Francia

Adottate le etichette energetiche per le automobili

Obiettivo dell'iniziativa: sensibilizzare i consumatori e ridurre le emissioni di gas nocivi.
11 maggio 2006
Stefano Montanari
Fonte: Le Monde - 10 maggio 2006

Il governo francese ha adottato una direttiva europea che, da mercoledì 10 maggio, rende obbligatorio in Francia l’uso di etichette energetiche sulle automobili in vendita, nuove o usate, messe in circolazione dopo l’1 giugno 2004. L’obiettivo di questa decisione è di stimolare i consumatori all’acquisto di vetture meno inquinanti: sette colori e lettere, dalla A verde alla G rossa, informeranno sul consumo di carburante e sulle emissioni di biossido di carbonio delle vetture. Questa misura rientra nel piano francese “Climat”, che ha per obiettivo di ridurre per quattro le emissioni di gas a effetto serra entro il 2050 rispetto alle emissioni del 1990. Il settore dei trasporti è responsabile, da solo, del 26% delle emissioni nocive.

Articoli correlati

  • La fine di un mondo?
    Sociale
    "Non si vede bene che col cuore". Chissà, forse è proprio questo che la nostra Madre Terra vuole?

    La fine di un mondo?

    ... o la fine del mondo? Un dilemma che può trovare soluzione.
    12 marzo 2020 - Roberto Del Bianco
  • Anticorpi
    Laboratorio di scrittura

    Anticorpi

    E' sofferente la nostra Madre Terra, l'organismo vivente che ci ospita. Ma dagli sconvolgimenti epocali di cui da tempo siamo responsabili e testimoni, forse un accenno di speranza c'è, chissà...
    5 marzo 2020 - Roberto Del Bianco
  • Era tutto assolutamente normale
    Legami di ferro
    Una sera a teatro insieme ai guerrieri tra la gente

    Era tutto assolutamente normale

    Spettacolo teatrale a cura della compagnia "Di aria di fuoco di terra di mare" sulla situazione presente e passata della città di Falconara e sulla battaglia dei comitati cittadini per la salute e l'ambiente
    26 novembre 2019 - Beatrice Ruscio
  • Porto di Augusta, in programma tre nuovi pontili per la Marina militare
    Disarmo
    Dopo il progetto di rifacimento del poligono a Punta Izzo e nuove antenne nel Siracusano

    Porto di Augusta, in programma tre nuovi pontili per la Marina militare

    Da mesi si susseguono incontri e trattative istituzionali, ma nessuna trasparenza sui progetti e sulle potenziali ricadute ambientali. Eppure i cittadini hanno il diritto e il dovere di sapere.
    19 luglio 2019 - Gianmarco Catalano
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.34 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)