PeaceLink Abruzzo

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009 - 74100 Taranto (TA)
  • Conto Corrente Bancario n. 115458 c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink (IBAN: IT05 B050 1802 4000 0000 0115 458)
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

Articoli correlati

  • Abruzzo, non è la 'ndrangheta che mancava, è la coscienza diffusa che manca

    Abruzzo, non è la 'ndrangheta che mancava, è la coscienza diffusa che manca

    La recente scoperta di una vera e propria rete ‘ndranghetista, che ha cercato di dominare e opprimere la città di Francavilla e il circondario, è l’ultima (in ordine di tempo) dimostrazione che l’Abruzzo “isola felice” (come già scritto mesi fa) esiste solo nelle menti ipocrite di chi non vuol vedere, di chi vuol cullarsi in una pax borghese e disinteressata alle sorti comuni. La realtà dell’Abruzzo è questa da tantissimi anni.
    4 marzo 2017 - Alessio Di Florio
  • Sanità abruzzese, uscita dal commissariamento. Scusate ma non si riesce a festeggiare ...

    Sanità abruzzese, uscita dal commissariamento. Scusate ma non si riesce a festeggiare ...

    Grande enfasi ha accompagnato nei giorni scorsi la notizia dell’uscita ufficiale dell’Abruzzo dal commissariamento sulla sanità post-sanitopoli. Dall’attuale alla precedente maggioranza quasi una corsa ad accreditarsi i meriti dell’uscita da quello che è stato definito un tunnel. Ma per i cittadini, i malati, i meno abbienti di questa Regione purtroppo non c’è nulla da festeggiare. Perché per loro dal tunnel non c’è nessun uscita, ieri, oggi, e ancora domani e in futuro resta un calvario infinito, un peso enorme quotidiano.
    20 settembre 2016 - Alessio Di Florio
  • UNIMONDO - Contro il razzismo e l'omofobia
    UNIMONDO Editoriale:

    UNIMONDO - Contro il razzismo e l'omofobia

    25 agosto 2015 - Laura Tussi
  • Mostra "Brianza Partigiana"

    Mostra "Brianza Partigiana"

    Mostra "Brianza Partigiana" a cura dell'ANPI Provinciale Monza e Brianza, organizzata dall'Assessorato alla Cultura di Nova Milanese e dall'ANPI di Nova Milanese (Monza e Brianza)
    3 aprile 2015 - Laura Tussi

6 anni dopo ci sia giustizia e rispetto per Emanuela. E per tutti noi

Chiediamo giustizia per Emanuela, brutalmente assassinata nel 2007. E la fine di ogni discriminazione contro la comunità LGBTI
21 novembre 2013 - Alessio Di Florio (PeaceLink Abruzzo, Ass. Antimafie Rita Atria)

triangolo rosa nazista L’Associazione Antimafie Rita Atria e PeaceLink Abruzzo esprimono il proprio apprezzamento e condivisione per la fiaccolata tenutasi ieri a Pescara organizzata dai circoli Arcigay in ricordo di Emanuela Di Cesare, brutalmente assassinata nel 2007 e di cui mai è stato individuato l’assassino. Sulla morte di Emanuela rapido scese l’oblio, e in questi anni per lei non ci sono state trasmissioni televisive, non c’è stata alcuna ribalta nazionale. Nulla di nulla. Emanuela è stata considerata una persona di serie B, non degna dell’indignazione e di attenzione. Nel nostro piccolo noi non l’abbiamo mai dimenticata. E varie volte siamo tornati a ricordarla in questi anni. A ricordare lei e l’indegno comportamento di chi non seppe, o non volle, rispettarla. Fortissimo fu il grido di dolore di Mirella Izzo, presidente di Crisalide AzioneTrans Onlus, nel 2007: Emanuela non fu uccisa solo dal suo assassino, ma anche dallo stigma sociale, dai media e da tutti coloro che non rispettarono minimamente la sua umanità e la sua dignità. L’Italia perbenista e ipocrita forse non ne è consapevole, o fa di tutto per negarlo rinchiusa nei suoi dogmi moralisti e vuoti, ma una donna nata in un corpo maschile, una persona che diserta rispetto all’ideologia sessuofoba e omo-lesbo-trans-foba dominante, ha una dignità come tutte. Raccogliendo l’urlo di Mirella Izzo scrivemmo nel 2007 che la dignità e la privacy di Emanuela e la sacrosanta richiesta di giustizia per il suo assassinio erano stati stritolati dalla “banda della morbosità”. Quella a cui non interessava minimamente la verità sul tragico fatto di cronaca, ma che per giorni seppe solo sbattere Emanuela in prima pagina, impegnandosi più a violentarne la vita e le sue scelte che non a denunciare la barbarie di chi l’ha uccisa. E su questo dovremmo riflettere, non dovremmo mai stancarci di battere. Perché, come disse Pasolini nell’intervista rilasciata poche ore prima di essere assassinato, a furia di battere prima o poi la casa crolla. Ricordare Emanuela, pretendere giustizia per la sua morte, è anche chiedere diritti e dignità per tutti e tutte. Fino al giorno in cui tutti i “triangoli rosa” non saranno stati abbattuti e nessuna persona vedrà la propria dignità calpestata e riconosciuta la sua umanità, il suo diritto ad amare e ad essere amati, a scegliere della propria vita ascoltando la propria natura e non ingabbiato dai diktat del moralismo e dell’ipocrisia dilagante, nessuno sarà veramente libero e la dignità di tutti e tutte sarà sempre in pericolo. Fin quando l'Amore sarà catalogato, condannato, offeso, violentato, saremo tutti meno umani, l'Amore di tutt* sarà violentato e impedito. L'Umanità è tale se vale per tutti, l'Amore non è negato o minacciato da altro Amore: se alcun* non possono amare, non può amare nessuno...

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.6 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Posta elettronica certificata (PEC)