Coordinamento per la tutela della costa teatina

Via Campesina aderisce alla mobilitazione contro la costruzione del nuovo Centro Oli ad Ortona

Comunicato stampa di Centro Internazionale Crocevia
4 dicembre 2007

La nostra lotta contro il Centro Oli ha, da oggi, un respiro internazionale.
Abbiamo ricevuto una comunicazione di adesione da Via Campesina.
Testuali parole del portavoce Paul Nicholson: ‘ La vostra lotta per la terra, l’aria, l’acqua e per i piccoli agricoltori, indipendentemente dal luogo ove essa si sviluppa, è la nostra lotta’.

Via Campesina nata nel 1993 è la più grande rete di movimenti contadini del mondo, tappe salienti del suo percorso vanno dalla lotta per tenere l’agricoltura fuori dall’agenda del WTO a quella, divenuta la bandiera dell’organizzazione, per la sovranità alimentare – il diritto di ogni popolo di scegliere la propria politica alimentare -, fino a quella contro gli OGM, per una riforma agraria integrale e per la difesa delle sementi come patrimonio dell’umanità.

Paul Nicholson ha ricevuto il nostro documento, con la triste storia del centro oli, a Roma dove si sta svolgendo il forum dell’International Planning Committee for Food Sovereignty* ( Comitato Internazionale programmazione per la Sovranità Alimentare )
per il quale il Centro Internazionale Crocevia, nella persona di Antonio Onorati, cura il coordinamento internazionale.

Annamaria Properzi
Centro Internazionale Crocevia – Abruzzo
Coordinamento per la Tutela della Costra Teatina

*la più grande rete planetaria di ong, associazioni ambientaliste, popoli indigeni ecc che si occupa di sovranità alimentare(La sovranità alimentare è il diritto dei popoli ad alimenti nutritivi e culturalmente adeguati, accessibili, prodotti in forma sostenibile ed ecologica, ed anche il diritto di poter decidere il proprio sistema alimentare e produttivo. Questo pone coloro che producono, distribuiscono e consumano alimenti nel cuore dei sistemi e delle politiche alimentari e al di sopra delle esigenze dei mercati e delle imprese. Essa difende gli interessi e l’integrazione delle generazioni future. La maggior parte sono produttori e produttrici di alimenti, pronti, capaci e desiderosi di nutrire i popoli del mondo. In veste di produttori di alimenti, con un patrimonio che ha un ruolo cruciale per il futuro dell’umanità).
Si batte Contro:
...Contro modelli/progetti di sviluppo industriali di estrazione che espellono le popolazioni e che distruggendo l’ambiente e il nostro parimonio naturale.

Contro la dominazione dei nostri sistemi alimentari ed agricoli da parte delle multinazionali che antepongono i loro profitti alle persone, la salute e l’ambiente...

contro la dominazione di pochi di un comparto strategico qual'è il cibo

in allegato ultimo summit tenutosi in MALI 2007 con dichiarazione finale, e il documento redatto da Crocevia Abruzzo che sarà visionato dall'IPC(International Planning Committee for Food Sovereignty)

Note: www.croceviaterra.it
www.marelibero.org
www.wwf.it/abruzzo
http://icolibri.blogspot.com/

Articoli correlati

Prossimi appuntamenti

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.16 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)