Cultura

Lista Cultura

Archivio pubblico

J.M. Coetzee "VERGOGNA" Einaudi Tascabili - euro 10,00 -

Coetzee (premio Nobel 2003 per la letteratura) ci narra una storia ambientata in Africa. Un'Africa, la sua, difficile, dura, crudele, violenta. Un'Africa che cerca disperatamente di far quadrare i conti con il proprio passato di ingiustizie disumane dei bianchi nei confronti dei neri. Ma i conti non tornano (e come potrebbero mai tornare?) ed il tutto e' ben piu' complicato di quanto si possa immaginare...

In "Vergogna" viene raccontata la storia di un professore, David Lurie, insegnante alla Cape Town University. Un uomo che all'eta' di cinquantadue anni, cerca, come puo', di mantenersi in equilibrio fra cultura e sessualita'. Vorrebbe, il professore, portare a termine un lavoro su Byron; all'inizio aveva pensato ad un'opera critica, ma poi, i vari tentativi si sono impantanati nel tedio, cosi' pensa che forse, sarebbe meglio scrivere musica: Byron in Italia, una meditazione sull'amore eterosessuale in forma di opera da camera. Il professore, dopo due divorzi ed una figlia, crede di aver risolto il problema del sesso abbastanza bene. Ma, quando Soraya, una prostituta di colore che era solito incontrare ogni giovedi' pomeriggio, decide di non volerlo piu' vedere, prova un'improvvisa ombra d'invidia nei confronti del marito di questa giovane donna. Il professore sa che l'affetto che lui prova per Soraya e' lo stesso che Soraya prova per lui; e sa che l'affetto non e' amore, ma se non altro e' suo parente stretto! Ma Soraya se ne va per la propria strada ed il professore rimane solo. Egli e' convinto che la bellezza di una donna non appartenga solo a lei, ma faccia parte del tesoro con cui, la donna, approda a questo mondo e percio' va spartita. Melanie, una sua alunna, e' molto bella, fra loro due nasce qualcosa, ma poi la ragazza lo denuncera' per molestie sessuali... ed allora tutto cambiera' improvvisamente nella vita del protagonista.
Abbandonata l'Universita', David chiede ospitalita' alla figlia Lucy che vive in campagna nella parte orientale della Provincia del Capo. Li', in campagna, il post-apartheid e' decisamente difficile. I neri, di diverse etnie, attingono con disinvoltura alla lingua inglese (il tedesco, invece, viene usato soprattutto quando servono astrazioni asettiche) senza sapere, al contrario del professore, che l'inglese e' una lingua stanca, friabile, rosa all'interno dalle termiti; una lingua di cui non ci si puo' fidare, una lingua alla quale gli africani non possono e non devono affidare i loro racconti le loro storie il loro passato. Ma il problema non e' la lingua, il problema e' la difficoltà del vivere quotidianamente bianchi accanto a neri, e neri accanto a bianchi. Lucy, la figlia del professore, accetta abitudini, usi e costumi dei neri. Accetta violenze, umiliazioni. Accetta di provare vergogna, quando toccherebbe invece ai neri provare vergogna. Accetta, quasi che il suo accettare potesse sanare, almeno in parte, il male fatto ai neri...
Lei (Lucy) crede che bisogna saper ricominciare dal fondo. Senza niente. Senza una carta da giocare; senza un'arma; senza una proprieta', senza un diritto, senza dignita'. Lui (il professore) ad un certo punto capisce che, se si trattasse di una partita a scacchi, sua figlia avrebbe subito uno scacco matto; ma sa perfettamente che nessuno sta giocando e che, l'unica possibilita' di sopravvivenza nel Sud Africa del dopo-apartheid e', per i bianchi (così come per i cani ed anche probabilmente per gli stessi neri) l'abbandonarsi al proprio destino...

Articoli correlati

  • Good and Bad News
    Disarmo
    Negli scenari degli avvenimenti nel mondo, tra speranza e disperazione

    Good and Bad News

    Importanti eventi e notizie in questi giorni. Il summit tra Kim e Trump sul disarmo nucleare nella Penisola coreana. L’acuirsi della tensione militare tra India e Pakistan. E (almeno questa è una buona notizia) la ratifica del Sudafrica al Trattato per la proibizione delle armi nucleari
    27 febbraio 2019 - Roberto Del Bianco
  • Madiba, l'Italia e l'Europa
    Europace

    Madiba, l'Italia e l'Europa

    Grazie Madiba padre e maestro di tutti noi.
    6 dicembre 2013 - Raffaella Chiodo Karpinsky
  • Appello alle autorità sudafricane: giustizia e diritti a partire dai poveri nel Sudafrica dei Mondiali
    Alex Zanotelli
    Mondiali Sud Africa

    Appello alle autorità sudafricane: giustizia e diritti a partire dai poveri nel Sudafrica dei Mondiali

    I poveri vengono spinti fuori, lontani dagli occhi dei turisti e dei giornalisti. Peraltro, le misure di sicurezza adottate in occasione dei Mondiali limitano fortemente il diritto dei cittadini a esprimere democraticamente il dissenso rispetto a questo stato di cose.
    18 giugno 2010 - Alex Zanotelli
  • Chi non agisce è un morto che cammina
    PeaceLink Abruzzo
    La campagna del settimanale Carta ha fatto tappa anche in Abruzzo

    Chi non agisce è un morto che cammina

    Se il “primo mondo” dorme assopito dai fumi del falso benessere e del mercato, sono gli ultimi della Terra a indicarci la strada e a lottare per noi.
    27 maggio 2010 - Paolo
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.26 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)