Pace

Lista Pace

Archivio pubblico

Lezioni

Se i ragazzi si ribellano e difendono il più debole

La rivolta dei ragazzini per difendere il compagno più debole
24 febbraio 2011
Isabella Bossi Fedrigotti
Fonte: il Corriere della Sera - 24 febbraio 2011

Una bella notizia

Siamo molto contenti di rilanciare questa bella notizia, letta nel Corriere della Sera. La notizia era presente - più o meno - in tutti i quotidiani, ma il Corriere è stato l'unico a pubblicarla con un lancio in prima pagina, spalla destra, in alto. Una visibilità massima dettata da una scelta editoriale ben precisa che PeaceLink può solo sottoscrivere.

Ho letto altri articoli su questa vicenda, ma la sensibilità di Isabella Bossi Fedrigotti da alla vicenda un taglio nettamente diverso: non pesa colpe, fatti, antefatti. Pone il suo accento su un unico dettaglio: i compagni di classe, meravigliosi, anche se non unici.

Giacomo Alessandroni
Segretario di PeaceLink
Professore di Elettronica e Telecomunicazioni

PS Anni fa, in una mia classe, ho avuto un alunno, pure lui, con sindrome di Down. Jonny - non è un nome di fantasia - è stato un alunno fantastico, persino in gita (sette giorni in Sicilia). L'insegnante di sostegno era presente, ma Jonny, ogni notte, dormiva con i suoi compagni che - a turno - l'hanno accolto come un fratello.

Questo è il ricordo più bello che mi rimane della mia quinta di Sassocorvaro. E non è l'unico.

Grazie a voi ragazzi di quella terza media di Catanzaro che siete stati più generosi, più civili, più veri uomini e vere donne della vostra preside. Grazie per aver detto no a uscite, no a gite, no a giornate di orientamento fuori sede se uno dei vostri compagni di classe avesse dovuto, per ordini superiori, rimanere a casa: il compagno più debole, tra l'altro, con «sindrome di Down», non dunque una di quelle disabilità che implicano spostamenti problematici, carrozzina, incapacità di muoversi e camminare.

Non siete stati soltanto amici e fratelli per lui, ma anche padri e madri perché l'avete protetto, l'avete difeso come solo i migliori genitori sanno fare: senza molti discorsi e con tranquilla, sicura determinazione.

La scena è degna di un grande film, e pare di vederla. La preside entra in classe e, approfittando dell'assenza del ragazzo handicappato, raccomanda alla scolaresca di non mettere al corrente il compagno di future, progettate gite, per evitare problemi alla scuola (l'ultima volta, per imporre la partecipazione - ostacolata dalla stessa dirigente - del figlio down a una giornata di orientamento in un altro istituto della città, i genitori avevano dovuto chiedere l' intervento della polizia); e perché - aggiunge - tanto, lui non capisce.

Non vola una mosca, in classe, al discorso della preside, poi si alza una ragazzina e dichiara - chissà se con un filo di voce timida o se con caparbia forza - che in tal caso nessuno di loro avrebbe mai più preso parte a una uscita. E i compagni, uno dopo l' altro, confermano l' annuncio della portavoce.

Tanto spazio per una piccola buona notizia? Sì, perché dà speranza, perché confuta i luoghi comuni che, di questi tempi, vogliono i giovani in maggioranza cinici, crudeli, egoisti, superficiali e con la testa vuota, se non peggio, qualche volta molto peggio. E perché rinsalda una convinzione non così diffusa secondo la quale, pur con tutte le eccezioni, i ragazzi sono, come è giusto che siano, quasi sempre migliori degli adulti.

Spiace perciò molto per la preside che non l'aveva capito nonostante la probabilmente assai lunga frequentazione con i giovanissimi, e spiace per le sua proposta con la quale ha tentato di farsi complici i suoi trenta piccoli grandi bravi ragazzi, ma che a loro è sembrata indecente.

Articoli correlati

  • Cittadinanza globale a partire da Taranto
    Cittadinanza
    Taranto un esempio educativo virtuoso e virtuale

    Cittadinanza globale a partire da Taranto

    A Cortona nel 2008 l’esperienza fondante di un summit sulla cittadinanza attiva e globale
    22 ottobre 2020 - Laura Tussi
  • Il mondo del Terzo Millennio
    Pace
    Un’altra educazione per un altro modello di sviluppo

    Il mondo del Terzo Millennio

    Un nuovo modello di sviluppo che a partire dall'educazione alla pace, da fattori locali, nazionali, internazionali, planetari, abbia come punto di riferimento le persone, gli ideali, i bisogni, i loro sogni, le speranze, i loro diritti
    19 ottobre 2020 - Laura Tussi
  • Educazione e cambiamento
    Pace
    IL ruolo dell’educazione nel contesto del cambiamento

    Educazione e cambiamento

    In un contesto segnato dalla globalizzazione neoliberista, i popoli si agitano tra l’angoscia e la speranza, senza aver ottenuto una risposta alle aspirazioni suscitate dalla modernità occidentale
    3 ottobre 2020 - Laura Tussi
  • Jerusalema
    Cultura
    Resa popolare su TikTok

    Jerusalema

    La canzone nasce come un brano gospel nelle chiese evangeliche, prima di diventare quello che comunemente definiamo tormentone
    17 settembre 2020 - Virginia Mariani
Tutti i diritti riservati
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.36 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)