Conflitti

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • c.c.p. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009 - 74100 Taranto (TA)
  • conto corrente bancario n. 115458 c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink (IBAN: IT05 B050 1802 4000 0000 0115 458)
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

    Diario dalla Siria, di Enea Discepoli

    Ogni giorno è un massacro, i bombardamenti fanno decine di vittime
    8 maggio 2014 - Luciano Manna
    Fonte: dalla Siria, Enea Discepoli

    bombardamento a Aleppo

    Il cinismo dell'informazione che amplifica le morti vicine e nasconde quelle lontane... [cit.Carlo Gubitosa]

    Con la citazione del suo amico Carlo inizia il racconto di Enea dalle città siriane, lui che sino a pochi giorni fa lasciava l'Ucraina per raggiungere questa terra martoriata dalle bombe, non senza un ricordo alla sua città, Senigallia.

     

    Diario dalla Siria, Enea Discepoli

    Mi accoglie così la città di Aleppo, un giorno di bombardamenti che provoca 100 morti, i miei amici mediattivisti di Aleppo fanno un gran lavoro di documentazioni. Qualche giorno fa hanno documentato con questo video in una scuola bombardata dove i bambini e le maestre stavano preparando una mostra di disegni e oggetti da loro prodotti, un mig del regime li ha colpiti. Sono arrivato in quella scuola dopo due giorni e sentivo ancora il forte odore di esplosivo e sangue, terribile

    Non vorrei essere frainteso,massima solidarietà alla mia bella città di Senigallia che ha subito l'ira della Natura con una "bomba d'acqua" che ha portato distruzione e ha fatto due vittime ma da Aleppo questa notizia mi è sembrata lontana perchè da tre anni le città siriane subiscono morte e violenza inaudite e le bombe non sono l'ira della natura ma la crudeltà umana.

    Dopo avere pubblicato sul social questa mia osservazione insieme alla fotografia mi si accusa di non avere a cuore quell' evento, di essere cinico e che non posso fare questi paragoni perchè si tratta pur sempre di tragedie, ma non posso essere obbiettivo sapendo che da tre anni in questo paese sono morte migliaia di persone e ci sono ai confini dei campi profughi con milioni di persone che patiscono nell'indifferenza quasi totale della comunità internazionale.

    Non posso essere obbiettivo (sono un fotografo), mi dispiace di cuore per quello che i miei concittadini hanno subito da un fiume che ciclicamente si ribella per quello che gli stiamo facendo imbrigliandolo e costruendo case e borghi ai limiti del suo alveo.

    Spedisco velocemente questo post perchè hanno iniziato il loro volo di morte gli elicotteri del regime che sganceranno su quartieri civili quest'arma no convenzionale ,barili da 500kg di esplosivo e materiale infiammabile....

    PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies