Cultura

Lista Cultura

Archivio pubblico

Ogni giorno in Palestina

Five broken cameras: tra dolore privato e resistenza pubblica

Film-doc realizzato dal fim-maker palestinese Emad Burnat e dal regista israeliano Guy Davidi, candidato agli Oscar 2013 come “Miglior documentario”.
2 febbraio 2013
Teresa Manuzzi

la locandina del film "Five broken cameras"

A Roma il primo febbraio, in occasione de “Il Mese del documentario”, manifestazione organizzata da Doc/it (associazione documentaristi italiani) che si tiene presso la “Casa del Cinema”, è stato trasmesso in anteprima "Five broken cameras", Film-doc realizzato dal fim-maker palestinese Emad Burnat e dal regista israeliano Guy Davidi e candidato agli Oscar 2013 come “Miglior documentario”.

Il film racconta cinque anni di quotidiana resistenza non violenta da parte di  un piccolo villaggio palestinese: Bi'lin, situato vicino Ramallah.

Emad, figlio di contadini, padre di famiglia e giornalista per passione, filma tutto quello che accade nel suo villaggio e nella sua vita. Lo fa un po’ per denuncia un po’ perché filmando si sente protetto ed in grado di poter affrontare tutto: i soldati, il dolore per l’arresto dei suoi fratelli, la rabbia dei contadini che non possono più coltivare la loro terra a causa degli espropri da parte del governo israeliano.

Il montaggio riesce a far evolvere parallelamente due narrazioni che poi, inevitabilmente, confluiscono in una sola grande narrazione storica. I primi 5 anni di vita dell’ultimo figlio di Emad si intersecano ripetutamente alle manifestazioni pacifiche condotte, ogni venerdì, dagli abitanti di Bi’Lin vicino alla “barriera” vigilata dai soldati israeliani. Dopo circa un anno il bambino comincia a pronunciare le sue prime parole: “Muro”, “Soldati”, “Cartucce”.

 

Pubblico e privato  immagine tratta dal sito http://www.bilin-village.org/italiano/

La dimensione privata e quella pubblica si mescolano continuamente nel film e nella vita reale degli abitanti di Bi’lin. Perché in una terra come la Palestina non è possibile avere una separazione netta della sfera privata da quella pubblica. Le incursioni notturne dei militari e il blocco di qualsiasi attività contadina a causa dell’occupazione delle terre sono alcune delle cause di questa continua mescolanza.

Un sorriso fiorisce sul volto degli spettatori quando tutti i bambini del villaggio manifestano con cartelloni e slogan contro i soldati israeliani, lamentandosi per il fatto che a causa dei bliz notturni, degli spari, e delle urla non riescono a dormire: “Lasciateci dormire!” , “Vogliamo dormire!” urlano. Il più grande avrà avuto 10 anni, manifestano tutti insieme, come fosse un gioco. La realtà però supera amaramente la fantasia e sfiora il grottesco. Quando i soldati inizialmente indietreggiano a causa del piccolo corteo dei bimbi qualcuno ride: “Guardate, scappano! Hanno paura dei bambini!”, poi  però i soldati rispondo alla manifestazione cercando casa per casa i bambini che hanno manifestato per arrestarli e portarli in prigione.

 

una scenda del film: il padre di Emad cerca di bloccare di suo figlio da parte dell'esercito israeliano salendo sulla jeep dell'esercito.

 L'intervento della montatrice

Dopo la proiezione del film, grazie alla tecnologia, è stato possibile l’intervento via sky-pe di Véronique Lagoarde-Ségot, la montatrice francese di “Five broken cameras”.

Véronique ha raccontato che inizialmente c’erano 900 ore di girato, ma fortunatamente a lei ne sono arrivate solo 200. La donna francese ha detto che si è trovata a dover lavorare con delle immagini “grezze”, amatoriali, non viziate da tecnica cinematografica e per questo più vere e reali.

Forse anche per questo ha accettato la sfida e ha deciso di occuparsi del montaggio, durato 10 settimane, dando così la possibilità a noi di vivere cinque anni di proteste non violente in appena 85 minuti di film. Veronique ha poi rivelato che è stata sua l’idea di dare alla moglie di Emad importanza e visibilità.

Pezzo per pezzo, telecamera dopo telecamera, manifestazione dopo manifestazione è così possibile osservare e partecipare emotivamente alla quotidiana resistenza pacifica di un piccolo villaggio palestinese contro l’occupazione armata israeliana.

Articoli correlati

  • Honduras: "Non mi hanno piegato e la lotta continua"
    Latina

    Honduras: "Non mi hanno piegato e la lotta continua"

    Intervista a Raúl Álvarez detenuto politico
    30 agosto 2019 - Giorgio Trucchi
  • ARENGARIO - David Maria Turoldo, il Resistente
    Storia della Pace
    La Rivista ARENGARIO, giornale di Monza, Direttore Franco Isman, presenta:

    ARENGARIO - David Maria Turoldo, il Resistente

    Sulla Rivista di Monza Arengario, Direttore Franco Isman, Recensione al Libro autoprodotto "David Maria Turoldo, il Resistente" di Laura Tussi e Fabrizio Cracolici, che vedrà una sua continuità letteraria e una ulteriore realizzazione di impegno militante con Mimesis Edizioni
    28 agosto 2019 - Laura Tussi
  • Memoria, migrazione, radici: il Partigiano Bacio
    Sociale
    Presentazione del Libro Un Racconto di Vita Partigiana. La storia di Bacio

    Memoria, migrazione, radici: il Partigiano Bacio

    Presentazione del Libro Un Racconto di Vita Partigiana a Anguillara Veneta - Padova, paese di origine del Partigiano Deportato Emilio Bacio Capuzzo
    28 agosto 2019 - Laura Tussi
  • Cosa e' l'antifascismo
    Sociale
    Tutte le vittime vanno salvate

    Cosa e' l'antifascismo

    L'antifascismo e' la nonviolenza, non altro che la nonviolenza. L'antifascismo e' l'affermazione che ogni essere umano ha diritto alla vita, alla dignita', alla solidarieta' e che ogni persona bisognosa di aiuto tu devi soccorrerla, accoglierla, assisterla.
    18 agosto 2019 - Peppe Sini
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.26 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)