Pace

RSS logo

Mailing-list Pace

< Altre opzioni e info >

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009, 74100 Taranto
  • Conto Corrente Bancario c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink - IBAN: IT65 A050 1804 0000 0001 1154 580
Motore di ricerca in

Lista Pace

...

    VIDEO: In piazza a Roma e Milano, contro la guerra!

    .
    SABATO, 16.1.2016, MANIFESTAZIONE NAZIONALE A ROMA E A MILANO.

    Martedi, 12 gennaio, assemblea organizzativa presso La Sapienza - Università di Roma, aperta ai contributi di tutte e di tutti.
    19 dicembre 2015 - Patrick Boylan


    Cliccare sull'immagine qui sopra.

     

    APPELLO:  Venticinque anni di guerre? BASTA!

    Il 16 gennaio di venticinque anni fa, i bombardamenti statunitensi sull'Iraq nella prima guerra del Golfo, segnavano l'inizio della guerra permanente che oggi sta trascinando il mondo in una pericolosa escalation. Siria, Iraq, Libia, Palestina, Ucraina, Yemen sono i teatri al momento più gravi ma tensioni e conflitti si addensano anche in altre aree del pianeta.

    C'è un legame tra la grande crisi economica e la guerra? Sì, ed è ormai evidente a molti. Per questo la guerra ha molte facce e molti fronti, inclusi quelli che stanno portando allo stato d'emergenza e alla restrizione della democrazia in molti paesi.

    C'è un legame tra la guerra e l'eliminazione dei diritti sociali conquistati? Sì, perché i governi dell'Unione Europea hanno deciso senza battere ciglio che le spese militari e per la sicurezza potevano essere aumentate mentre quelle per la sanità, il lavoro, la scuola, le abitazioni continuano ad essere tagliate.

    L'Italia è coinvolta dalla guerra? Sì, anche se pochi se ne accorgono. L'invio di 450 militari italiani in Iraq, l'ultimatum dato alle fazioni che si contendono la Libia o il boom della vendita di armi italiane all'Arabia Saudita per bombardare lo Yemen (nonché a molti altri paesi ancora) lo confermano.

    La Nato, gli Stati Uniti e l'Unione Europea rendono subalterni i singoli governi e molto spesso ci troviamo coinvolti nelle guerre ancora prima di essercene accorti.

    Il 16 gennaio scenderemo in piazza per dire basta con la guerra. Perché le guerre le fanno i governi ma la gente che muore è sempre la nostra gente, qui e negli altri paesi.

    Scendiamo in piazza perché sosteniamo ogni resistenza contro la guerra, perché vogliamo uscire dalla Nato, perché siamo contrari alla guerra contro i poveri e i migranti, perché riteniamo che l'unica guerra che si deve combattere è la guerra contro la miseria.

    Martedi, 12 gennaio 2016, ore 17, 
    assemblea organizzativa presso La Sapienza Università di Roma,
    Facoltà di Lettere, Auala A di Storia Medievale (2° piano),
    aperta ai contributi di tutti.

    SABATO 16 GENNAIO 2016 
    MANIFESTAZIONE NAZIONALE A ROMA  - ore 14, piazza Esquilino
    E A MILANO - ore 15, piazza San Babila

    Eventuali ulteriori dettagli sui due eventi appariranno qui nei prossimi giorni


     


    Cliccare sull'immagine qui sopra.

    Note:

    Leggete l'Appello di una delle organizzazioni promotrici della manifestazione, EUROSTOP, qui: http://www.eurostop.info/a-tutte-le-organizzazioni-che-rifiutano-la-guerra-gli-interventi-militari-del-governo-italiano-il-mercato-delle-armi/#more-459

    PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.8 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)