PeaceLink Abruzzo

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • c.c.p. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009 - 74100 Taranto (TA)
  • conto corrente bancario n. 115458 c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink (IBAN: IT05 B050 1802 4000 0000 0115 458)
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

Articoli correlati

Coordinamento per la tutela della costa teatina

Via Campesina aderisce alla mobilitazione contro la costruzione del nuovo Centro Oli ad Ortona

Comunicato stampa di Centro Internazionale Crocevia
4 dicembre 2007

La nostra lotta contro il Centro Oli ha, da oggi, un respiro internazionale.
Abbiamo ricevuto una comunicazione di adesione da Via Campesina.
Testuali parole del portavoce Paul Nicholson: ‘ La vostra lotta per la terra, l’aria, l’acqua e per i piccoli agricoltori, indipendentemente dal luogo ove essa si sviluppa, è la nostra lotta’.

Via Campesina nata nel 1993 è la più grande rete di movimenti contadini del mondo, tappe salienti del suo percorso vanno dalla lotta per tenere l’agricoltura fuori dall’agenda del WTO a quella, divenuta la bandiera dell’organizzazione, per la sovranità alimentare – il diritto di ogni popolo di scegliere la propria politica alimentare -, fino a quella contro gli OGM, per una riforma agraria integrale e per la difesa delle sementi come patrimonio dell’umanità.

Paul Nicholson ha ricevuto il nostro documento, con la triste storia del centro oli, a Roma dove si sta svolgendo il forum dell’International Planning Committee for Food Sovereignty* ( Comitato Internazionale programmazione per la Sovranità Alimentare )
per il quale il Centro Internazionale Crocevia, nella persona di Antonio Onorati, cura il coordinamento internazionale.

Annamaria Properzi
Centro Internazionale Crocevia – Abruzzo
Coordinamento per la Tutela della Costra Teatina

*la più grande rete planetaria di ong, associazioni ambientaliste, popoli indigeni ecc che si occupa di sovranità alimentare(La sovranità alimentare è il diritto dei popoli ad alimenti nutritivi e culturalmente adeguati, accessibili, prodotti in forma sostenibile ed ecologica, ed anche il diritto di poter decidere il proprio sistema alimentare e produttivo. Questo pone coloro che producono, distribuiscono e consumano alimenti nel cuore dei sistemi e delle politiche alimentari e al di sopra delle esigenze dei mercati e delle imprese. Essa difende gli interessi e l’integrazione delle generazioni future. La maggior parte sono produttori e produttrici di alimenti, pronti, capaci e desiderosi di nutrire i popoli del mondo. In veste di produttori di alimenti, con un patrimonio che ha un ruolo cruciale per il futuro dell’umanità).
Si batte Contro:
...Contro modelli/progetti di sviluppo industriali di estrazione che espellono le popolazioni e che distruggendo l’ambiente e il nostro parimonio naturale.

Contro la dominazione dei nostri sistemi alimentari ed agricoli da parte delle multinazionali che antepongono i loro profitti alle persone, la salute e l’ambiente...

contro la dominazione di pochi di un comparto strategico qual'è il cibo

in allegato ultimo summit tenutosi in MALI 2007 con dichiarazione finale, e il documento redatto da Crocevia Abruzzo che sarà visionato dall'IPC(International Planning Committee for Food Sovereignty)

Note:

www.croceviaterra.it
www.marelibero.org
www.wwf.it/abruzzo
http://icolibri.blogspot.com/

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Informativa sulla Privacy