PeaceLink Abruzzo

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009 - 74100 Taranto (TA)
  • Conto Corrente Bancario n. 115458 c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink (IBAN: IT05 B050 1802 4000 0000 0115 458)
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

Articoli correlati

  • Abruzzo, non è la 'ndrangheta che mancava, è la coscienza diffusa che manca

    Abruzzo, non è la 'ndrangheta che mancava, è la coscienza diffusa che manca

    La recente scoperta di una vera e propria rete ‘ndranghetista, che ha cercato di dominare e opprimere la città di Francavilla e il circondario, è l’ultima (in ordine di tempo) dimostrazione che l’Abruzzo “isola felice” (come già scritto mesi fa) esiste solo nelle menti ipocrite di chi non vuol vedere, di chi vuol cullarsi in una pax borghese e disinteressata alle sorti comuni. La realtà dell’Abruzzo è questa da tantissimi anni.
    4 marzo 2017 - Alessio Di Florio
  • Sanità abruzzese, uscita dal commissariamento. Scusate ma non si riesce a festeggiare ...

    Sanità abruzzese, uscita dal commissariamento. Scusate ma non si riesce a festeggiare ...

    Grande enfasi ha accompagnato nei giorni scorsi la notizia dell’uscita ufficiale dell’Abruzzo dal commissariamento sulla sanità post-sanitopoli. Dall’attuale alla precedente maggioranza quasi una corsa ad accreditarsi i meriti dell’uscita da quello che è stato definito un tunnel. Ma per i cittadini, i malati, i meno abbienti di questa Regione purtroppo non c’è nulla da festeggiare. Perché per loro dal tunnel non c’è nessun uscita, ieri, oggi, e ancora domani e in futuro resta un calvario infinito, un peso enorme quotidiano.
    20 settembre 2016 - Alessio Di Florio
  • Cara Pina ...

    Cara Pina ...

    Un ricordo di Pina Maisano, la vedova dell’imprenditore Libero Grassi assassinato dalla mafia nel 1991 per essersi ribellato al racket, scomparsa il 7 giugno scorso
    18 giugno 2016 - Arianna Tascone
  • Pippo e Peppino sono vivi, i morti sono altri
    Un 5 gennaio nasceva Peppino Impastato, un 5 gennaio la mafia assassinava Pippo Fava

    Pippo e Peppino sono vivi, i morti sono altri

    La “commemor-azione”, il ricordare proseguendo sul cammino su cui ci hanno preceduto, è l’unica rispettosa e degna. Oggi come tutto l’anno Peppino e Pippo non devono essere santi per laici altari ma “fuoco che deve arderci dentro”.
    5 gennaio 2016 - Alessio Di Florio
In Abruzzo le mafie esistono. E investono. Soltanto una forte consapevolezza e opposizione sociale e civile possono salvare e riscattare

L'Abruzzo(e il Vastese) non possono diventare un'unica grande Sodoma

Era l'urlo che don Peppe Diana(lui parlò di Gomorra) avrebbe dovuto lanciare il 19 marzo 1994, il giorno in cui fu assassinato. Le speculazioni edilizie e le infiltrazioni criminali stanno segnando il presente e il futuro dell'Abruzzo. E ci sono casi nei quali la politica si arrende, quando non favorisce, il malaffare. La cronaca rende oggi attualissimo quanto chiedevamo un anno fa: arriverà una Histonium 3?
3 dicembre 2011 - Alessio Di Florio (PeaceLink Abruzzo e Ass. Antimafie Rita Atria)

Abruzzo

Arriverà una Histonium 3? Era l'interrogativo che ci si poneva un anno fa, dopo le durissime parole del procuratore aggiunto di Reggio Calabria Nicola Gratteri, in visita in Abruzzo. "È uno dei segnali più forti della presenza della 'ndrangheta. Nella normalità infatti, gli imprenditori costruiscono un primo lotto, vendono gli appartamenti già sulla carta e solo dopo aver recuperato i soldi iniziano i lavori di costruzione di altri edifici. Quando avviene il contrario, e si costruisce pur avendo un grande invenduto, lì c'è l'infiltrazione della criminalità organizzata che ricicla il denaro sporco. Bisogna intervenire in fretta se non si vuole consegnare il territorio a 'ndrangheta e camorra". Sono parole che si adattano alla perfezione a tanti, troppi luoghi della nostra Regione.  

