del creato. Scrisse libri, articoli, e lavori teatrali, con uno stile singolare, denso di opposti, tipico dei mistici, come per tenere unito l'impossibile. Nella malattia visse povertà e smarrimento, ma lasciò una parola: «La morte non chiude la storia». Sul comodino d'ospedale teneva il Cantico dei cantici. Esce ancora oggi Lotta come amore (www.lottacomeamore.it) , piccolo periodico che collega i suoi compagni e amici.
    Nei tre articoli di don Sirio, ampiamente annotati dalla curatrice, la pace è anzitutto comandamento: «Ama la pace, perché la pace è te stesso»; devi amarla come ami Dio, perché «Dio è pace. E pace è Dio» (parole ripetute, eco spontanea della sintesi gandhiana su Dio e verità). La sua via alla pace è spiritualità, è una via mistica, contemplativa, in una vita intrisa di lavoro manuale e di partecipazione a lotte sociali. «Dio è come l'aria che si respira», afferma in Teologia della pace, e non cessa di manifestarsi, oltre tutti i canoni. Perché possa aprirsi un'epoca che eviti la fine, deve chiudersi quella delle armi nucleari, perché la materia stessa rivela Dio e va rispettata.
    La pace ha a che fare con l'Assoluto, «un Assoluto come Amore e quindi non più assoluto (...), il mescolarsi del Creatore con le creature»: Sirio la cerca nella natura, nella storia, nel travaglio quotidiano, nell'anima e nel corpo. «Cercare è già trovare. L'ignoto vuol lasciarsi scoprire».
    A «non permettere che scompaia l'umanità», insieme ai santi ci sono i poeti, gli artisti e i cantastorie, gli innamorati e i sognatori, gli utopisti, i pacificatori, gli oppressi, i non arresi, gli anarchici, gli eretici, «chiunque è libero e liberante».
    Nella ricerca della pace molte sono le vie, tutte necessarie: psicologica, pedagogica, storica, sociologica, giuridica, politica, etica, religiosa, scientifica, filosofica, e questa: la via di spiriti toccati dal fuoco che non consuma, di occhi che sorpassano l'orizzonte, di cuori che amano il mondo quanto Dio, e hanno la parola spezzata da ciò che ascoltano e tentano di dire.
    Enrico Peyretti (3 gennaio 2008)

    PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.8 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)