Latina

RSS logo

Mailing-list Latina

< Altre opzioni e info >

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • donazione ONLINE con carta di credito
  • c.c.p. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009 - 74100 Taranto (TA)
  • conto corrente bancario n. 115458 c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink (IBAN: IT05 B050 1802 4000 0000 0115 458)
Motore di ricerca in

Lista Latina

...

Articoli correlati

  • BoLiBia?

    17 ottobre 2011 - Marinella Correggia
  • La strada della discordia in Bolivia: sincere, meschine e grandi opposizioni

    La strada della discordia in Bolivia: sincere, meschine e grandi opposizioni

    Succede forse che ora le vittime della repressione si rivoltano contro il proprio progetto liberatore? O che qualcosa è cambiato nella direzione mentale di coloro che lo patrocinano? O succede forse che gli interessi in gioco pilotano l’informazione? La cosa interessante non è analizzare i fatti con atteggiamento manicheo, ma scindere il possibile errore dalla malafede.
    7 ottobre 2011 - Javier Tolcachier
  • Continua il dibattito in seguito alla repressione della polizia

    Tipnis boliviano: prosegue la marcia indigena

    Nominati i nuovi ministri agli Interni e alla Difesa
    4 ottobre 2011 - David Lifodi
  • La polizia attacca con violenza la marcia indigena in difesa del Parque Nacional Isiboro Sécure

    Bolivia: lo scempio

    Mobilitazioni in tutto il paese contro Evo Morales e il Mas
    27 settembre 2011 - David Lifodi
gli idrocarburi ai boliviani

Bolivia: il Decreto supremo n. 28701

Gli idrocarburi sono dei boliviani. Il neoliberismo è finito. Con il decreto supremo n. 28701, il Presidente Evo Morales, il primo presidente rappresentativo di tutti i boliviani nella storia, ha restituito le risorse naturali del paese alla gente di Bolivia.
2 maggio 2006 - Gennaro Carotenuto

"Cominciamo dagli idrocarburi, poi toccherà alle miniere, quindi alle foreste, quindi a tutte le risorse naturali che ci hanno lasciato i nostri antenati. Infine sarà la volta della terra che è per tutti i boliviani" ha detto Evo.
Evo Morales dopo la firma del decreto


Finiscono così vent'anni di saccheggio. Fino ad oggi le imprese straniere che spogliavano la Bolivia lasciavano una regalia del 18% allo stato. Morales ha invertito la cifra. Da oggi sarà lo stato a trattenere l'82% degli utili ed a lasciare alle imprese straniere che accetteranno le condizioni, il 18%.

Immediatamente dopo l'emanazione del decreto, il presidente Morales ha disposto che l'esercito prendesse il controllo dei 56 giacimenti di idrocarburi in tutto il paese. La Bolivia ha le seconde riserve di gas del continente e produce 40.000 barili di petrolio al giorno. Da oggi queste passano ad essere di proprietà della compagnia pubblica YPFB (Giacimenti Petroliferi Fiscali Boliviani). Le multinazionali che li sfruttavano hanno 180 giorni di tempo per accettare i nuovi contratti o andarsene.

Le Forze Armate hanno preso il controllo dei pozzi senza incidenti ed il vicepresidente Alvaro García Linera ha calcolato che lo stato incasserà oltre il 550% in più dalla nazionalizzazione. E' la terza volta in 70 anni che in Bolivia si nazionalizzano gli idrocarburi. Negli anni '30 questi erano sfruttati dalla Standard Oil e nel 1969 dalla Gulf. Poi con il neoliberismo questi erano stati riprivatizzati fino alla "guerra del gas". Nel 2004, i movimenti sociali avevano tenuto in scacco tutto il paese esigendo la socializzazione del gas. Nonostante la Bolivia intera sieda su un'immensa bolla di gas, ben pochi boliviani ne hanno potuto finora beneficiare.

Le proteste avevano costretto il presidente fondomonetarista Gonzalo Sánchez de Losada a ritornare di corsa a Miami (da dove era stato inviato), non prima di usare l'esercito contro i cittadini, assassinandone più di 70.

La guerra del gas si aggiungeva a quella per l'acqua ed era stato il segnale di non ritorno per il sistema neoliberale ed aveva posto le premesse al trionfo del MAS (Movimento Al Socialismo) che ha portato Evo Morales alla presidenza della Repubblica nel dicembre 2005.

Il governo spagnolo ha espresso la sua "più profonda preoccupazione". La Repsol sfrutta infatti un quarto delle riserve boliviane. Dal Brasile si è parlato di un "gesto non amichevole" verso la Petrobras.

Appena il giorno prima Evo Morales, dall'Avana, aveva annunciato l'ingresso della Bolivia nell'ALBA, l'Alternativa Bolivariana per le Americhe, antiliberista, della quale fanno parte Cuba e Venezuela. Oggi l'annuncio della nazionalizzazione. Miglior primo maggio per i lavoratori boliviani non poteva esserci.

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Informativa sulla Privacy