Le mafie in Abruzzo ci sono. E prosperano da tanto, troppo tempo, nel silenzio e nella connivenza di molti. Mentre buona parte della classe politica sembra inadeguata e incapace di fronte alle sfide e alle minacce al territorio. Nel 1993 il compianto Sergio Turone descrisse un regime in agonia. Pochi anni dopo la Commissione Bilaterale Parlamentare sul ciclo dei rifiuti denunciò la "particolare appettibilità" della nostra Regione a "imprenditoria deviata" e "criminalità organizzata". Nel 1997 il procuratore Generale Bruno Tarquini, inaugurando l'anno giudiziario a L'Aquila, affermò che "in  questa  regione  la  cosiddetta  fase  di  rischio  è  ormai  superata  e  si  può parlare di una vera e propria emergenza criminalità, determinata dall'ingresso di clan campani e pugliesi anche nel tessuto economico della Regione". Nel 2007 l'annuale Rapporto della Direzione nazionale antimafia denunciò che l'Abruzzo era il luogo in cui la criminalità organizzata aveva trovato terreno fertile per il riciclaggio di denaro sporco. Erano i mesi in cui arrivavano le condanne in primo grado per il gruppo che ruotava intorno a Massimo Ciancimino (figlio dell'ex sindaco di Palermo Vito, legato a Cosa Nostra), le cui società estendevano i tentacoli fino a Tagliacozzo, Avezzano, Carsoli e Sulmona. Non sono passati molti mesi da quando è stata bloccata un mega progetto edilizio in pieno Parco Regionale Silente-Velino per il ritiro del certificato antimafia alla ditta costruttrice. Le inchieste di giornalisti coraggiosi come Giuseppe Caporale (raccolte anche nel bellissimo e documentatissimo libro "Il buco nero") e Angelo Venti(riportate nel portale Site.it) continuamente denunciano infiltrazioni mafiose, malapolitica e sfruttamento del lavoro nero. PeaceLink Abruzzo e l'Ass. Antimafie Rita Atria cercano di contribuire, sapendo benissimo che servirebbe immensamente di più. 

Per contrastare tutto questo, sarebbe necessaria una consapevolezza, una forza della società civile e una classe politica agguerrita e adeguata ai tempi. Ma non sembra essere così. Troppo spesso alle speculazioni edilizie si continua a concedere il possibile e l'impossibile mentre le ferite al territorio sono ogni giorno più gravi. Città come Vasto o territori come l'aquilano fanno tremare ad ogni pioggia intensa, ad ogni inclemenza del tempo. Parole come difesa del territorio (nei mesi scorsi abbiamo innumerevoli volte sentito gridare esponenti politici che il Parco Nazionale della Costa Teatina avrebbe fermato ogni possibilità di sviluppo...) appaiono totalmente aliene dall'orizzonte politico. Si continua a sentire di mega progetti edilizi, aperture di immense cave (è di poche ore fa l'ultimo allarme del WWF) e progetti dall'impatto ambientale devastante. Quale segnale può dare, in una Regione che dovrebbe riscattarsi da decenni di clientelismo, sentire il più alto esponente istituzionale lamentarsi che non è stato ringraziato? Per cosa, poi? Perché, dopo oltre due anni di sofferenze, di promesse mancate, di inganni e sberle ad una popolazione che non riesce a vedere neanche lontanamente la rinascita, è stato riconosciuto il minimo(si veda realmente cosa è accaduto negli altri territori vittime di terremoti!!)? I diritti e la dignità non vengono concessi e donati come nel feudalesimo medioevale, sono sacrosanti e inviolabili ed è dovere delle Istituzioni riconoscerli ad ogni cittadino.  

Sconcerta e appare impossibile da condividere che, in una città come Vasto(alla quale l'anno scorso fece esplicito riferimento il quotidiano Il Centro, riportando in una dettagliatissima inchiesta le parole di Gratteri), esponenti politici affermano che negli anni scorsi è stata sbloccata "l'edilizia in maniera importante, a volte anche esagerata" (un'incredibile riduzione della realtà in una città  che soffre l'immersione in una cementificazione selvaggia che ha saccheggiato e devastato la città e parte delle sue bellezze!) e indicando come unica fonte della criminalità e del problema della sicurezza(lì dove non molti anni fa le inchieste della magistratura Histonium e Histonium 2 fecero emergere quella che fu definita la prima 'ndrina totalmente abruzzese, tempi che i corsi e ricorsi delle recenti indagini delle forze dell'ordine sembrano mostrare non siano poi così lontani...) la presenza di disoccupati di nazionalità non italiana. 

Don Luigi Ciotti, in un'intervista a Famiglia Cristiana del Giugno 2005(era il decimo anniversario della nascita di Libera), disse "il mio sogno è che Libera sparisca" perché ogni sodalizio mafioso è stato "spazzato via definitivamente". 6 anni dopo in Abruzzo servirebbe lo sforzo opposto, il fiorire di iniziative antimafia, di una nuova consapevolezza della politica e della cittadinanza, che la migliore società civile che cerca di resistere alla barbarie e al massacro dei territori, sognando e disegnando un avvenire diverso, non sia lasciata sola!!

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.6 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Posta elettronica certificata (PEC)