Pace

Lista Pace

Archivio pubblico

Palestina: Omicidio puro e semplice

Il vero intento dell'assassinio dello sceicco Ahmad Yassin è identico con il
'piano per il disimpegno' di Sharon: ostruire qualsiasi opportunità
significativa per la ripresa degli sforzi verso trattative genuine. L'obiettivo
fissato è il progettato assassinio di ogni probabilità di pace.
26 marzo 2004
Reuven Kaminer - trad. Malektro


di Reuven Kaminer

23 Marzo 2004

La politica degli assassini designati è immorale ed illegale in primo luogo. Ha
realmente poco a che fare con la prevenzione del terrore. La vera intenzione che
sta dietro all'assassinio designato è di legittimizzare l'uso dell'omicidio
politico come strumento utilizzabile nella più vasta esecuzione di crimini
contro la gente Palestinese, dalla punizione collettiva fino al 'politicidio' --
la smentita dei loro diritti nazionali. Nel contesto attuale, questi sono
inoltre crimini contro la pace e contro la stessa gente di Israele.

Sharon ha scelto di includere l'assassinio politico come arma per difendere la
sua declinante autorità. La sua coalizione sta cadendo a pezzi, i suoi ministri
lo smentiscono apertamente, il suo partito appare disorganizzato. Ancor più
importante: il suo prestigio con il vasto pubblico è in una condizione di
disintegrazione. Solo poche settimane fa Sharon ha ricevuto un voluminoso
supporto dal pubblico che ha creduto che lui stesse realmente provando a tirarlo
fuori dal presente caos. Ma ha anche sperperato questa ultima vestigia di
prestigio esibendo una larga inconsistenza e rifiutandosi di rivelare a chiunque
che cosa stesse esattamente provando a fare. L'avventurismo è risultato sempre
naturale a Sharon, che ancora si sente più confortevole a governare in uniforme
da battaglia. Così apprendiamo che l'anziano generale, frustrato e più isolato
ogni ora che passa, ha diretto personalmente l'incursione "eroica"
dell'elicottero su un convoglio civile di un leader religioso mentre si recava a
pregare.

C'è metodo in questa follia. Se c'è mai stato un atto destinato a rendere più
profonda l'ostilità del mondo Arabo e Musulmano contro Israele, la sua gente e i
suoi amici, è stato questo. Sharon sta scommettendo il futuro di Israele sulla
base dello scontro fra civilizzazioni. La sua speranza per la sopravvivenza di
Israele è appuntata su quel genere di bandiere della Cristianità che vengono
sventolate da George W. Bush e dalla sua battaglia contro il mondo Arabo e
Musulmano.

L'alleanza Bush - Sharon esporrà ad ulteriore turbolenza la tempesta attuale. I
due hanno bisogno l'uno dell'altro nella propria ora di avversità. Nondimeno,
l'infatuazione attuale di Sharon per l'omicidio politico, può causare problemi a
Washington, dove faccende come questa vengono solitamente affidate a specifici
reparti, specializzati nei giochi sporchi. Nelle capitali di questo mondo, i
leader solitamente non si vantano dell'assassinio di altri leader.

Note: Tradotto da Melektro a cura di Peacelink

Reuven Kaminer è un preminente attivista Israeliano e uno scrittore. Può essere
raggiunto all'indirizzo di posta: mssourk@mscc.huji.ac.il .

Articoli correlati

  • Mostra del Cinema di Taranto dal tema «Lo sguardo della tigre»
    Cultura
    Quattro giorni di cinema al femminile a Taranto

    Mostra del Cinema di Taranto dal tema «Lo sguardo della tigre»

    Storie di donne, testimonianze di vita di registe e attrici che da Afghanistan, Iran, Palestina e Marocco si danno appuntamento a Taranto.
    23 giugno 2022 - Fulvia Gravame
  • Essere giovani in Palestina
    Palestina
    Perdere la vita cercando la libertà: Mohamed Akram Abu Salah

    Essere giovani in Palestina

    La polizia israeliana uccide un 17enne palestinese. Mano pesante dell'esercito con un bilancio di 31 palestinesi feriti e 11 arrestati. Martin Luther King diceva: “Le nostre vite cominceranno a finire il giorno in cui staremo zitti di fronte alle cose che contano”.
    19 febbraio 2022 - Francesco Pio Pierro
  • Luisa Morgantini ricorda Maurizio Magnani
    Palestina
    Intervista a Luisa Morgantini: “Maurizio Magnani vive!”

    Luisa Morgantini ricorda Maurizio Magnani

    Il compagno Maurizio Magnani, cognato di Moni Ovadia, ci ha da poco lasciati provocando un enorme sgomento e dolore sia negli ambienti Anpi sia in AssoPacePalestina, dove militava con il suo importantissimo contributo in un impegno diretto, dedito e costante alle cause di giustizia e pace.
    15 ottobre 2021 - Laura Tussi
  • La Palestina deve vivere
    Palestina
    Di chi sono le responsabilità?

    La Palestina deve vivere

    Le risoluzioni ONU in merito sono sempre state disattese e l’opinione pubblica è sempre più omertosa sulla questione palestinese anche perché vige il ricatto subdolo della retorica perversa di potere vantata e perpetrata dal governo di Israele
    17 maggio 2021 - Laura Tussi
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.44 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)