La terra

migliaia di persone formano il simbolo della pace in tutto il mondo

In occasione dell'anniversario della guerra in Iraq migliaia di persone hanno formato simboli viventi della pace e disarmo in 63 città di tutto il mondo.
21 marzo 2007
Fonte: Movimento Umanista http://www.europeforpeace.eu/ - 21 marzo 2007

New York, La Paz, Sydney, Roma, Toronto, Mumbai, Bogota, Città di Messico, e Nairobi erano fra le 63 città nelle quali migliaia di persone hanno formato simboli umani della pace e del disarmo nel quarto anniversario dello scoppio della guerra in Iraq. Le manifestazioni, coordinate internazionalmente dal Movimento Umanista, avevano la comune richiesta: "ritirare le truppe d'invasione, restiturire i territori occupati, smantellare gli arsenali nucleari.”

L'Europa ha visto una particolare densità di simboli della pace. Migliaia di persone con torce o foglietti di carta multicolori a Roma, Madrid, Parigi, Praga, Budapest, Bruxelles, Zurigo, Vienna, Amsterdam, Helsinki, Berlino, Atene e Mosca. Gli eventi in Europa hanno anche segnato l'inizio della campagna internazionale "Europa per la Pace” che ha i seguenti obiettivi:

* Una Europa senza armi nucleari: eliminare tutte gli ordigli nucleari che sono presenti nelle basi NATO degli Stati Uniti; smantellamento e l'eliminazione degli arsenali nucleari francesi e britannici, come primi passi di un programma di disarmo nucleare e globale sotto l'egida dell'ONU.
* Dichiarare le armi nucleari illegali in accordo con la sentenza della Corte di giustizia Internazionale del 1996.
* L'annullamento di qualunque accordo per installare o espandere le basi militari di potenze straniere sul territorio europeo.
* Ritiro delle truppe dei paesi europei dai territori occupati.
* La ricerca della mediazione diplomatica e del dialogo come metodo per risolvere i conflitti.

Le foto delle manifestazioni e ulteriori informazioni sulla campagna sono disponibili su:

http://www.europeforpeace.eu/press/

Articoli correlati

  • Nobel e intellettuali partigiani della pace, ieri e oggi
    Disarmo
    Rivista.eco rilancia l'appello dei 50 Premi Nobel per la riduzione delle spese militari nel mondo

    Nobel e intellettuali partigiani della pace, ieri e oggi

    Un appello di oltre 50 premi Nobel e diversi presidenti di accademie della scienza nazionali per la riduzione della spesa militare che, a livello globale, è quasi raddoppiata dal 2000 ad oggi, arrivando a sfiorare i duemila miliardi di dollari statunitensi l’anno
    21 dicembre 2021 - Laura Tussi
  • Il diritto alla pace e al disarmo
    Disarmo
    In Italia e Germania: bombe nucleari B61-12 Nato nelle basi militari di Ghedi, Aviano e Buchel

    Il diritto alla pace e al disarmo

    Verso un coordinamento antinucleare europeo. L'obiettivo è di inserire la valutazione delle attività militari e belliche - e quindi il disarmo come soluzione al grave inquinamento da esse prodotte - negli accordi di Parigi sul clima.
    10 dicembre 2021 - Laura Tussi
  • I partigiani della pace
    Storia della Pace
    Un soggetto politico, strumento di partecipazione, informazione politica e culturale per i popoli

    I partigiani della pace

    Alcuni dei fondatori di questo movimento furono Picasso, Einstein, Neruda e tra gli italiani Nenni, Vittorini, Guttuso, Quasimodo, Ginzburg, Einaudi e molti altri
    8 dicembre 2021 - Laura Tussi
  • Armi nucleari, uno studio giuridico promosso da “Abbasso la guerra”
    Disarmo
    Sulla legalità delle armi nucleari USA schierate in Italia

    Armi nucleari, uno studio giuridico promosso da “Abbasso la guerra”

    Il Centro di Documentazione “Abbasso la Guerra OdV”, assieme ad altre associazioni, ha deciso di finanziare questo studio. L'iniziativa ha il sostegno anche del missionario comboniano Alex Zanotelli e di don Luigi Ciotti.
    14 ottobre 2021 - Laura Tussi
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)