Latina

RSS logo

Mailing-list Latina

< Altre opzioni e info >

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • donazione ONLINE con carta di credito
  • c.c.p. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009 - 74100 Taranto (TA)
  • conto corrente bancario n. 115458 c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink (IBAN: IT05 B050 1802 4000 0000 0115 458)
Motore di ricerca in

Lista Latina

...

Articoli correlati

  • Otto Pérez Molina, ex-generale di estrema destra, è il nuovo presidente

    Guatemala: un militare al potere

    Le elezioni sono state caratterizzate da un alto tasso di astensionismo
    8 novembre 2011 - David Lifodi
  • Otto Pérez Molina non sfonda e si ferma al 38%

    Guatemala: ballottaggio presidenziale tra le destre

    Ritardi e caos durante lo spoglio elettorale
    13 settembre 2011 - David Lifodi
  • L'ultradestra sfrutta l'insicurezza sociale e rischia di fare il pieno di voti

    Guatemala: Otto Pérez Molina probabile presidente

    Le presidenziali di domenica 11 Settembre si preannunciano senza storia
    6 settembre 2011 - David Lifodi
  • Lettera aperta delle comunità di Cotzal (Quiché, Guatemala)
    Guatemala. La società italiana ENEL e le autorità governative hanno cercato di ignorare i diritti delle comunità Maja sul territorio e le decisioni che lo riguardano

    Lettera aperta delle comunità di Cotzal (Quiché, Guatemala)

    "Noi esigiamo i nostri diritti sulle montagne, i fiumi e i boschi che sono quelli che danno vita alle nostre comunità indigene, alle nostre figlie e ai nostri figli, alle future generazioni, questo è quanto stiamo esigendo dall’ENEL ed il Governo deve rispettare i nostri diritti legittimi"
    8 agosto 2011

Guatemala: appello per la difesa del Parco Nazionale della Laguna del Tigre

4 maggio 2010 - Le Organizzazioni Sociali delle Comunità del Peten

 

Le Organizzazioni Sociali e i Leader delle Comunità del Peten:

al Presidente della Repubblica e all'Opinione Pubblica Nazionale ed Internazionale:

DENUNCIAMO CHE:

1. Prima del processo di approvazione della proroga del Contratto di Sfruttamento Petroliero nell'Area Protetta del Parco Nazionale della Laguna del Tigre, c'è stata una sistematica disinformazione e manipolazione della popolazione in generale per il conseguimento di tale fine a favore dell'impresa transnazionale PERENCO.

2. Le manipolazioni delle comunità, gruppi sociali, leaders comunitari sono state manovrate tramite sindaci, partiti politici, che spingono a firmare a sostegno della proroga del contratto petrolifero, minacciando loro che se si opponevano alla stessa non avrebbero beneficiato di progetti sociali.

3. Si è utilizzato lo spazio del Consiglio Dipartimentale dello Sviluppo (CODEDE) per condizionare lo svolgimento decisionale a favore della proposta politica, compresa l'approvazione della proroga.

4. C'è stata un'opera di criminalizzazione e di discredito delle organizzazioni ambientaliste e sociali per opporsi alla proroga del contratto.

5. Si ha conoscenza di intimidazioni verso i Leader di organizzazioni sociali, ambientaliste e comunitarie che fanno parte del movimento di opposizione.

In ragione di tutto ciò ribadiamo che l'area di sfruttamento petroliero è ubicata nell'Area Protetta, e gli impatti negativi che provoca questa attività verrebbero così a colpire gli ecosistemi e la loro biodiversità. Sottolineiamo che il Parco Nazionale Laguna del Tigre è di grande valore ecologico, ed è stato riconosciuto dalla Convenzione Internazionale RAMSAR come la zona ricca di acqua dolce di maggiore importanza e protezione di tutta la regione centroamericana. Inoltre, ricordiamo che l'ambiente fa parte dei diritti umani e deve essere conservato e protetto da tutti i guatemaltechi.

Allo stesso tempo lo sviluppo del dipartimento del Peten in infrastrutture e servizi basici di salute e educazione non deve essere condizionato dalle regalie derivanti dalla produzione di petrolio e molto meno dalla recente Legge del Fondo del Petrolio. Lo sviluppo del dipartimento (regione) deve essere il frutto delle tasse che tutti i guatemaltechi pagano per migliorare la propria condizione di vita. E' dovere dello Stato sostenerlo senza nessun tipo di condizionamento.

Il valore dei servizi ambientali che ci dà l'ecosistema come le zone paludose del Parco Nazionale Laguna del Tigre è incalcolabile e supera di molto le regalie del petrolio.

Di fronte a questa situazione chiediamo:

1. Come forma di rispetto alla legge del nostro paese e aderendo ai dettami del ministero dell'ambiente e risorse naturali e del Consiglio Nazionale delle Aree Protette, Che il Presidente della Repubblica non approvi la proroga del Contratto di Sfruttamento Petroliero alla Compagnia PERENCO.

2. Che in questo caso ed in altri futuri in cui si chiede di sfruttare le risorse naturali rinnovabili e non rinnovabili si applichino le debite consultazioni comunitarie secondo gli aspetti legali, tecnici e nel quadro dell'accordo 169 del OIT.

3. Che in questo caso come in altri la popolazione deve essere preventivamente informata sugli effetti e impatti dei megaprogetti da realizzarsi nel nostro paese.

4. Che i progetti di sviluppo sociale nelle comunità siano finanziati con risorse derivanti da una migliore riscossione fiscale, senza compromettere il Patrimonio Naturale della Nazione.

Attentamente:

Asociacion Oxlaju

Fundacion ProPeten

Frente Petenero cotra las Reprosas

Parroquia de La Libertad

Consejo Nacional de Desplazados de Guatemala

Asociacion Campesinos de La Libertad - ACLIP -

 

 

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Informativa sulla Privacy