Consumo Critico

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009, 74100 Taranto
  • Conto Corrente Bancario c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink - IBAN: IT65 A050 1804 0000 0001 1154 580
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

    Primi successi in alcune amministrazioni pubbliche al risparmio dei consumi elettrici

    Illuminazione pubblica: più lumen o meno Megawatt? Con i modulatori di voltaggio Venezia riduce i consumi. Con le nuove lampade Torino ferma e Milano frena gli aumenti dei consumi, pur illuminando di più.
    4 febbraio 2004

    Fino al 2002 compreso si registra in Italia un aumento continuo dei consumi energetici per l'illuminazione pubblica. E’ una delle voci minori dell’impiego dell’energia nel paese, ma è molto emblematica, quasi simbolica.
    Negli ultimissimi anni si incrociano due tendenze: da una parte salgono le richieste e le promesse di illuminare di più, dall’altra parte le aziende incaricate cominciano a usare lampade più efficienti (ai vapori di sodio) che potrebbero ridurre i consumi complessivi di energia.

    Stiamo cercando i dati – ancora parziali - di cosa è successo nel 2003. Emergono casi interessanti.

    A Venezia, (intesa come centro storico, non come Mestre) si cominciano a raccogliere i benefici dei “variatori” o modulatori di voltaggio, che diminuiscono la forza della luce durante la notte. E c’è stato un calo dei consumi, pur senza ridurre i punti luce.

    A Torino, dove l’illuminazione soprattutto in centro è aumentata, nel 2002 rispetto al 2003 si è registrato un primo anche se lievissimo calo dei Megawatt ora impiegati.

    A Milano invece c’è stato un ulteriore aumento di circa l’1,2%, ma l’Aem dice che l’aumento della luminosità è stato più che proporzionale.

    A Roma l’Acea ha inaugurato un programma che prevede l’ammodernamento della rete, con la sostituzione delle lampade vecchie con quelle più efficienti, e la realizzazione di nuovi punti luce. Altalenante il consumo di GWh, con un calo dal 2001 al 2002 (dai 150 GWh a 147,2) e poi un aumento nel 2003 (156 GWh).

    Con le lampade più efficienti i consumi potrebbero diminuire, se si andasse in controtendenza rispetto alle richieste di avere più luce o almeno se si generalizzasse – con i voltatori o con altri sistemi- l’idea di poter ridurre la luce dopo l’una di notte.

    PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.8 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)