Pace

RSS logo

Mailing-list Pace

< Altre opzioni e info >

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009, 74100 Taranto
  • Conto Corrente Bancario c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink - IBAN: IT65 A050 1804 0000 0001 1154 580
Motore di ricerca in

Lista Pace

...

    Eritrei a sostegno del dittatore Isayas Afewerki aggrediscono attivisti per i diritti umani

    26 ottobre 2008 - ASPER

    Aggrediti attivisti per i diritti umani

    Ieri a Roma al teatro Tendastrisce c'è stata la cerimonia di chiusura del festival dell'Eritrea. Aggrediti attivisti per i diritti umani
    Tre giorni di canti, balli, musica e propaganda politica.

    Il governo dittatoriale eritreo è, in quanto a repressione, il peggiore di tutta l'Africa: la gente scompare nei gulag dove torture, maltrattamenti e stupri sono la norma.
    Ospite d'onore del festival, il Ministro della difesa Eritreo Sabat Efrem .

    Stando così le cose, manifestare è estremamente pericoloso anche per i dissidenti in Italia che temono pesanti rappresaglie.
    Per dare voce a chi non puo esprimere pacificamente la propria opinione, un gruppo di otto persone in rappresentanza delle associazioni per la tutela dei diritti umani degli Eritrei (ASPER e HADINET) ha organizzato un presidio davanti al teatro distribuendo volantini, mostrando video e scandendo slogan.

    I manifestanti sono stati aggrediti da una ventina di filogovernativi (tutti rappresentanti del PFDJ, unico partito al potere in Eritrea da circa 15 anni) e colpiti con calci, pugni, pietre e bottiglie, nonostante il tempestivo intervento degli agenti delle forze dell'ordine che hanno immediatamente chiamato i rinforzi.

    Dania Avallone, presidente dell'associazione ASPER è stata trasportata dall'autoambulanza e riconerata all'ospedale Sandro Pertini. L' impegno al fianco del popolo eritreo deriva dalla sua decennale esperienza in Eritrea. Biologa marina, ha lavorato come volontaria presso il Ministero delle Risorse Marine eritreo ed è stata poi espulsa per aver parlato apertamente della assoluta negazione dei diritti umani e civili e della mancanza totale di libertà di espressione e di stampa nel paese. Si batte oggi al fianco degli eritrei che chiedono pace, democrazia e giustizia in Eritrea e affinchè la violenza e l'efferatezza del regime eritreo non venga esportata dai suoi rappresentanti anche in Italia.

    Note:

    La galleria fotografica con le immagini del presidio è al link:
    http://campania.peacelink.net/gallerie/gallery.php?id=8
    Note:

    ASPER - Associazione per la tutela dei Diritti Umani del Popolo Eritreo
    http://www.asper-eritrea.com
    tel. (Italia): 00393343843669 (Germania): 00491761600287

    PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.8 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)