Cultura

Lista Cultura

Archivio pubblico

Francesca Borri, Qualcuno con cui parlare. Israeliani e palestinesi, ManifestoLibri 2010

Un libro come una Spoon River. Solo che non si racconta la vita passata, ma un futuro incerto. Dove tutti sono altri dal ruolo loro cucito addosso
31 dicembre 2010
Christian Elia
Fonte: da PeaceReporter - 31 dicembre 2010

La Palestina la puoi raccontare per sempre, senza trovarne mai il confine. Israele lo puoi cercare nello stesso luogo, ma senza capirlo. Qualcuno con cui parlare, libro di Francesca Borri, edito da manifestolibri, è un coro.

il muro in palestina Ricordi della tragedia greca, dove una massa silenziosa rappresentava la coscienza collettiva, la cittadinanza, posta di fronte al potere. A giudicarlo, redarguirlo, ammonirlo. Si affievolì, nel tempo, la sua voce. Le interviste raccolte in questo libro sono differenti tra loro, distanti a volte. Legate dalla parola, strumento di dignità. Non tutte hanno la stessa credibilità, ma hanno spazio, come in un confronto degno di questo nome.

Qualcuno con cui parlare, appunto. Titolo del libro e di una delle interviste, quella a Nurit Peled e Bassam Aramin. Israeliana la prima, palestinese il secondo. Hanno pianto nello stesso modo, la prima per sua figlia, il secondo per la sua bambina. Uccisi. Entrambi hanno scelto di non ritenere assassino, a prescindere, l'altro. Ma per incontrarsi non hanno un luogo. Il simbolo di una terra stretta, dove ci si incontra in divisa o, nella migliore delle ipotesi, in una piega di questo conflitto che è anche di classe.

Dopo lo scoppio della Seconda Intifada nel 2000, dopo più di seimila morti, siamo davanti a un muro. Manca un interlocutore, si dice, come se fosse vero. Come se la verità non fosse che lo si vuole scegliere, fatto su misura. Questo libro ha il pregio di non scegliersi l'interlocutore, ma di andarlo a cercare, in direzione ostinata e contraria. L'intellettuale, il rabbino, il giurista, il combattente, il politico, il medico. Una Spoon River del conflitto israelo-palestinese, solo che non si racconta la vita passata, ma il futuro incerto. Dove tutti sono altro dal ruolo loro cucito addosso.

Non è un libro dove cercare speranza o verità, ma uno strumento per formulare domande. Uno specchio, ricco di riferimenti culturali, che ti lasciano da solo di fronte all'evidenza della complessità di una ferita che, dal 1948, non trova una benda abbastanza salda da rimettere assieme quello che unito è da sempre, ma che tanti lavorano per dividere.
Parole, pesanti come pietre. Sulle quali iniziare a costruire.

Articoli correlati

  • Mostra del Cinema di Taranto dal tema «Lo sguardo della tigre»
    Cultura
    Quattro giorni di cinema al femminile a Taranto

    Mostra del Cinema di Taranto dal tema «Lo sguardo della tigre»

    Storie di donne, testimonianze di vita di registe e attrici che da Afghanistan, Iran, Palestina e Marocco si danno appuntamento a Taranto.
    23 giugno 2022 - Fulvia Gravame
  • Essere giovani in Palestina
    Palestina
    Perdere la vita cercando la libertà: Mohamed Akram Abu Salah

    Essere giovani in Palestina

    La polizia israeliana uccide un 17enne palestinese. Mano pesante dell'esercito con un bilancio di 31 palestinesi feriti e 11 arrestati. Martin Luther King diceva: “Le nostre vite cominceranno a finire il giorno in cui staremo zitti di fronte alle cose che contano”.
    19 febbraio 2022 - Francesco Pio Pierro
  • Luisa Morgantini ricorda Maurizio Magnani
    Palestina
    Intervista a Luisa Morgantini: “Maurizio Magnani vive!”

    Luisa Morgantini ricorda Maurizio Magnani

    Il compagno Maurizio Magnani, cognato di Moni Ovadia, ci ha da poco lasciati provocando un enorme sgomento e dolore sia negli ambienti Anpi sia in AssoPacePalestina, dove militava con il suo importantissimo contributo in un impegno diretto, dedito e costante alle cause di giustizia e pace.
    15 ottobre 2021 - Laura Tussi
  • Per il popolo palestinese chiediamo la revoca del Memorandum di cooperazione militare Italia-Israele
    Disarmo
    Israele diventava così un partner strategico

    Per il popolo palestinese chiediamo la revoca del Memorandum di cooperazione militare Italia-Israele

    Si incoraggiano le rispettive industrie per la ricerca, lo sviluppo e la produzione nel settore militare
    19 maggio 2021 - Rossana De Simone
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.44 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)