Pace

Lista Pace

Archivio pubblico

2 giugno a Lucca

Oggi, mercoledì 2 giugno 2004, Festa della Repubblica, abbiamo cercato di partecipare alle celebrazioni in piazza Napoleone a Lucca perchè la pace e la scelta dei mezzi nonviolenti per risolvere i conflitti è uno dei valori repubblicani più importanti, infatti come recita l'art. 11 della nostra Costituzione: "l'Italia ripudia la guerra come strumento di offesa alla libertà degli altri popoli e come mezzo di risoluzione delle controversie internazionali".
3 giugno 2004

2 giugno a Lucca


Non eravamo un gruppo organizzato, un partito politico, ma singoli cittadini con la bandiera della pace sulle spalle e uno striscione con sopra scritto "Costruiamo la Pace con mezzi pacifici".

Purtroppo le forze dell'ordine non ci hanno consentito di raggiungere la piazza se non a manifestazione finita; ci hanno spiegato che ciò era dovuto a motivi di sicurezza, per evitare scontri o tafferugli.

Rispettiamo il lavoro della Polizia e capiamo le loro ragioni, ma se bastano poche persone che indossano una bandiera della pace a mettere in crisi il patriottismo e la retorica che alcuni vogliono legare a questa ricorrenza, allora questa Patria, che diciamo di amare e voler difendere, è un gigante dai piedi d'argilla, una realtà fragile, timorosa, che si sente minacciata da chiunque esprime un'opinione contraria.

Una democrazia che non ammette il dissenso è una contraddizione in termini, a nostro parere.

E il nemico, contro cui dobbiamo difenderci, alla fine non è che la proiezione delle nostre paure e insicurezze: demonizzare il nemico -per cui noi siamo i buoni e loro i cattivi, noi i portatori di civiltà e democrazia, loro i barbari-, ci evita di porci domande imbarazzanti sugli interessi economici e politici che stanno dietro alla guerra.
2 giugno a Lucca


E quelli che, come noi, proprio a difesa dei principi repubblicani, esprimono dubbi e si pongono fuori dal coro, sono avvertiti anch'essi come nemici della Repubblica e della democrazia .

Noi rifiutiamo queste visioni schematiche, unilaterali; a difesa del pluralismo e della libertà di opinione, crediamo che la Festa della Repubblica debba essere aperta a tutti quelli che credono nella Costituzione, a tutte le forze sociali, e non ridotta ad una parata militare.

Stranieri in patria; un vecchio adagio: essere pacifisti, secondo noi, è l'unica forma di patriottismo possibile.

E ci vuole, in realtà, un certo coraggio.

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.6 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)