Cultura

Lista Cultura

Archivio pubblico

I giorni di Antigone di Dacia Maraini - Rizzoli -

Contro le leggi arroganti di un Signore della guerra, Antigone reagi' con la pieta'; e con il semplice gesto di ricomporre e seppellire un corpo morto.
14 ottobre 2006

Nulla c'era di ideologico nella pieta' di Antigone, eppure il Signore della guerra lo interpreto' come qualcosa di profondamente eversivo che metteva in dubbio la sua stessa legittimita'. E dunque un gesto, una semplice azione, puo' essere in grado di minare le certezze su cui si basa l'autorita' di un capo, la consuetudine di una legge cittadina.

Il "gesto" di Dacia Maraini si puo' identificare con le parole; le parole, che anche se non hanno la perfezione e la forza assoluta delle azioni concrete e fisiche (come il gesto di Antigone), possono aiutarci a capire, a riflettere e a fare memoria.

In questo "quaderno di cinque anni" Dacia Maraini racconta di Safiya, la giovane donna nigeriana che rischio' la pena di morte per aver subito e denunciato una violenza sessuale, e di Amina che fu lapidata dai suoi stessi concittadini; e poi di schiave, nel mercato globale della prostituzione, e di bambini sfruttati a Manila; di fabbriche d'armi e dell' iniquita' della caccia; della perduta occasione del referendum sulla procreazione assistita e della devastazione incessante del patrimonio naturale.

Con le parole Dacia Mariani cerca di raccontare i fatti per aiutare se stessa e gli altri a capire gli eventi e a capire che, contro ogni forma di cinismo, e' indispensabile rilanciare la partecipazione personale, il coraggio delle proprie idee nella speranza di un cambiamento possibile.

Articoli correlati

  • La tortura va combattuta anche in Italia
    Sociale
    Non c'è cosa più terribile che possa riguardare due persone.

    La tortura va combattuta anche in Italia

    Le bellissime voci dei rifugiati raccontano. Al Palladium di Roma, l'evento-spettacolo "Di Untori e Altri Demoni" e la raccolta di firme per introdurre il reato di tortura
    26 giugno 2013 - Lidia Giannotti
  • L'energia nucleare, problema di scorie
    Ecologia

    L'energia nucleare, problema di scorie

    Dialogo di una scrittrice preoccupata con un amico esperto di Monaco di Baviera. Gli esperti: alle prossime generazioni lasciamo bombe nel sottosuolo. «Perché secondo te la Cina si incaponisce su un piccolo Paese povero arrampicato sulle montagne? «Il Tibet possiede miniere di uranio».
    8 aprile 2008 - Dacia Maraini
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.26 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)