Pace

Lista Pace

Archivio pubblico

La Rete Antifascista Nord-Ovest Milano organizza:

ANTIFASCISTI in PIAZZA!

LIBRI e DOCUMENTI sulle nuove destre, con la presenza di autori e giornalisti.
MUSICA con i Ciapanò e La banda degli Ottoni
Laura Tussi20 novembre 2013

ANTIFASCISTI in PIAZZA!

La Rete Antifascista Nord-Ovest Milano organizza:

 

ANTIFASCISTI IN PIAZZA!

LIBRI e DOCUMENTI sulle nuove destre

Con la presenza di autori e giornalisti

 

MUSICA con i Ciapanò e La banda degli Ottoni

 

Sabato 30 Novembre 2013

Piazza Dalla Chiesa - Bollate (Milano)

No stop dalle 10:30 alle 17:30

Alla Rete Antifascista Nord-Ovest aderiscono Comitati, Associazioni, circoli ANPI, Forze sociali e politiche di:

Arese, Cesate, Bollate, Garbagnate Milanese, Lainate, Novate Milanese, Paderno Dugnano, Senago, Solaro

 

 Perché essere Antifascisti oggi?

L’antifascismo non avrebbe senso di esistere se non ci fosse fascismo.
 E il fascismo invece c’è, e striscia, ora nascosto ora prepotente e spavaldo,
nei nostri paesi e nella nostra quotidianità.
 

Fascismo è la violenza verbale e fisica perpetrata da soggetti protetti contro vittime indifese, l’attacco codardo del più forte sul più debole, è istigare odio verso i diversi

Fascismo è il razzismo e la privazione di diritti umani e sociali

Fascismo è l’arricchimento di pochi, basato sull’esistenza e sfruttamento dei più deboli. E’ il fomentare la guerra tra poveri, messi in competizione tra loro

Fascismo è produrre ignoranza e qualunquismo, togliere capacità di critica, ridurre il diritto allo studio, negare la storia e la scienza

Fascismo è creare e fomentare la “paura” di tutti e di tutto, del vostro prossimo, del vostro futuro, di chi vi appare diverso o “non conforme”

Fascismo è imporre “Tribunali Speciali”, usare una “giustizia” che segua le volontà ed umori dei capi e dei potenti. Fascismo è sovrapporre, concentrare e confondere i poteri i legislativi, giudiziari ed esecutivi

Fascismo è dirottare i problemi delle persone e le tensioni sociali su nemici esterni, inventati di volta in volta, esaltando la violenza e la guerra come strumento di soluzione dei problemi

Fascismo è devastare un circolo culturale, è chiudere e sgomberare aree di cultura democratica, è minacciare chi difende giustizia e legalità. Fascismo è rifiuto della democrazia

Fascismo è morte civile e sociale. E’ negazione della ragione e dell’Umanità

  • Antifascismo è invece non avere paura, è pretendere l’affermazione della verità, della libertà di pensiero, della cultura universale, del rispetto reciproco, dell’uguaglianza tra esseri umani. È cercare progresso e trovare risposte con le armi dell’informazione, del dialogo e della cultura.
  • Antifascismo è difendere la separazione dei poteri dello Stato, autonomi ed indipendenti tra loro, il cui equilibrio è l’architrave della società.
  • Antifascismo è riconoscere l’importanza del lavoro per il progresso morale e sociale. Antifascismo è riaffermare continuamente le ragioni della nostra moderna ed attuale Carta Costituzionale.
  • Antifascismo è la vita in armonia tra gli esseri umani, e tra loro e l’ambiente. È il progresso senza prevaricazione. È la Democrazia applicata
  • Antifascismo è la forza delle idee democratiche contro le forze delle tenebre e della distruzione sociale, civile, culturale ed economica.

Antifascismo è resistenza attiva e non passiva,
è partecipazione ed impegno.

 

Il pericolo fascista esiste ora, nei nostri territori

Sembra che non ci si voglia accorgere, cominciando dalle Istituzioni, di tentativi di riemersione e di ricerca di visibilità nelle nostre piazze di formazioni e gruppi che fanno evidente apologia del fascismo e ne perseguono i medesimi lugubri, tristi e farneticanti obiettivi.

Sembra che non ci si voglia neanche accorgere che in via Alfieri a Bollate esiste un luogo di ritrovo per fascisti e neonazisti, italiani e stranieri, che mette a rischio la vita democratica della città e di tutto il nord-ovest milanese.

Noi tutti abbiamo il dovere di reagire con decisione e razionalità, non abbassare la guardia, ricordare e rivendicare la natura antifascista delle nostre comunità.

 

Alla Rete aderiscono Comitati, Associazioni, circoli ANPI, Forze sociali e politiche di:

Arese, Cesate, Bollate, Garbagnate M., Lainate, Novate M., Paderno D., Senago, Solaro

 

Rigettiamo il Fascismo il Razzismo ed il Nazismo nella pattumiera della storia

Fermare i rigurgiti fascisti e neonazisti, vanificare i loro tentativi revisionistici di nuova legittimazione e difendere i valori contenuti nella nostra Costituzione devono essere gli obiettivi di ogni cittadino italiano e di ogni Istituzione.

 

Rete Antifascista Nord-Ovest Milano

No al Razzismo

Difendere la Costituzione

Chiudiamo la Skinhouse

Note: su ILDIALOGO.org:
http://www.ildialogo.org/cEv.php?f=http://www.ildialogo.org/appuntamenti/indice_1384368187.htm

su PRESSENZA:
http://www.pressenza.com/it/eventi/

su GIULIANOVANEWS:
http://www.giulianovanews.it/2013/11/la-rete-antifascista-nord-ovest-milano-organizza-antifascisti-in-piazza/

su VORREI.org:
http://www.vorrei.org/comunicati-stampa/8747-antifascisti-in-piazza-sabato-30-novembre-a-bollate.html

Articoli correlati

  • L'Antifascismo di padre in figlia
    Pace
    Patrizia Mainardi si racconta

    L'Antifascismo di padre in figlia

    "Mobilitarsi significa agire, partecipare, manifestare e rivendicare il rispetto delle fondamentali esigenze della convivenza sociale". Intervista alla Presidente Anpi Salsomaggiore Terme, figlia di Anteo, il Partigiano "Canto".
    6 agosto 2020 - Laura Tussi
  • L'esempio di Duccio Galimberti
    Pace
    Una riflessione

    L'esempio di Duccio Galimberti

    Arrestato dai fascisti, il 28 novembre 1944, seviziato e ridotto in fin di vita, non parla. Viene fucilato il 4 dicembre 1944.
    25 luglio 2020 - Laura Tussi
  • Il Delitto Matteotti: un'analisi sul pericolo per le democrazie
    Pace
    Un martire della libertà di pensiero

    Il Delitto Matteotti: un'analisi sul pericolo per le democrazie

    Fu rapito il 10 giugno 1924, il giorno in cui avrebbe dovuto denunciare in Parlamento la corruzione del governo Mussolini per una vicenda di tangenti per la concessione di estrazione del petrolio alla compagnia americana Sinclair Oil
    9 giugno 2020 - Laura Tussi e Fabrizio Cracolici
  • 2 Giugno: la Repubblica è viva!
    Pace
    Per la prima volta le donne sono chiamate alle urne

    2 Giugno: la Repubblica è viva!

    Il 2 giugno 1946 gli Italiani, usciti da uno dei peggiori periodi storici, il fascismo, il nazismo e la seconda guerra mondiale, si trovarono a decidere se mantenere una forma di stato monarchico o se diventare una Repubblica 
    1 giugno 2020 - Laura Tussi
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.36 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)