PeaceLink Abruzzo

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • c.c.p. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009 - 74100 Taranto (TA)
  • conto corrente bancario n. 115458 c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink (IBAN: IT05 B050 1802 4000 0000 0115 458)
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

    Bussi sul Tirino (Pescara)

    Lo scandalo della megadiscarica travolge il Pd

    33 avvisi di fine indagini per i veleni scaricati nel più grande impianto d'Europa. Inquinate le falde acquifere
    Serena Giannico
    Fonte: Il Manifesto - 24 maggio 2008

    - Un mare di sostanze nocive sepolte accuratamente e scivolate dolcemente e inesorabilmente nelle falde e nei pozzi. Megadepositi abusivi che hanno generato acqua che l'Istituto superiore di sanità ha dichiarato «non idonea al consumo umano» ma che per decenni è stata distribuita nelle case. Il disastro ambientale ha prodotto 33 avvisi di reato, recapitati ora, a chiusura delle indagini preliminari. Gli accertamenti della Procura di Pescara, coordinati dal pubblico ministero Aldo Aceto, ruotano attorno alle responsabilità che hanno portato alla creazione di quella che è stata definita la «discarica tossica più grande d'Europa» e alla scoperta nel 2004 - ma i risultati sono saltati fuori soltanto nell'estate 2007 - di veleni contenuti nell'acqua confluita nelle reti idriche dell'Aca (Azienda consortile acquedottistica) e con la quale venivano riforniti 500 mila cittadini.

    Per lungo, lunghissimo tempo i rifiuti sono stati sistematicamente smaltiti a Bussi sul Tirino. Nei siti, scoperti dalla Forestale, sono stati nascosti - è stato accertato - materiali dall'industria chimica pesante dagli anni '60 ai '90. Sono venute alla luce quattro discariche: una di esse, la più imponente, è di 165mila metri cubi, su un'area di 33mila metri quadrati, vicino alla stazione, nei pressi dell'ex Montedison e a meno di 20 metri dalla sponda destra del fiume Pescara. Qui sarebbero finiti rifiuti di ogni genere, compresi quelli contenenti cloroformio, tetracloruro di carbonio, esacloroetano, tricloroetilene, triclorobenzene, metalli pesanti: tonnellate di sostanze pericolose e cancerogene che possono provocare danni agli organi interni come fegato, reni, colon. L'inquinamento ha interessato anche i pozzi per la captazione dell'acqua potabile, realizzati tra gli anni '80-'90 poco più a valle, nei comuni di Castiglione a Casauria e Tocco da Casauria.

    Tra gli indagati, che debbono rispondere a vario titolo di avvelenamento delle acque, disastro doloso, commercio di sostanze contraffatte e adulterate, delitti contro la salute pubblica, turbata libertà degli incanti e truffa, ci sono Giorgio D'Ambrosio (Pd), in qualità di presidente dell'Ato; Donato Di Matteo (Pd), presidente del consiglio d'amministrazione dell'Aca; Bruno Catena (Pd) presidente dell'Aca; Bartolomeo Di Giovanni direttore generale dell'Aca; Lorenzo Livello, direttore tecnico dell'Aca; Roberto Rongione responsabile Sian della Asl di Pescara e Roberto Angelucci (Pdl) ex sindaco di Francavilla al Mare. Destinatari di informazioni di garanzia sono anche i vertici dello stabilimento Montedison.

    Dirigenti e amministratori del colosso, secondo la ricostruzione della magistratura, avrebbero concorso ad avvelenare le acque destinate all'alimentazione umana prima che fossero attinte o comunque distribuite per il consumo. Mai nessuno della Montedison avrebbe fatto nulla per porre riparo a questa situazione, nonostante esistessero studi che ne fotografavano esattamente la gravità. Tra i numerosi indiziati Montedison figurano anche Guido Angiolini, amministratore delegato pro-tempore della società; Carlo Cogliati, amministratore delegato di Ausimont; i responsabili dello stabilimento di Bussi che si sono succeduti nel tempo, dal 1963 in poi, e i responsabili Pas (Protezione ambientale e sicurezza) sia dell'azienda che del gruppo.

    «Molti enti erano a conoscenza - afferma Dante Caserta, presidente del Wwf Abruzzo - Però non hanno mai provveduto ad informare la collettività. Siamo di fronte a uno scandalo immane che coinvolge quella che era la più grande azienda chimica italiana». «Senza le iniziative intraprese da Rifondazione, Wwf e Abruzzo Social Forum - aggiunge Maurizio Acerbo, ex deputato Prc - nulla sarebbe emerso e centinaia di migliaia di persone avrebbero continuato a bere acqua deleteria. E' davvero preoccupante che i protagonisti negativi di questa vicenda siano tra gli esponenti di punta del Partito democratico nella regione».

    PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Informativa sulla Privacy