Pace

Lista Pace

Archivio pubblico

“L'obbedienza non è più una virtù.”

Un film francese rievoca la lezione natalizia di pace tra i popoli che Alessandro Marescotti documenta nel nostro editoriale

Segue un link che consente di vedere la scena madre del film "Joyeux Noël - Una verità dimenticata dalla storia" di Christian Carion (Francia, 2005). Il film descrive il rifiuto di fare la guerra, dapprima singolo, poi collettivo, avvenuto sul fronte franco-tedesco a natale del 1914, cent'anni fa.
29 dicembre 2014
Patrick Boylan

Prima Guerra Mondiale, Tregua di Natale

Luglio, 1914: scoppiò la prima guerra mondiale. Nelle trincee lungo la frontiera belga, si affrontavano, da una parte i  tedeschi e, dall'altra, i francesi e gli scozzesi. Le imponenti fortificazioni impedivano di attaccare, per cui le truppe restavano inchiodate nelle trincee, a sparare a qualsiasi cosa si muovesse nella Terra di Nessuno che separava le due linee.

 Arrivò la notte di Natale e i tedeschi misero, lungo le loro trincee, albarelli con candele accese. Uno di loro, un tenore di formazione lirica, intonò “Stille Nacht” (Astro del ciel) e sentendolo, seppure a distanza, un suonatore di cornamusa scozzese l'accompagnava. Poi lo scozzese iniziò a suonare “Adeste Fideles”.

Per quanto fosse pericoloso esporsi, il giovane tedesco, galvanizzato, si alzò per cantare le strofe alle truppe scozzesi e francesi, in segno di pace. Anzi, gettò il fucile, afferrò uno degli alberelli di Natale e, cantando, avanzò in piena Terra di Nessuno.

Inaspettatamente, un ufficiale scozzese buttò il proprio fucile e lo raggiunse. Poi un ufficiale francese. E poi le truppe, in massa. Ogni soldato sembrava pensare fra se e se: “Ma perché ucciderci solo per far arricchire i nostri banchieri? Non siamo nemici! Sono i banchieri, che hanno voluto questa guerra, i nostri nemici comuni. Basta dunque scontrarci! Tranne... sul campo di calcio!” Puntualmente uno dei francesi tirò fuori un pallone ed è così che passarono quel Natale sul fronte i soldati tedeschi, francesi e scozzesi. Giocando insieme. Sì, è realmente accaduto.

Per vedere il video della scena, cliccare qui (attesa: pochi secondi). I sottotitoli solo in inglese, ma si capisce lo stesso.  (Se il link sopra non va, prova qui. Attesa 1-4 min.)

Ogni nostra azione

"Ogni nostra azione si trasmette negli altri secondo il suo valore, di bene e di male, passa di padre in figlio, da una generazione all'altra, in un movimento perpetuo."  -- Antonio Gramsci, lettera alla madre del giugno 1931.

.

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.19 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)