Cultura

Lista Cultura

Archivio pubblico

Non chiamatemi persona

11 marzo 2010
Lorenzo Bottone

Ero lì
Perché mi avevano promesso un lavoro.
Mi serviva,
volevo aiutare la mia famiglia.

Violenza

E’ stato tre mesi fa,
sono morta a tredici anni nella stanza di un bar

in mezzo ad uomini di sessanta;
mi toccavano con violenza,
mettevano le mani dappertutto.
Io non volevo…
Urlavo, piangevo
E son svenuta.
Ma per loro era un gioco,
la chiamavano beneficenza.
In fondo io avevo fame…
E con quattro spiccioli per il pane
Si son venduti la mia dignità.

E’ stato tre mesi fa,
ora tutto è tornato normale.
Non svengo nemmeno più.
Faccio soltanto la mia professione,
eseguo gli ordini del padrone;
ma non chiamatemi persona
ognuno sa che sono “cosa”.

E non servirebbe correre fin lassù:
il cielo, il suo intenso blu,
non potrebbero colorare
una vita come l’incubo
che ogni notte mi assale
e al mattino continua a farmi male.

Una sola domanda ho da farti, uomo;
lasciati guardare dritto negli occhi:
mi dici cosa sei diventato?
Non provi vergogna,
non usi rispetto
nemmeno per chi è come te nell’aspetto;
soltanto quel sentimento
chiamato pentimento
ti può salvare:
perché rimani uomo,
Non sei un animale.

Sono morta tre mesi fa.
Era un venerdì...
E non lo dimenticherò mai più.

 

Articoli correlati

  • Il Paese delle donne: rivista
    Sociale
    Una realtà viva e dinamica di impegno sociale e civile

    Il Paese delle donne: rivista

    Il Paese delle donne contiene e continua esperienze che vanno scoperte e poste in risalto come l’attivismo sui grandi temi della memoria, dalla legalità ai percorsi esistenziali e resistenziali, dalla pace ai diritti umani, da quando si sono emancipate a partire dagli anni caldi della contestazione.
    27 giugno 2020 - Laura Tussi
  • Pace, Donne, Disarmo
    Pace
    Il motore della finanza globale risiede nell’export di armi

    Pace, Donne, Disarmo

    Nella giornata internazionale delle donne per il disarmo, ricordiamo l’impegno di molteplici attiviste sui grandi temi del disarmo nucleare, dalla marcia mondiale della pace e della nonviolenza al Petrov Day
    25 maggio 2020 - Laura Tussi
  • Agenda Onu 2030: pensare la pace
    Pace
    La terrestrità unisce donne e uomini e ogni essere vivente in spazi e tempi di fraternità e sororità

    Agenda Onu 2030: pensare la pace

    In questi giorni, è stato l’anniversario della morte del colonnello sovietico Petrov che è riuscito a salvare l’umanità dalla terza guerra mondiale e nucleare, il giorno 26 settembre del 1983, in piena guerra fredda
    24 maggio 2020 - Laura Tussi
  • Giornata Internazionale delle donne per il Disarmo
    Pace
    Ricorre il 24 maggio la Giornata internazionale delle donne per il disarmo

    Giornata Internazionale delle donne per il Disarmo

    Solo la lotta del movimento di liberazione delle donne (alla cui scuola ed alla cui sequela tutti gli esseri umani possono e debbono porsi) libera l'umanita' dalla violenza
    23 maggio 2020 - Peppe Sini
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.36 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)